Cittadinanza ai figli di stranieri, anche Foggia si batte per lo "Ius Culturae": 2mila firme raccolte. "Italiano è chi studia"

I Comitati di Azione civile foggiani, in collaborazione con numerose associazioni, stanno portando avanti la raccolta firme in concomitanza con la ripresa dell'iter in Parlamento del disegno di legge

I Comitati di azione civile della Provincia di Foggia hanno partecipato alla raccolta firme per la proposta di legge di iniziativa popolare relativa al cosiddetto "Ius Culturæ". Spontaneamente e senza alcuna rete organizzativa sono stati quasi duemila i sottoscrittori nei vari comuni della Capitanata. Significativa la raccolta firme a Foggia città, dove i comitati hanno avuto anche la collaborazione di associazioni di volontariato, come "Le Ragioni del Cuore", "Africa United", “Possibili Scenari” e altre vicine ai temi dell'integrazione. Centinaia di firme sono state raccolte inoltre anche nei comuni della provincia, ad Orsara di Puglia, Orta Nova, Apricena, Vieste, Carapelle, Lucera e San Severo.

"Con questa iniziativa promossa dai Comitati di azione civile, che coincide con la ripresa in Parlamento dell’iter dell’esame del disegno di legge, si è voluto dare la possibilità anche ai cittadini di Capitanata di partecipare a una iniziativa politica, a una battaglia di civiltà" spiegano dai Comitati. Il nome dell’iniziativa infatti è #italianochistudia. La misura riguarda i diritti dei figli di genitori stranieri che compiono un ciclo di studi in Italia. Si tratta di bambine e bambini, il più delle volte nati in Italia, inseriti nei percorsi scolastici, che parlano l'italiano, che frequentano le stesse scuole di bambine e bambini già cittadini italiani, con i quali condividono giochi, passioni, percorsi formativi ed educativi.

"La legge sullo "Ius Culturæ" consentirebbe a questi bambini di non sentirsi "stranieri" nel Paese nel quale sono nati e vivono, di essere del tutto uguali nei diritti ai loro compagni - continua la nota stampa-. È la scuola il vero luogo di costruzione della cittadinanza di una persona, intesa come capacità di sentirsi parte di una comunità e di contribuire al bene della stessa con l’esercizio della propria responsabilità. Il riconoscimento della cittadinanza italiana è riconoscimento della cittadinanza europea.
Nella condivisione di responsabilità e di diritti, di reciproco riconoscimento e rispetto, il sogno europeo dell’unità dei popoli può oggi trasformarsi in concreta esperienza storica e nuovo rinascimento di umanità. Per questo la proposta di istituire lo "ius culturae" appare oggi più che mai necessaria per costruire percorsi fattivi di integrazione e sviluppo sociale" concludono i comitati.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento