Foggia, Fiore MNV: "Villa comunale e stazione accampamento di extracomunitari"

"Ci auguriamo che presto vengano presi dei veri provvedimenti e che a Foggia non scompaiano i simboli che la rendono unica e diversa"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Due simboli per la città di Foggia ancora avvolti dal degrado. Il Movimento Nuova Voce si dice preoccupato per le condizioni in cui versano la Villa Comunale e la Stazione."Non riusciamo a capire perché nessuno fa niente per la Villa comunale. Eppure un tempo era un luogo di ritrovo e svago per le famiglie foggiane invece adesso è per lo più popolato da extracomunitari, che dormono sulle panchine, ma dei bambini nemmeno l'ombra. Ci rivolgiamo all'amministrazione comunale - aggiunge il presidente Alfonso Fiore - affinché presto possano intensificare i controlli rendendola nuovamente il simbolo della città, perchè una delle più belle ville d'Italia non può rimanere spoglia della vitalità della gente".

Non sarebbe migliore, sempre secondo il MNV, la situazione in cui versa la Stazione di Foggia, biglietto da visita per la città perché ingresso dei turisti."Siamo amareggiati che la stazione sia diventata un vero e proprio accampamento di extracomunitari. Il viale della stazione è da troppo tempo abbandonato a se stesso senza più dovuti controlli e ormai anche i commercianti si lamentano per il limitato passeggio dovuto alla presenza di extracomunitari e prostitute. Una situazione veramente vergognosa. Ci auguriamo - conclude Fiore - che presto vengano presi dei veri provvedimenti e che a Foggia non scompaiano i simboli che la rendono unica e diversa"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento