Sgr: il “No grazie” di Aldo Cisternino a Gaetano Cusenza candidato sindaco

Il leader del nascente movimento "CHANGE IN PROGRESS - Giovani per San Giovanni Rotondo" non si nasconde e rigetta la proposta di candidatura del consigliere provinciale dell'Alleanza per l'Italia, accusato di aver fatto cadere due amministrazioni

Quella che viene definita un’autocandidatura piuttosto che una scelta condivisa dai partiti della coalizione di centrodestra, continua a far rumore e a rallentare gli accordi in vista delle amministrative di maggio. La presunta o vera presa di posizione del consigliere provinciale dell’Api non piace ad Aldo Cisternino. Il leader del giovane movimento “Change in Progress – Giovani per San Giovanni Rotondo” non ci sta e in una nota a mezzo stampa ribadisce il suo disaccordo su Gaetano Cusenza candidato sindaco.

IL COMUNICATO DI CHANGE IN PROGRESS - Alla riunione di venerdì 18 u.s., presso l’ex Sala Bingo di San Giovanni Rotondo, si sono riuniti, su invito dei Popolari per il Sud, 4 delle forze della coalizione del centro destra che, dopo la messa in campo del nome di G. Pizzicoli da parte dell’esploratore M. Fini, si sono detti insoddisfatti. Ordine del giorno della riunione era uscire l’indomani con un nome di candidato sindaco tirato fuori dal cilindro delle quattro forze politiche (API – PPIS – UdC -FLI).

Gaetano Cusenza, leader dell’Api locale, ha espresso con forza le seguenti parole: “il candidato della coalizione devo essere io altrimenti noi ci presentiamo soli alle prossime elezioni. Inoltre, l’intera coalizione dovrà accettare la nostra idea di città e il nostro programma”. Impedendo di fatto ogni libera espressione programmatica a chiunque volesse seguirlo con minacce di far cadere anche la giunta provinciale pur di raggiungere i suoi scopi.

Dopo aver ascoltato l’intervento di Cusenza, Aldo Cisternino, leader del nascente movimento “CHANGE IN PROGRESS – Giovani per San Giovanni Rotondo”, impegnato nella promozione della sua candidatura alla carica di consigliere comunale ( lista Unione di Capitanata) , spinto da un profondo coinvolgimento nella vita sociale della città, riferisce con grinta: “La comunità di San Giovanni Rotondo nutre profondi “dissapori” nella persona di Gaetano Cusenza a causa della posizione ambigua che occupa da tempo nella sfera politica provinciale e comunale, considerato che da membro del PD ha collaborato a far cadere ben due amministrazioni comunali e di tali operazioni non ci è concesso di sapere le motivazioni reali che lo hanno spinto a prendere siffatte decisioni e poi tantissime altre questioni bollenti : “Actor Dei”, C.S.S. e altro ancora”.

Comunque, riteniamo che un sindaco debba essere scelto dall’intera coalizione non per imposizione di chi ambisce a quella poltrona, ma in base alle sue reali capacità e volontà di attuare il programma di un’intera coalizione, non si può pretendere una candidatura a sindaco minacciando gli organi provinciali e imponendo la propria idea di città. San Giovanni Rotondo, in ogni caso, non perde la speranza che questa volta possa salire a Palazzo di Città un uomo dalla sana moralità e ricco di buoni propositi, un uomo che ami veramente quest’oasi nel deserto.

La segreteria
Change in Progress
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Inseguimento da film nel Foggiano: fuga a folle velocità tra la nebbia per 40 km, volanti speronate e sul finale lo schianto

  • Presa la banda foggiana che assaltava i bancomat: tre colpi in 20 giorni, quattro arresti

  • Corsa contro il tempo per Domenico, il 37enne e padre di due bambini colpito da una rara malattia: "Aiutateci a salvarlo"

  • Incidente stradale sulla Statale 89: auto perde il controllo e finisce contro un muro, a bordo tre persone

  • 400 ulivi tagliati 'con le mani', amaro risveglio nei campi di Stornarella. La vittima: "Buon miserabile Natale anche a voi!"

  • Ultim'ora | Operazione 'Nettuno', 4 arresti nella Capitaneria di Porto di Manfredonia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento