Discarica ex Agecos, insorge De Pellegrino: "Chi pagherà per una discarica mai utilizzata?"

Il suolo acquistato per 1milione di euro scongiurare l'emergenza ambientale dovrà essere messo in sicurezza. Il capogruppo del PD presenta l'interpellanza: "Chi pagherà i lavori di copertura della discarica per 482.398,79 euro?"

Alfonso De Pellegrino

Alfonso De Pellegrino non si rassegna, e punta il dito contro l’Amministrazione comunale di Foggia per l’acquisto della discarica ex Agecos. "E’ costata ai foggiani oltre un milione di euro, per scongiurare un'emergenza che non si è mai verificata".

Soldi spesi male, insomma, per il capogruppo del PD che ha presentato un'interpellanza urgente al presidente del Consiglio comunale per chiedere informazioni sui lavori di copertura della discarica aggiudicati alla ditta Ciro Frisoli & C. s.a.s. di Cocca Antonia per un importo di 482.398,79 euro.

Il Consiglio comunale ha deliberato l'acquisizione al patrimonio del suolo all'esito di una serie di incontri tra l'Amministrazione comunale e la società Agecos originati, secondo l’allora dirigente del servizio Ambiente, dalla “necessità di prevenire gravi emergenze sanitarie e di igiene pubblica, nonché seri pericoli per la salute pubblica dovuti all’emergenza che scaturirebbe dall’imminente esaurimento delle discariche”.

LEGGI ANCHE: EX AGECOS, INFAUSTA EREDITA' DEL CENTROSINISTRA

"Il prezzo d'acquisto fu fissato a 1.050.000 euro - ricorda De Pellegrino - e sindaco e dirigente sostennero in Aula che l’operazione sarebbe stata a costo zero per l’Amministrazione comunale, grazie al saldo positivo tra i costi di gestione e i ricavi".

L'acquisizione è stata formalizzata il 7 ottobre 2015 e l'impianto non è mai andato in esercizio, anche perché "è stata riscontrata la non conformità ai limiti della tab. 2, allegato 5, parte IV, del D.lgs. n. 152/2006 dei nuovi pozzi piezometrici SN1 e SN2 da cui è derivata la necessità della copertura temporanea della discarica il cui costo ammonta a 770.000 euro, come indicato nella delibera di Giunta che ha approvato il progetto tecnico. E così emerge un ulteriore costo per le casse comunali".

LEGGI ANCHE: LA BEFFA DELL'ACQUISIZIONE EX AGECOS

Il 20 luglio 2016 è stato conferito l'incarico ad un tecnico per la redazione del Piano di caratterizzazione dell’area circostante il sito delle discariche Frisoli ed ex Agecos. Mentre il 9 agosto è stata aggiudicata provvisoriamente la gara per la fornitura e posa in opera della copertura temporanea della discarica ex Agecos alla ditta Ciro Frisoli & C. s.a.s. di Cocca Antonia per un importo di 482.398,79 euro.

"Riassumendo: il Comune di Foggia ha comprato una discarica che non ha mai utilizzato accollandosi una spesa quasi doppia rispetto alla previsione di acquisto in attesa di realizzare il fantomatico saldo positivo fra costi di gestione e ricavi, decantato dal sindaco Landella in Aula. E ora? Ci dica il sindaco: chi sborserà i 482.000 euro necessari alla copertura dell'impianto per la messa in sicurezza? Ciò che posso affermare - conclude De Pellegrino – che i cittadini hanno anticipato un milione di euro per l’acquisto di una discarica inutile, mai utilizzata e che oggi necessita di importanti opere di messa in sicurezza".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Cliccando sui due articoli-link presenti sopra nel testo, mi sono reso conto che altri commentatori di queste pagine, diversi mesi or sono, mettevano ben in luce le incongruenze di questo " affaire ". Ora, continua ancora a parlarsene, nel mentre si stà avverando esattamente tutto quanto previsto. Il problema è che qui si rischia di finire a " chi ha avut avut e chi ha dat ha dat ", se nessuno di chi dovrebbe ci va ancora a mettere il naso ! Perchè, immagino, qualcuno da questa storia sarà pure uscito contento e soddisfatto. Un ripasso ai due link citati, aiuterà a meglio comprendere, e forse anche a rendere omaggio a commentatori oramai dileguatisi, ma che con il loro dire dell'epoca dimostrano di essere ancora attuali.

  • Avatar anonimo di carlo
    carlo

    ...gridano tutti " a lupo, a lupo " ma nessuno è in grado di dare soluzioni! Studiano solo il sistema clientelare per farsi votare e...poi? Critiche degli uni contro gli altri e tutti contro noi poveri contribuenti che davvero paghiamo le tasse! Basta!!!

  • da quello che capisco il Comune di Foggia ha acquistato una discarica che inquina la falda.Ed infatti, la copertura dovrebbe servire ad evitare percolato. Ciò significa che la discarica rimarrà inutilizzabile per decenni : cioè fino a quando non viene meno, per naturale processo biologico, di tutto il materiale inquinante in essa contenuto. Qualcuno mi smentisca per favore......Cioè il Comune ha comprato una discarica che inquina non solo, permettendo un lucro al venditore ma anche e perfino togliendogli le castagne dal fuoco circa gli oneri di gestione. Nemmeno la vendita della fontana di Trevi è stata più furba di questa operazione.....ahahahahahahaha

    • Avatar anonimo di Araba Fenice
      Araba Fenice

      Giovanni, mi dispiace doverle dare questa brutta notizia, ma lei ha capito perfettamente! E' vero, nemmeno Totò e Nino Taranto avrebbero potuto fare di meglio. E per rimanere in tema: Landella: "Io cento ne faccio e una ne penso!"

      • Bravi entrambi, sia tu che Giovanni. Il problema potrebbe però essere il fatto che il " percolato ", normalmente, esce dal basso della massa. Motivo per cui, la copertura non serve ad alcunchè, o, quanto meno, a tutelare le falde acquifere : probabilmente, però, ad altro si ! Poi, scusatemi, voi che sembrate esserne al corrente, ma l'aggiudicatario è lo proprio lo stesso o è parente del " re mida " della immondizia foggiana ?

        • Avatar anonimo di Araba Fenice
          Araba Fenice

          Ebbene sì sig. Ciro. Anche lei ha ragione. La “Ciro Frisoli & C. s.a.s.” è proprio quella di “Passo Breccioso”, quella stessa discarica che venne chiusa l’anno scorso perché priva di autonomia legata alla capienza delle celle dell’impianto di biostabilizzazione. Quella per la quale Foggia per diversi mesi è stata costretta a diventare una discarica a cielo aperto ad ogni angolo di strada, ad ogni piazzola di stazionamento dei cassonetti, stracolmi. Si ricorderà anche che la discarica venne chiusa in quanto non fornita di autorizzazione integrata ambientale. Né può passare inosservata la presa datto che la discarica Frisoli e la sua gestione affidata (anche a seguito delle annose vicende giudiziarie) all’imprenditore Ciro Frisoli è da sempre onerosa: l’ultimo contratto di messa in sicurezza dell’impianto è costato ai cittadini oltre 880/mila euro. Ma si sa, con la finanza creativa che abbiamo a Foggia, basta cambiare il nome del socio accomandatario per rifarsi il look e ripartire più forti di prima.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Troppi incidenti gravi e mortali, installati autovelox ma "balordi" ne incendiano uno: "Non è una pista di Formula uno"

  • Cronaca

    Colpo di scena sull'agguato al medico di via Vittime Civili, il 'pistolero' cambia versione: "Fu lui ad architettare tutto"

  • Economia

    Spesa pubblica, Foggia prima città del Sud nella classifica di 'Fondazione Etica': dietro Bari, maglia nera Lecce

  • Sport

    La boxe sorride ai Monti Dauni: il nuovo campione italiano dei Superleggeri è Arblin Kaba

I più letti della settimana

  • Incredibile in serie B, il Tar annulla la delibera del Consiglio direttivo. I playout si giocano, ma per il Foggia tutto dipende dal Palermo

  • Violenza inaudita a Foggia: in branco pretendono sesso di gruppo (due minorenni), trans si rifiuta e viene picchiato a sangue

  • Violenza inaudita a Stornara: aggredisce ragazza a morsi, le stacca parte del labbro e le procura gravi lesioni al volto

  • Tragedia nel Foggiano: va nel bosco per tagliare legna, si ferisce ad una coscia e muore dissanguato

  • Kalashnikov pronti all'uso e maschere di silicone: carabinieri sequestrano tutto e sventano un assalto armato

  • Terrore sul Gargano: camion precipita in una scarpata e prende fuoco

Torna su
FoggiaToday è in caricamento