La Regione non molla il Gino Lisa. Giannini: “Vedremo come risolvere la partita”

L’assessore Giovanni Giannini ha risposto all’interrogazione a firma di Rosa Barone. Sulla questione dei 14 milioni di euro la parola passa a Raffaele Piemontese

L'aeroporto di Foggia

Sul Gino Lisa la battaglia prosegue in Consiglio regionale. L’assessore ai Trasporti e Lavori pubblici Giovanni Giannini questa mattina ha risposto all’interrogazione a firma del consigliere regionale dei cinquestelle, Rosa Barone, ovvero “qual è la posizione della Regione nei confronti dell’allungamento, chi è considerato il beneficiario di questo allungamento e, in particolare, se ad oggi i 14 milioni che erano previsti dal fondo CIPE sono ancora a disposizione della Regione”.

Giannini ha ribadito che la Regione Puglia persegue l’obiettivo dell’allungamento della pista dell’aeroporto Gino Lisa, “perché rientra in uno degli atti di programmazione che la Regione stessa aveva messo a punto”.

L’assessore ha aggiunto: “Aspettiamo le determinazioni dell’Unione europea e, ove mai dovesse esserci un provvedimento che ritiene di sussistere gli aiuti di Stato, vedremo come risolvere la partita. Sulla questione dei 14 milioni di euro Giannini ha rigirato la domanda all’assessore Raffaele Piemontese.

Non si è fatta attendere la replica di Giannicola De Leonardis: “Sono lieto per le rassicurazioni fornite oggi nell’aula consiliare dall’assessore ai Trasporti Giannini, in merito alla volontà della Regione Puglia di procedere nell’iter per il prolungamento della pista di atterraggio e decollo dell’aeroporto ‘Gino Lisa’. Una volontà che in particolare nell’ultimo anno si era espressa in maniera contraddittoria, determinando quelle reazioni che l’assessore ha bollato come ‘polemiche strumentali dettate dalla campagna elettorale’, e che erano invece prese di posizione legittime e necessarie per fare chiarezza su quanto (non) sta avvenendo intorno allo scalo civile foggiano".

Il consigliere regionale aggiunge: "Giannini ha anche fatto riferimento a un imminente incontro a Bruxelles per discutere nel merito con la Commissione Europea, e si è detto pronto a soluzioni alternative in caso di bocciatura dei contributi bollati come ‘aiuti di Stato’. Strade alternative che erano già state, in verità, praticate con la compagnia low cost Raynair, il cui primo contratto con Aeroporti di Puglia prevedeva un cospicuo contributo ma solo per la fase di start-up: terminata quella il finanziamento per incentivare la compagnia non è terminato come da prassi, ma è stato rinnovato e coperto con risorse tratte dal bilancio regionale".

E conclude: "Non analoga è stata l’attenzione riservata al  ‘Gino Lisa’, per incentivare altre compagnie e garantire la continuità di alcuni voli e tratte in attesa che la tela di Penelope dell’allungamento della pista finalmente si dipanasse. Adesso invece continuiamo ad attendere, tra riserve e scongiuri,  che agli annunci, alle promesse e ai proclami seguano atti e iniziative concrete, efficaci e risolutive”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Foggia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Cerignola: spara e uccide la vicina, ferisce la moglie e poi si toglie la vita

  • Omicidio nel Foggiano: ucciso 'Fic secc', noto esponente della criminalità garganica

  • Scacco al clan: maxi operazione antimafia di Carabinieri e Cacciatori, 50 arresti (anche a Foggia e Cerignola)

  • Quel piano 'bomba' per uccidere 'Fic Secc': ieri l'omicidio a colpi di fucile dell'erede di Romito, stub e perquisizioni

  • Bomba in vicolo Ciancarella, a Foggia: colpita la friggitoria 'Poseidon', malore per un residente

  • È foggiano il miglior panettone artigianale tradizionale d'Italia: è di Andrea Barile del bar pasticceria 'Terzo Millennio'

Torna su
FoggiaToday è in caricamento