Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo i timonieri del centrodestra", Forza Italia ci crede (ancora). D'Attis al fiele su Longo e Agostinacchio: "Mi hanno deluso"

Elezioni regionali ma anche problemi più locali, come la fuoriuscita del consigliere Longo dal partito azzurro. Il segretario regionale accusa Agostinacchio, reo di averlo sponsorizzato. Trema l'assessorato

 

Ci sono stati soprattutto due convitati di pietra all'annuale assemblea provinciale di Forza Italia svoltasi oggi a Foggia: Bruno Longo e Paolo Agostinacchio. Il primo, reo di essere passato a Fratelli d'Italia lasciando gli azzurri con cui è stato eletto al Comune di Foggia; il secondo per essere stato primo garante e sponsor dell'operazione azzurra qualche mese fa. Le accuse arrivano direttamente dal segretario regionale di Forza Italia, Mauro D'Attis, che rincara la dose: "L'assessorato di Longo è nostro, il consigliere lo lasci". Si tratta, ovviamente, dell'assessorato ottenuto da Bruno Longo per il genero, Claudio Amorese. Landella pilatesco: "Decide il partito regionale". Si prevedono fulmini e saette nella maggioranza di governo foggiana. 

 Sguardo già rivolto alle regionali del 2020. Nel frattempo gli azzurri si riorganizzano sul territorio con la nomina dei delegati comunali e del nuovo organismo provinciale sempre guidato da Raffaele di Mauro. Fra le novità le nomine dei delegati comunali di Cerignola e San Severo, l’avvocato Antonio Grillo e il dottor Leonardo Di Tullio, confermati a Lucera il commercialista Michele Consalvo e l’avvocato Vincenzo Ronchi a Manfredonia. A Stornarella sarà Valerio De Angelis, già presiedente dell’Associazione Falcone e Borsellino, a prendere le redini azzurre mentre Francesco Battaglino siederà nel nuovo coordinamento provinciale. Novità anche su Anzano con Carmela Marciello, su Bovino con Michele Marseglia, ad Ischitella con Antonio Giangualano, su Peschici con Francesca Cilenti e su San Marco con Angelo Nardella delegato comunale e Pio Biavati dirigente provinciale. Negli altri comuni della provincia tutte riconferme da Luigi Guglielmo a Ortanova sino a Vincenzo Dimauro su Vieste, passando per Maria Pia Zifaro di Torremaggiore. 

Nel coordinamento provinciale presenti amministratori comunali e dirigenti di lungo corso: Paolo Russo da Ascoli, Massaro,Laguardia,Barbaro e Mallardo da Cerignola, Calabria e Buonavitacola da Lucera, Prencipe da Mattinata, Scirpoli da Monte S.Angelo, Russo da Ortanova, Matarante da Lesina, Masiello da Carlantino, Lombardi da San Giovanni rotondo, Di Salvia da Sannicandro, Caposiena e Danese da San Severo, Loredana Maruotti da Sant’Agata, De Simone e Monteleone da Torremaggiore, Tiziana Casavecchia da Vico, De Vita e Ursi da Vieste, la Spagnuolo da Zapponeta e i foggiani De Cosimo, Loiacono, Ruscillo, Bruno, Curatolo, De Cata, Filannino, Lepore, Pellegrini, Pepe, Quero, Sepalone, Poppa e Francesco Russo. 

A completare il quadro del riassetto la doppia nomina a Delegati Comunali per il capoluogo di Dario Iacovangelo e Pasquale Rignanese che guideranno il coordinamento cittadino di Foggia

“Da oggi Forza Italia avrà una segreteria cittadina - dice Iacovangelo - che dovrà essere punto di riferimento per tutti i nostri elettori e per tutti quanti coloro credono nel nostro modo di fare politica. 

Un traguardo che mi gratifica, sicuro che insieme al collega Rignanese e ai candidati che si sono spesi nelle scorse amministrative, saremo in grado di ascoltare tutte le realtà del nostro tessuto sociale ed economico”. 

“Sono lusingato di questo prestigioso incarico che il partito ha voluto conferirmi - aggiunge Rignanese - ciò mi spronerà a fare sempre meglio per Forza Italia su Foggia e per l’azione che dovrò porre in essere per il bene comune della mia città. Ed è con tale spirito che agiremo con il collega consigliere comunale Dario Iacovangelo, con la voglia di innovare un partito che su Foggia ha ancora molto da dire e da fare. La Forza Italia foggiana sarà determinante per le prossime sfide elettorali che ci prestiamo ad affrontare - concludono all’unisono i due neo coordinatori - consapevoli di essere la prima forza politica della città”. 

Soddisfatto Di Mauro per partecipazione ed entusiasmo, ma soprattutto per il radicamento sul territorio per un partito che in provincia di Foggia vive una realtà ben più florida che in altri luoghi frutto di un lavoro che va avanti ormai da 5 anni. 

“Qui da noi - sostiene il coordinatore provinciale Di Mauro - il voto di struttura ha sostituito da tempo quello di leadership e la nostra Forza Italia cammina sulle gambe dei suoi uomini, tanti e preparati. I risultati si sono già visti alle scorse amministrative e si vedranno alle prossime regionali, che vinceremo grazie al contributo determinante di Forza Italia”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento