Ecofuel ad Ascoli Satriano, Piemontese: “Azzardo insostenibile per agricoltura, cultura e paesaggio”

L'assessore regionale al Bilancio ha partecipato all'assemblea cittadina organizzata dal PD di Ascoli Satriano sull'impianto di depolimerizzazione della plastica per la produzione di gasolio e cherosene

L'assemblea cittadina PD su Ecofuel

“La Puglia, la provincia di Foggia, Ascoli Satriano non possono accollarsi il rischio, l’azzardo Ecofuel”. Il netto giudizio politico è stato espresso dal segretario provinciale del Partito Democratico di Capitanata e assessore al Bilancio della Regione Puglia, Raffaele Piemontese, nel corso dell’assemblea cittadina organizzata dal PD ascolano, ieri sera, all’Auditorium di Santa Maria degli Angioli. “Troppi dubbi trasformano un rischio ragionevole, quello con cui facciamo i conti per ogni nostra attività, in un azzardo”, ha aggiunto Piemontese osservando che, invece, ciò che è certo è il luogo in cui Ecofuel vorrebbe realizzare il suo impianto che brucia la plastica: “A 80 metri dallo stabilimento dell’Assodaunia che lavora pomodori da industria e da consumo fresco, cavolfiori, melanzane, sedani, finocchi, spinaci, cavoli. Senza contare la vicinanza di altri impianti di trasformazione dei prodotti agricoli e le decine di aziende agricole biologiche che hanno puntato tutto sul marchio DOP”.

È il punto chiave che, secondo il segretario provinciale del PD, porta a “sperare che la conferenza di servizi in corso dal 18 maggio 2015 in Regione si concluda con il diniego a un investimento di cui pure cogliamo l’importanza perché ha al suo interno ricerca avanzata, brevetti di rilevanza mondiale, alta tecnologia, investimenti molto voluminosi e la prospettiva della cosiddetta economia circolare”.

All’assemblea di ieri sera, introdotta dal segretario cittadino del PD di Ascoli Satriano, Pasquale Santoro, si sono registrati diversi interventi: dallo stesso sindaco Vincenzo Sarcone, all’ex primo cittadino Antonio Rolla; dal vicesindaco di Candela Pasquale Capocasale a diversi giovani e comuni cittadini. Una professoressa, in particolare, Maria Teresa Perrino, si è detta contenta dell’occasione offerta, “l’unica in cui i cittadini ascolani hanno potuto prendere la parola per dire che questa comunità ha scelto la strada della cultura, del paesaggio, della valorizzazione del suo patrimonio storico-archeologico”. Concetto espresso anche da Capocasale, per dirsi disposto a schierare Candela a fianco di Ascoli contro l’insediamento di Ecofuel.

Ha sottolineato Piemontese: “Al di là delle discussioni tecnico-scentifiche se tutta la popolazione, tutti noi diciamo no al progetto Ecofuel, malgrado le rassicurazioni offerte da tecnologie avveniristiche e ricerca avanzata, non è solo perché percepiamo ancora come poco rassicuranti quelle rassicurazioni. È perché sentiamo ‘estraneo’ quell’investimento. Non ci appartiene. E questo conta più di ogni altra considerazione”.

Nel corso dell’incontro sono emerse le incertezze sulla percentuale di PVC nella miscela delle plastiche con cui verrebbe alimentato l’impianto. Incertezze che si riflettono in dubbi sul livello delle emissioni tossiche, sull’esatta composizione delle acque di scarico e le caratteristiche dell’impianto di depurazione di queste acque: “Fattori potenzialmente negativi su acqua e aria, gli elementi essenziali con cui proviamo a fare agricoltura e agro-industria di qualità”, ha detto ancora l’assessore regionale, facendo eco alle accorate considerazioni che ha espresso Annalucia Di Stefano, intervenuta in rappresentanza di Coldiretti Donne.

Nel dibattito è stato anche richiamato il fatto che un impianto di depolimerizzazione della plastica per la produzione di gasolio e cherosene, con la tecnologia che Ecofuel vuole utilizzare, non esiste da nessuna parte. I soli due impianti – quello elvetico di Zug, che comunque sarebbe tre volte più piccolo di quello che Ecofuel vuole fare ad Ascoli, e quello simile di Mannheim, in Germania – non sono in funzione. Circostanze che hanno spinto la stessa Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione ambientale a ritenere «critico, in assoluto, la mancanza di dati sperimentali di emissioni recuperabili da impianti e installazioni che utilizzano lo stesso processo».

“Caratteristiche del progetto, ubicazione del progetto e caratteristiche dell'impatto potenziale sono i tre capitoli che una procedura di Valutazione di Impatto Ambentale deve affrontare”, ha ricordato Piemontese, aggiungendo non solo di avere “rispetto per l’autonomia e fiducia assoluta su competenza e onestà della dirigente regionale della Sezione Autorizzazioni Ambientali che sta presiedendo la Conferenza di Servizi, ma di sapere che è meglio lavorare in profondità sui diversi interessi in gioco per arrivare a una decisione solida e meno esposta a ricorsi”.

“Se l’informazione oggettiva porta a prevedere un danno grave e irreversibile, anche se non ci fosse una dimostrazione indiscutibile, qualunque progetto dovrebbe essere fermato o modificato. In questo modo si inverte l’onere della prova, dato che in questi casi bisogna procurare una dimostrazione oggettiva e decisiva che l’attività proposta non vada a procurare danni gravi all’ambiente o a quanti lo abitano».

Questo brano dell’Enciclica Laudato Sì di Papa Francesco è stato riletto, in chiusura, dal segretario provinciale del PD: “Non è un dogma papale quello che proponiamo – ha detto Piemontese – è il legame inscindibile tra l’anima delle persone e l’anima dei luoghi, legame che è diventato il bene prevalente da tutelare per tutti coloro che si occupano di politica e di governo pubblico”.

“A Modugno, Ecofuel non ha trovato ospitalità perché il pezzo di territorio in cui voleva insediarsi era già troppo carico di rischi industriali – ha concluso l’assessore regionale –. Ad Ascoli Satriano, Ecofuel non può trovare ospitalità perché, nel pezzo di territorio in cui vuole insediarsi, l’industria e la chimica non hanno niente a che fare con l’agricoltura di qualità, il paesaggio naturale, i giacimenti culturali e storici su cui gli ascolani hanno investito i loro destini”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avevo già espresso, in occasione del precedente articolo, l'auspicio che, questa volta, vi fosse un fronte unico tra Ascoli Satriano e Candela : l'annuncio dato dal vice-sindaco di Candela, fa ben sperare in questa direzione : mi raccomando, fughe in avanti, questa volta, come nel caso della centrale turbogas, non saranno più tollerate !

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Shock ad Apricena: una busta contente un proiettile arriva al sindaco, Antonio Potenza

  • Politica

    Le mafie foggiane pervasive e condizionanti. Rosy Bindi: "Situazione resta preoccupante"

  • Politica

    Cerignola, c'è la gestione dello Sportello degli immigrati: sarà dedicato a Stefano Fumarulo

  • Cronaca

    Con un tocco di 'diavolina' danno fuoco alla Mercedes di un sorvegliato speciale

I più letti della settimana

  • Iaia Calvio shock, la donna simbolo della Legalità delusa dal Pd di Matteo Renzi: "Non più nel mio nome"

  • Corte dei Conti, Mongelli non ci sta e chiede un confronto pubblico: "Landella non fare l'indiano"

  • Corte dei Conti, Landella si difende: "Più che amministrare, svolgiamo la funzione di commissari"

  • Landella festeggia la promozione in B: "Foggia sia una città da serie A, in tutti i sensi"

  • A Orsara il bilancio non passa, il sindaco va a casa prima del tempo

  • San Nicandro Garganico, crisi al Comune: il sindaco Pierpaolo Gualano torna a casa

Torna su
FoggiaToday è in caricamento