Negati i fondi per la discarica ‘Giardinetto’: il ‘no’ della commissione al Comune di Troia

A denunciarlo è l’attivista cinquestelle Grazia Manna. La commissione regionale dichiara di "riaprire l'Avviso con termini più ampi, per consentire a tutte le amministrazioni partecipanti di poter riproporre l'istanza"

La fabbrica della morte

Sembra non aver più fine l'incubo della discarica di Giardinetto, in agro di Troia, che non vedrà i finanziamenti - richiesti dal Comune di Troia - della Regione Puglia. A sostenerlo è Grazia Manna attivista del MeetUp 5 Stelle di Troia. La motivazione, secondo la commissione tecnica che ha approvato tale graduatoria, è che "l'istanza non soddisfa i criteri di ammissibilità sostanziale di cui all'art. 2 punto 2 dell'Avviso", per la seguente motivazione: "non conformità alla normativa comunitaria, nazionale e regionale di settore e non coerenza con l'obiettivo specifico dell'Avviso, atteso che l'intervento proposto consiste in un mero incapsulamento di elementi di copertura in amianto e pertanto non è in sé normativamente riconducibile alla fattispecie di MISE/Prevenzione".

Le precisazioni del Comune di Troia

Nel merito la Commissione considera che "l'intervento candidato, intervenendo esclusivamente sulle coperture in eternit, una volta attuato, non assolve agli obiettivi di messa in sicurezza di emergenza, in materia di bonifica di siti contaminati, in quanto permarrebbe l'esposizione delle matrici ambientali a tutte le ulteriori sorgenti primarie di contaminazione presenti nel sito e direttamente a contatto della matrice suolo e la diffusione di tutti gli ulteriori contaminanti (oltre l'amianto) e dunque non sarebbero perseguite le finalità normativamente imposte. Pertanto, in considerazione della specialità del caso, lo stesso deve necessariamente essere inquadrato in un organico intervento rispondente alle finalità-obiettivi, idoneo a contenere esclusivamente ed efficacemente la diffusione di tutte le sorgenti di contaminazione presenti nel sito, impedirne il contatto con le matrici ambientali e a rimuoverle".

Inoltre "la Commissione osserva che, ai sensi della definizione di legge, sono riconducibili alla tipologia A unicamente gli interventi da porre in essere in condizioni di emergenza, con immediatezza o a breve termine, in attesa di eventuali ulteriori interventi di bonifica o messa in sicurezza operativa o permanente". In chiusura la stessa commissione dichiara di "riaprire l'Avviso con termini più ampi, per consentire a tutte le amministrazioni partecipanti di poter riproporre l'istanza".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Economia

    Natale senza lavoro, dramma non ha soluzione. Russo (Sanitaservice) alza le mani: "Obbligati a fare i concorsi"

  • Cronaca

    "Terremoto" giudiziario a Carpino: blitz dei carabinieri all'alba, dipendenti comunali arrestati per assenteismo

  • Cronaca

    Un aiuto per Francesca, la bambina affetta da un tumore al rene sinistro: "Vi prego, abbiamo bisogno di voi"

  • Cronaca

    Pesante condanna: sei anni al 30enne foggiano della banda del bancomat, incastrato da una traccia di sangue

I più letti della settimana

  • Omicidio sulla Statale 16: ucciso uomo che trasportava finocchi, forse un tentativo di rapina finito male

  • Tifoso della Cremonese in viaggio verso Foggia, muore colpito da un malore: tragedia nei pressi di San Severo

  • Automobilisti rapinati e sangue sulla Statale 16: è caccia ai delinquenti che seminano il terrore nel Cerignolano

  • Attimi di paura in un bar di via Nedo Nadi: rapinatore armato va via col malloppo sparando due colpi a salve

  • Muore prima di giungere allo stadio, Foggia omaggia Federico. La Cremonese: “Grazie di cuore”

  • Prima la bomba a base di dinamite, poi la pretesa di 50mila euro: arrestato "La tigre del Gargano"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento