Cittadinanza ai figli di stranieri, anche Foggia si batte per lo "Ius Culturae": 2mila firme raccolte. "Italiano è chi studia"

I Comitati di Azione civile foggiani, in collaborazione con numerose associazioni, stanno portando avanti la raccolta firme in concomitanza con la ripresa dell'iter in Parlamento del disegno di legge

I Comitati di azione civile della Provincia di Foggia hanno partecipato alla raccolta firme per la proposta di legge di iniziativa popolare relativa al cosiddetto "Ius Culturæ". Spontaneamente e senza alcuna rete organizzativa sono stati quasi duemila i sottoscrittori nei vari comuni della Capitanata. Significativa la raccolta firme a Foggia città, dove i comitati hanno avuto anche la collaborazione di associazioni di volontariato, come "Le Ragioni del Cuore", "Africa United", “Possibili Scenari” e altre vicine ai temi dell'integrazione. Centinaia di firme sono state raccolte inoltre anche nei comuni della provincia, ad Orsara di Puglia, Orta Nova, Apricena, Vieste, Carapelle, Lucera e San Severo.

"Con questa iniziativa promossa dai Comitati di azione civile, che coincide con la ripresa in Parlamento dell’iter dell’esame del disegno di legge, si è voluto dare la possibilità anche ai cittadini di Capitanata di partecipare a una iniziativa politica, a una battaglia di civiltà" spiegano dai Comitati. Il nome dell’iniziativa infatti è #italianochistudia. La misura riguarda i diritti dei figli di genitori stranieri che compiono un ciclo di studi in Italia. Si tratta di bambine e bambini, il più delle volte nati in Italia, inseriti nei percorsi scolastici, che parlano l'italiano, che frequentano le stesse scuole di bambine e bambini già cittadini italiani, con i quali condividono giochi, passioni, percorsi formativi ed educativi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La legge sullo "Ius Culturæ" consentirebbe a questi bambini di non sentirsi "stranieri" nel Paese nel quale sono nati e vivono, di essere del tutto uguali nei diritti ai loro compagni - continua la nota stampa-. È la scuola il vero luogo di costruzione della cittadinanza di una persona, intesa come capacità di sentirsi parte di una comunità e di contribuire al bene della stessa con l’esercizio della propria responsabilità. Il riconoscimento della cittadinanza italiana è riconoscimento della cittadinanza europea.
Nella condivisione di responsabilità e di diritti, di reciproco riconoscimento e rispetto, il sogno europeo dell’unità dei popoli può oggi trasformarsi in concreta esperienza storica e nuovo rinascimento di umanità. Per questo la proposta di istituire lo "ius culturae" appare oggi più che mai necessaria per costruire percorsi fattivi di integrazione e sviluppo sociale" concludono i comitati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Foggia: trovato cadavere in un'auto

  • Coronavirus: le persone con il gruppo sanguigno A sviluppano sintomatologie più gravi, gruppo 0 è più protetto

  • Omicidio a Cerignola: uccisa donna di 41 anni in via Fabriano, il marito il principale indiziato del delitto

  • "Il botto è stato tremendo". Carabinieri evitano il linciaggio di due giovani, nel tamponamento ferito un bambino

  • Violenza sessuale su ragazza di 20 anni. Il racconto tra le lacrime: "Mi teneva così stretta che non riuscivo a liberarmi"

  • A Vieste l'alloggio è gratis: appartamento fronte mare in cambio di 5 ore al giorno con i cani dell'oasi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento