Social network, male i politici foggiani. Saraò la più attiva su twitter, centrodestra assente

Ilsocialpolitico.it ha analizzato l'uso dei social network da parte dei candidati alla competizione elettorale della prossima primavera. Nonostante gli sforzi della comunicazione, tanta sembra ancora la strada da fare

Quella che sta per iniziare, e che per qualcuno è già iniziata, sarà la prima campagna elettorale dell'era dei socialnetwork. Tra i politici foggiani è tutto un taggare, inserire hashtag, retwettare, sharare, condividere, commentare e chi più ne ha più ne metta. Ma come usano i politici di Capitanata i social? L'abbiamo chiesto a ilSocialPolitico.it che elaborato un'interessante indagine che fotografa lo stato dell'arte tra i politici foggiani. E non mancano le sorprese.

Ilsocialpolitico.it è il portale ideato e diretto dai giornalisti Luca La Mantia e Guido Petrangeli che analizza l'attività sui social media di politica, pubbliche amministrazioni, istituzioni e fenomeni sociali.

COME SI COMPORTANO I POLITICI FOGGIANI?  - "I politici locali foggiani", spiega Luca La Mantia direttore de Ilsocialpolitico.it, "non sembrano aver ancora compreso a pieno le potenzialità dei social media. E' chiaro che occorre anche fare anche una valutazione sociologica e chiedersi se a Foggia i tempi sono maturi per questo tipo di comunicazione o se, invece, la popolazione sia ancora legata ai vecchi modelli comunicativi, basati su comizi, tv e cartelloni elettorali".

L'INDAGINE - "L'indagine", spiega ilsocialpolitico.it, "ha riguardato i partecipanti alle primarie del centrosinistra foggiano (il primo cittadino uscente, Gianni Mongelli, Rita Saraó, Lorenzo Frattarolo, Augusto Marasco e Nicola Abate) e i candidati delle altre liste (Franco Landella, centrodestra, Lucia Lambresa e Luigi Miranda, e Vincenzo Rizzi, M5s)". "Ci siamo concentrati", racconta Luca La Mantia, "anche su alcuni personaggi chiave della politica foggiana come il segretario cittadino Pd, Raffaele Piemontese e il consigliere regionale ex Pdl Leonardo Di Gioia, Sisbarra di Sel. Aspetto importante: i dati analizzati sono relativi al 27 febbraio 2013.

SIA SU TWITTER CHE SU FACEBOOK - Solo otto su dodici dei personaggi analizzati sono presenti sia su Facebook che su Twitter: Saraò, Frattarolo, Mongelli, Marasco, Lambresa, Piemontese, Sisbarra e Di Gioia. Mentre Abate, Miranda, Rizzi e Landella hanno scelto solo Facebook per relazionarsi con i propri concittadini.

TWITTER - I dati base offrono una prima panoramica sull’attività (numero di tweet) e popolarità (numero di follower) di un profilo. La più attiva tra i politici foggiani è la candidata alle primarie del centrosinistra Rita Saraò. Il suo profilo ha, infatti, sinora postato 849 tweet. La seguono, sempre tra le fila del Pd, Lorenzo Frattarolo (119 tweet), il sindaco uscente Gianni Mongelli (102), Augusto Marasco (66) e Raffaele Piemontese (49). Meno attivi i rappresentanti degli altri partiti in lizza. Leo Di Gioia ha tweettato solo 14 volte, Lucia Lambresa (lista civica) 6 volte, mentre nessun tweet è stato postato dal profilo di Michele Sisbarra di Sel.

Sul fronte della popolarità il più forte su Twitter è il sindaco Mongelli con i suoi 528 follower. Procedendo in ordine decrescente troviamo Piemontese (523), Frattarolo (142), Di Gioia (115), Saraò (114), Marasco (44), Sisbarra (8) e Lambresa (2).

INTERAZIONE PASSIVA - L’interazione passiva è uno degli elementi di valutazione di un influencer in rete. E’ calcolata in base alle menzioni passive, cioè ai tag ricevuti in un determinato tweet da parte di altri utenti. In sostanza ci dice quanto un profilo sia ricercato in rete nei messaggi inviati. Un’elevata interazione passiva è sintomo di una comunicazione azzeccata che ci ha reso dei veri e propri punti di riferimento social. I politici foggiani non hanno, da questo punto di vista, un grande successo. Basti pensare che il profilo più taggato, quello del sindaco Mongelli, è stato menzionato, nell’ultimo periodo, solo 42 volte da parte di 27 profili unici. Considerato anche il ruolo istituzionale, che gli consente di essere più conosciuto e cercato rispetto ai suoi competitor, non è davvero una perfomance sufficiente. Subito dopo di lui si piazza ancora Lorenzo Frattarolo, menzionato in 25 tweet da parte di 13 utenti singoli. Il peggiore è Sisbarra di Sel, che, sinora, non è stato mai ricercato.

RETWEET - L’analisi relativa a Twitter si chiude con il dato dei retweet, che sono l’equivalente delle condivisioni di Facebook. Sono il termometro più indicativo della popolarità di un profilo e la cartina tornasole della nostra comunicazione social. Quando un tweet viene retweettato esce dal nostro flusso comunicativo e si aggancia a quello di altri profili che hanno follower e following diversi dai nostri. Questo ne accresce la viralità e, di conseguenza, il potenziale di penetrazione nell’opinione pubblica. Anche qui i dati sono piuttosto bassi. Il profilo con più retweet è sempre quello di Mongelli. 29 dei suoi tweet sono stati retweettati appena 40 volte. La perfomance migliore, dopo quella del primo cittadino, è di Rita Saraò: 27 dei suoi ultimi 200 tweet sono stati retweettati 38 volte da altri utenti. Il peggiore, ancora una volta, è Sisbarra che, non avendo mai tweettato, non ha ottenuto retweet.

FACEBOOK - Per quanto riguarda Facebook la ricerca ha preso solo i politici foggiani dotati di una pagina fan o di un gruppo. Questi sono, infatti, strumenti di comunicazione politica decisamente più efficaci e professionali di un profilo personale. Solo sei degli undici presenti su Facebook hanno scelto una page o un gruppo (spesso insieme a un profilo). Il più popolare stavolta è Leonardo di Gioia (Sc) con 815 “like”. Lo seguono Frattarolo (due pagine fan che gli valgono 807 "mi piace"), Sisbarra (che ha due gruppi dedicati per un totale di 597 membri), Mongelli (530 “like”), Marasco (457) e Lambresa (gruppo con 61 membri). Passiamo ai “ne parlano”, indicatore dell’influenza di una pagina fan su Facebook. Primo Mongelli con 465, poi Frattarolo con 116 e Di Gioia con 3. Gli altri non hanno ottenuto “ne parlano”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attimi di tensione al Grandapulia, migranti minacciano di "bloccare il Natale": cariche della polizia e lanci di pietre

  • Inseguimento da film nel Foggiano: fuga a folle velocità tra la nebbia per 40 km, volanti speronate e sul finale lo schianto

  • Presa la banda foggiana che assaltava i bancomat: tre colpi in 20 giorni, quattro arresti

  • Incidente stradale sulla Statale 89: auto perde il controllo e finisce contro un muro, a bordo tre persone

  • Assalto armato a un portavalori: paura e fuga, ritrovata la Jeep dei banditi e una targa clonata intestata a un'auto del Foggiano

  • Corsa contro il tempo per Domenico, il 37enne e padre di due bambini colpito da una rara malattia: "Aiutateci a salvarlo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento