Elezioni Comunali 2019: voto disgiunto, cos'è e come funziona

Possono avvalersi del voto disgiunto gli aventi diritto al voto delle città di Foggia, San Severo, Lucera, San Giovanni Rotondo, Orta Nova e Torremaggiore

Foto di repertorio

Il voto disgiunto permette di poter barrare il simbolo di una lista e contemporaneamente il candidato sindaco della coalizione opposta al simbolo barrato.

Quindi si ha un voto disgiunto quando l’elettore vota per una lista e per un candidato sindaco diverso dalla lista che lo sostiene.

Sulla scheda elettorale l’elettore può quindi esprimere due preferenze: uno semplicemente per la lista oppure per la lista con il nome di un candidato consigliere e l’altro per il candidato sindaco.

Nella tornata elettorale del 26 maggio 2019 in provincia di Foggia il voto disgiunto è ammesso soltanto nei comuni superiori a 15mila abitanti, quindi a Foggia, San Severo, Lucera, Torremaggiore, San Giovanni Rotondo e Orta Nova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duro colpo alla mafia dei clan Li bergolis e Papa, in affari con 'Ndrangheta e Camorra: 24 arresti per armi e droga, sequestri per 2 milioni

  • Mamma 'scatenata', in auto con i figli minori forza posto di blocco e avvia pericoloso inseguimento

  • Mafia garganica: catturato alle Canarie 'U meticcio', è rientrato in Italia dopo l'arresto del blitz 'Neve di Marzo'

  • Traffico di droga, colpito il 'Clan dei Montanari': blitz di polizia e finanza, 24 arresti

  • Incidente mortale, auto sbanda e finisce contro un palo: perde la vita 29enne

  • Paura in strada a Foggia: uomo aggredito e preso a bastonate in via Marchese de Rosa

Torna su
FoggiaToday è in caricamento