Siglato il gemellaggio con la città francese di Quimper

Fiore: “Questo gemellaggio rappresenta per le nostre città l’opportunità di intraprendere un percorso di crescita e sviluppo, collaborando a progetti comuni e integrando le nostre conoscenze ed eccellenze

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Le città di Foggia e di Quimper, in Francia, sono ufficialmente gemellate. Giovedì 21 luglio, presso la sede della Municipalità della cittadina francese, la delegazione del Comune di Foggia – composta dagli assessori Luigi Fiore (capodelegazione) e Vinicio Di Gioia, e dal consigliere comunale Michele Sisbarra – ha sottoscritto il protocollo di gemellaggio con il sindaco Bernard Poignant.

Capitale della Cornovaglia, Quimper è una delle città più importanti dell’ovest della Francia per essere al centro del più importante distretto agroindustriale francese. I primi contatti con la città di Foggia si ebbero nel 2010, quando una delegazione della municipalità giunse in Capitanata per una visita ufficiale. La determinazione dell’Amministrazione francese nel sancire velocemente l’amicizia è stata di fondamentale importanza per la positiva formalizzazione del gemellaggio.

Il sindaco di Foggia, Gianni Mongelli, assente per far fronte ad improrogabili impegni istituzionali, ha sostenuto fin da subito la strategicità della sottoscrizione di un patto sociale ed economico con Quimper, sottolineando i vantaggi per entrambe le comunità che potranno rinvenire da questo accordo. “Anche se distanti centinaia di chilometri, Foggia e Quimper credo abbiano in comune molti aspetti – scrive Mongelli in una lettera consegnata al sindaco Poignant – la particolarità delle zone di confine, strette tra la terra e il mare, che ne fanno straordinari luoghi di passaggio e crocevia di culture, socialità, relazioni; la bellezza e la forza naturale di un paesaggio che ha messo a disposizione dell’uomo le sue infine ricchezze; l’amore per la terra, che ha determinato il fiorire di un’economia agricola che, ancor oggi, è alla base del nostro sistema sociale”.

La cerimonia ufficiale si è svolta nella sede della municipalità bretone, alla presenza di numerose autorità locali e dei rappresentanti dell’associazione italiana in Bretagna. “Foggia è una delle più importanti città del sud Italia, centro agricolo tra i più grandi del Paese – ha evidenziato il sindaco di Quimper – Questo gemellaggio, oltre a essere di stimolo per le nostre comunità, potrà sicuramente essere un primo passo per un’intesa economica tra i nostri territori, la cui vocazione naturale per l’agricoltura potrà essere la base di nuovi e solidi sviluppi. Ringrazio i cittadini e l’Amministrazione foggiana per aver creduto in questo accordo, sicuro che i nostri territori potranno beneficiarne  nel prossimo futuro”.

Un concetto, quello delle relazioni economiche tra i due territori, ripreso anche dall’assessore Fiore in occasione del suo intervento alla cerimonia. “Questo gemellaggio rappresenta per le nostre città l’opportunità di intraprendere un percorso di crescita e sviluppo, collaborando a progetti comuni e integrando le nostre conoscenze ed eccellenze. Foggia è da sempre un luogo di passaggio obbligato tra l’occidente e l’oriente, tra il nord e il sud dell’Italia, un crocevia di interessi economici e culture profondamente diverse tra loro, radicando così nella nostra gente il valore dell’accoglienza e della cooperazione. Elementi questi che vogliamo mettere ora a disposizione dei cittadini di Quimper, aprendo le porte della nostra città e rendendovi partecipi della nostra vita e delle nostre attività, soprattutto quelle che ci legano in maniera particolare come l’agricoltura e l’allevamento”.

Il prossimo appuntamento si svolgerà a Foggia, presumibilmente nel mese di ottobre, quando il sindaco Poignant e una delegazione istituzionale e economica di Quimper giungeranno in Capitanata per incontrare il sindaco Mongelli e i rappresentanti istituzionali della Capitanata. Tutte le attività del gemellaggio, infine, saranno finanziate grazie ai contributi dell’Unione Europea previsti dal programma Citizenship, che promuove gli scambi tra i territori dei Paesi europei.
 

Torna su
FoggiaToday è in caricamento