Bando periferie e classifica sindaci. De Pellegrino: “Landella go home”

Il consigliere comunale e capogruppo del Partito Democratico, Alfonso De Pellegrino, spiega: "Bando periferie e Governance Poll specchio del fallimento di Franco Landella"

Alfonso De Pellegrino (foto di Giovanna Greco)

"Gli elettori bocciano Franco Landella e il Governo boccia i progetti della sua Amministrazione. Un fallimento totale, quello del sindaco foggiano, frutto d'incapacità amministrativa e d'insipienza politica". Lo afferma il capogruppo del Partito Democratico nel Consiglio comunale di Foggia Alfonso De Pellegrino, commentando gli esiti del bando periferie, finanziato dal Governo Renzi per promuovere la riqualificazione urbana e la sicurezza delle zone periferiche, e della Governance Poll, l'annuale indagine sul gradimento dei sindaci realizzata da Sole 24Ore e IPR Marketing.

Nella graduatoria dei 120 progetti presentati, quello dell'Amministrazione Landella si è classificato 100° con una valutazione pari ad un terzo di quella ottenuta dalla città metropolitana di Bari, vincitrice del bando. La Governance Poll relega il sindaco di Foggia al 98° posto, con una percentuale di gradimento pari al 46% (-4,3% rispetto all'elezione). Peggio di lui solo il primo cittadino di Trapani e le sindache di Roma e Alessandria.

Commenta Alfonso De Pellegrino: "Inizio d'anno peggiore non si poteva immaginare per la città e la sua immagine; ma non si può dire che ne sia sorpreso avendo quotidianamente sotto gli occhi errori, pasticci e incapacità dell'Amministrazione guidata da Franco Landella. La bocciatura sul Bando Periferie era scontata, non fosse altro che per il pochissimo tempo a disposizione delle imprese interessate a realizzare una progettazione davvero competitiva. Mi permisi di suggerire un'azione politica per la proroga dei termini e l'apertura del confronto con tutta l'imprenditoria cittadina, con l'obiettivo di suscitare un interesse diffuso al bando. Come sempre accade, però, il sindaco Landella si è trincerato dietro le sue prerogative e ha trascinato l'Amministrazione nell'ennesimo fallimento, che sarà pagato dai cittadini che già vivono i disagi derivanti dall'abitare e operare nelle aree periferiche della città. Ecco perché non mi meraviglia che i cittadini foggiani lo abbiano bocciato indicandolo tra i peggiori sindaci d'Italia. Non sono bastati i frizzi e i lazzi natalizi, i cittadini non lo vogliono e lo hanno detto chiaramente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il capogruppo del PD in Consiglio comunale conclude: “Incassare un così pessimo risultato a metà mandato restituisce compiutamente il giudizio che i foggiani hanno del centro destra e di Franco Landella lo hanno eletto, e hanno visto come ha amministrato. Fossimo negli Stati Uniti si potrebbe dire: Landella go home!"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Choc a Foggia: litiga con la fidanzata, i due 'cognati' lo raggiungono a casa e lo accoltellano

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Rimprovera comitiva chiassosa, ispettore di polizia accerchiato e aggredito sotto casa: grave episodio a San Severo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento