Il maltempo rende inaccessibile cappella del cimitero, Splendido pungola Landella: “Cittadini vanno ascoltati”

Il consigliere di ‘Noi con Salvini’ chiede risposte per i parenti dei defunti della cappella Lotto F, inaccessibile in seguito alle intemperie: “L’Amministrazione ancora non ha trovato il tempo di soddisfare una semplice preghiera”

Joseph Splendido

“Mai avevamo dichiarato di non votare il bilancio e così è stato ieri. Noi consiglieri della Lega-Noi con Salvini abbiamo portato il nostro contributo in aula. Grazie alla nostra responsabilità, i lavoratori dell’Ataf possono finalmente veder realizzato il loro diritto. Ho chiesto al sindaco Franco Landella di restituire al personale l’altra parte trattenuta dalle retribuzioni, al primo atto amministrativo utile”.

È quanto osserva il consigliere comunale e provinciale della Lega, l’avvocato Joseph Splendido all’indomani del consiglio comunale al Comune di Foggia. “La Lega senza incarichi, perché non interessata alle poltrone, opera solo per il bene della città. Siamo felici che il primo cittadino abbia voluto raccogliere i nostri suggerimenti sul gabbiotto fisso, tecnologico e remotizzato nel Quartiere Ferrovia. Non può che essere positivo che la nostra ferma e continuativa attenzione ai temi della sicurezza e del vivere civile in quella zona della città sia da sprone per l’amministrazione e per la Polizia Municipale a fare bene”, prosegue il legale salviniano. 

“La Lega-Noi con Salvini è dalla parte della gente. Saremo sempre da pungolo nei confronti della Giunta Landella. Ed è per questo che intendo dedicare il mio impegno attivo di consigliere comunale rappresentando l’istanza di circa un centinaio di famiglie, che alle porte del Natale non potrà salutare i propri cari come dovrebbe al Cimitero di Foggia. A quelle famiglie è negato da più di un anno di deporre un fiore, un regalo o un pensiero presso le tombe dei loro parenti”.

L’avvocato Splendido continua, illustrando la problematica: “Faccio riferimento ad una situazione ben nota all’amministrazione comunale. Nel giugno del 2016, nei locali dei Servizi sociali, il delegato ai Servizi Cimiteriali tenne un incontro con la rappresentante dei familiari, la signora Tonia Petruccelli. Ma ad oggi non c’è stata ancora nessuna risposta. Da qui la necessità da parte dei parenti di scrivere ancora una volta al sindaco Franco Landella e all’assessore al Welfare Erminia Roberto, ma stavolta firmando, uno ad uno”.

“I parenti dei defunti custoditi presso la cappella Lotto F intendono compulsare il Comune di Foggia affinché dia inizio alle procedure per la definitiva sistemazione della struttura. La cappella diviene sempre inaccessibile in seguito alle intemperie. Difatti le forti raffiche di vento, spingendo lateralmente le acque piovane che penetrano agilmente, stante l’assenza delle vetrate, ne impediscono il deflusso ristagnando lungo i corridoi, rendendo impossibile stazionare dinanzi ai loculi, con gravi ripercussioni per la salute e l’incolumità. L’Ente ha già risolto una identica situazione presso altre cappelle”, si legge nella loro richiesta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La conclusione di Splendido è amara. “L’esigenza di questo gruppo di cittadini foggiani non è insormontabile, montare delle finestre sulle balconate non dovrebbe essere complicato, eppure l’amministrazione Landella, sempre così indaffarata in giusti festeggiamenti e libagioni, non ha trovato ancora il tempo di soddisfare una preghiera semplice, lasciando il popolo inerte davanti ai propri appelli, dentro un tunnel burocratico di sollecitazioni e petizioni. La politica non guardi solo al luccichio vitalistico del consenso che si rispecchia in se stesso, ma sia attenta ai bisogni e agli affanni dei cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Taglio e piega a domicilio, nonostante il Coronavirus: sorpresa e denunciata parrucchiera abusiva

  • "Venite c'è un'autovettura rubata". Polizia si precipita in via Lucera: non era rubata ma dentro c'era della cocaina

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • Coronavirus: se un defunto muore in casa nessuna vestizione (indipendentemente dalla causa del decesso)

  • Il Coronavirus non si ferma ma galoppa: 41 nuovi contagi nel Foggiano e 13 morti in Puglia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento