San Nicandro Garganico: La Lega riunisce in forma straordinaria le forze sane contro l'inciucio bis

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

La segreteria cittadina della Lega non resta ferma di fronte ad un dietrofront sospetto del sindaco Ciavarella. Una crisi senza precedenti nella storia della politica sannicandrese che vede prima accusare i maggiori partiti che lo hanno sostenuto permettendogli di vincere le amministrative del 2018, poi trattare con il centro sinistra per restare sempre in carica dopo le sue dimissioni e poi nel momento in cui gli accordi erano al capolinea vederlo richiamare nuovamente tutti i partiti che egli stesso aveva accusato di essere litigiosi e ricchi di troppi personalismi.

La Lega da subito ha captato una sofferenza dello stesso sindaco e di alcuni suoi fidati sulla presenza in giunta dell'Assessore Antonio Berardi. Sono state fatte mille manovre pur di vederlo estromesso. Ricordiamo che l'assessore Berardi è stato votato da centinaia di cittadini sannicandresi e riscuote ancora oggi proprio grazie al suo continuo impegno un indice di gradimento molto alto.

Oggi la giunta è stata azzerata quindi l'assessore Berardi è fuori, proprio come preannunciato mesi fa! Allora ci si chiede se ne è valsa la pena mettere un paese in forte crisi solo per eliminare la Lega dalla compagine amministrativa in un momento delicato come questo. Dall'inizio la Lega ha urlato all'inciucio con i partiti di centro sinistra ai quali comunque gli è stato riconosciuto il merito di aver proposto una discontinuità e situazioni diverse come quella di non accettare allontanandosi da una realtà davvero critica all'interno di alcuni partiti che ancora supportano il sindaco. Allora dove sta il vero problema all'interno di questa amministrazione? Era la Lega? Era tizio? Chi era? L'innaturalezza di un accordo con il centro sinistra e UDC poteva sembrare strano dal punto di vista umano e di chi ha votato, ma a livello politico era un senso di responsabilità, come quella che oggi chi si è reso indipendente ritorna sui suoi passi e rifà la maggioranza con gli stessi che erano litigiosi e che creavano "baccano" all'interno del gruppo. Ma di cosa stiamo parlando? Qualche sera fa davanti al Palazzo di Città sito in Corso Garibaldi si è assistito ad una pagina di politica se così la si può chiamare da brividi perché i termini usati e la forza e la rabbia con cui ci si è scagliati contro il primo cittadino sono stati troppo pesanti! Può negarlo qualcuno? Erano presenti diversi rappresentanti di ogni compagine politica. La cosa triste della vicenda è stata la freddezza con il quale tutti hanno assistito senza proferir parola e senza difendere un rappresentante delle istituzioni. Questo deve farci riflettere, perché il sindaco è ritornato ostaggio e ha dovuto ricompattare parte della maggioranza iniziale che a breve darà forse l'appoggio a questo minestrone! Ma fortunatamente qualcuno ha dato prova di grosso rispetto del senso delle istituzioni allontanandosi da certi atteggiamenti violenti e fuori da ogni portata civile. In paese è un chiacchiericcio continuo e la soluzione migliore sarebbero le dimissioni per far spazio ad un Commissario Prefettizio per liberare i cittadini, il comune e soprattutto l'inesperienza e la troppa bontà del sindaco che oggi a furia di essere tirato con la giacca è rimasto nudo di tutto, forse anche della sua dignità costretto a fare questo passo. Allora sulla base di quanto accaduto, la Lega apre un tavolo di trattative con tutte quelle forze politiche che vogliono liberare il paese, collaborare almeno su questo fronte rispettando le varie appartenenze politiche e i propri ideali politici, purché si liberi San Nicandro Garganico.

Non possiamo assistere a questo scempio. Confido in questi amici che accoglieranno, ne sono certo, l'invito della Lega quale io oggi rappresento nella nostra città. Un incontro che apra a nuovi scenari politici come un rodaggio per mettere a frutto idee e progetti per tutelare in primis la figura del sindaco e poi quella di tutti i cittadini sannicandresi che potrebbero restare ignari di certi giochetti che a noi oggi non ancora è dato sapere.

Lega per Salvini (sezione di San Nicandro Garganico)

Torna su
FoggiaToday è in caricamento