La stilettata di Longo ai “gufi” della minoranza: “Centrodestra risponde con i fatti alle sterili chiacchiere”

Il commento del commissario provinciale del Movimento Nazionale per la Sovranità e capogruppo in Consiglio comunale, Bruno Longo, all’esito della seduta di ieri dell’Assemblea consiliare

Bruno Longo

“Quando si è chiamati ad amministrare i documenti di bilancio non sono mai soltanto un insieme di numeri né un semplice strumento per consumare una prova di forza tra maggioranza e minoranza. Le manovre contabili sono l’insieme degli interventi a favore della città, dunque le azioni che incidono sulla vita reale delle persone. È per questo che l’approvazione della variazione di bilancio. operata dalla maggioranza di centrodestra, si qualifica come un atto estremamente importante. Perché la sua approvazione permette al Comune di utilizzare importanti risorse economiche in settori di grande rilevanza”.

Il commento di Bruno Longo, commissario provinciale del Movimento Nazionale per la Sovranità e capogruppo in consiglio comunale, dopo la seduta di ieri dell’Assemblea Consiliare.

Longo si appella ai numeri, attraverso i quali la maggioranza ha espresso una prova di forza notevole: “È particolarmente significativo, sul piano politico, che la maggioranza abbia espresso il suo voto favorevole in modo compatto e coeso, come dimostrano i numeri della votazione, con la variazione di bilancio approvata con 17 voti favorevoli e 4 contrari. Prosegue quindi l’attività di buona amministrazione svolta fino ad oggi e che, proprio nelle ultime settimane, ha portato a Foggia decine di milioni di euro di finanziamenti per la riqualificazione delle periferie, per la realizzazione di piste ciclabili, per la nascita di una biblioteca di comunità”.

Il consigliere comunale approfitta per pungolare l’opposizione: “I ‘gufi’ che aspettavano al varco la maggioranza, convinti del suo disfacimento, dovrebbero invece interrogarsi sul crollo e sulla crisi dell’opposizione. Un’opposizione divisa in più tronconi: quella dei parolai, prevalentemente eletti nel centrodestra, con il loro partito dell’astensione composto da coloro i quali minacciano guerre per poi abbandonare il Consiglio al momento del voto, con il più classico degli atteggiamenti ‘pilateschi’ di chi non ha neppure il coraggio di assumersi le proprie responsabilità; e quella di chi, come ad esempio il consigliere del Partito Democratico Alfonso De Pellegrino, esercita la propria funzione di minoranza in modo politicamente serio, commettendo però un grave errore non condividendo decisioni assunte nell’interesse della città”.

“Quanti hanno espresso il loro voto contrario – aggiunge Longo –, o si sono dileguati in occasione della votazione, hanno quindi detto ‘no’ alla restituzione di 300mila euro ai lavoratori di Ataf SpA, all’aumento dei finanziamenti destinati alla manutenzione delle strade e degli immobili comunali, all’incremento dei fondi per l’acquisto di  libri per gli alunni delle scuole elementari, per la fornitura gratuita e semigratuita di libri di testo alle famiglie meno abbienti e per gli interventi rivolti all’integrazione degli alunni diversamente abili. Ed ancora: hanno detto ‘no’ all’aumento degli stanziamenti per i buoni servizio per anziani e disabili, per la non autosufficienza, per il fondo globale socio-assistenziale e per il fondo nazionale delle politiche sociali; hanno detto ‘no’ al piano di recupero del Salice, al finanziamento regionale relativo al progetto legato al Distretto Urbano dei Commercio. Fosse stato per chi ha votato contro la variazione di bilancio, Foggia avrebbe dovuto privarsi di tutto questo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Longo chiosa: “Come si può facilmente capire, per piccole e strumentali beghe politiche le minoranze si sono opposte al bene di Foggia. Il centrodestra, invece, ha affermato ancora una volta la politica dei fatti, contrapponendola a quella di chi è perennemente impegnato nel produrre chiacchiere e piccole polemiche politiche. Il centrodestra ha dimostrato concretamente cosa significa avere a cuore il futuro di Foggia, a differenza dei campioni del ‘tanto peggio tanto meglio’”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Giornata drammatica, bollettino choc per la provincia di Foggia: nove morti e 52 casi positivi

  • Coronavirus: due città diventano 'zona rossa' con almeno 51 casi positivi, quattro sono amaranto e tre lilla

  • Piero Pelù, rocker innamorato in quarantena a Foggia: "Sono corso da Gianna appena in tempo, in due ci diamo forza"

  • Incendio sulla 'pista', vigili del fuoco accerchiati e derubati delle attrezzature: notte di follia a Borgo Mezzanone

  • Tragedia ad Alberona, c'è una vittima: estratto dalle macerie il corpo di una donna: nel crollo 6 persone tratte in salvo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento