Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Emiliano a Foggia (tra le contestazioni) per la firma del Cis, pensa a Borgo Mezzanone: “3 milioni per porre fine a quell'orrore”

Il presidente della Regione commenta positivamente la firma del Cis, ma non risparmia stilettate alla Lega sul Decreto Sicurezza. E risponde anche alle contestazioni: "Il vero nemico non sono io né il Pd, ma chi ti pugnala alle spalle il nemico non ero io. E che non lo è nemmeno il Partito Democratico, o la storia dei partiti che hanno fatto la Resistenza. Forse hanno capito che il nemico è quello che ti pugnala alle spalle ed è tutto ciò che rappresenta l’eredità dell’autoritarismo di questo Paese"

 

“Devo dare atto al presidente Conte di avere, per quanto riguarda il contratto interistituzionale di sviluppo della Capitanata, fatto quanto possibile per lenire la sofferenza dei migranti di Borgo Mezzanone. Fermo restando che questo Governo ha fatto cose insopportabili con riferimento alle normative sul salvataggio in mare e in generale sulle questioni legate ai flussi migratori con il decreto sicurezza bis che persino il Presidente della Repubblica ha dovuto in qualche maniera correggere nell'interpretazione per renderlo compatibile con la Costituzione e con i trattati internazionali. Mi auguro che la componente del Movimento Cinquestelle si renda conto di che cosa sia stato tentare di governare con una forza reazionaria come la Lega Nord, che non ha interesse né per il Sud né per il luogo che l'Italia dovrà occupare nella comunità internazionale”.

Così ha esordito Michele Emiliano dopo la sottoscrizione in Prefettura del contratto istituzionale di sviluppo per la Capitanata.

“L'aspetto positivo del contratto istituzionale per la Capitanata con riferimento alle politiche migratorie riguarda i 3 milioni di euro per tentare di risolvere l'orrore di Borgo Mezzanone, territorio dello Stato nazionale, perché, lo ricordo, noi lo sgombero dell'area di proprietà della Regione l'abbiamo realizzato anni fa anche grazie a Stefano Fumarulo”.

“È una giornata positiva - ha proseguito Emiliano - nella quale la fine di questo Governo coincide con l'inizio di un percorso della Capitanata che la Regione Puglia intende coordinare e soprattutto rendere compatibile con tutto ciò che già sta avvenendo. Noi stiamo investendo quasi 200 milioni di euro sui Monti Dauni e sul Gargano contro il dissesto idrogeologico, e gli investimenti sono in corso, più di 80 milioni di euro sulla ristrutturazione delle strade. È chiaro che questo danaro supplementare servirà a riprogettare, ci auguriamo in maniera rapida, tutte le strade statali del Gargano e dei Monti Dauni. Speriamo che questo avvenga, perché si tratta di opere non immediatamente cantierabili e quindi bisognerà farlo con grande pazienza e determinazione”.

“Con questo Governo, come sempre, ho cercato di collaborare in modo leale. Su molte questioni non abbiamo avuto la stessa visione, su Ilva e gasdotto Tap soprattutto. In altre vicende come sulla xylella siamo riusciti a capirci e a costruire norme accettabili, anche se, come voi sapete, andavano poi ulteriormente modificate. In generale il mio giudizio sul rapporto con il Presidente del Consiglio Conte, pugliese, e con la ministra Lezzi è tra virgolette positivo, nel senso che abbiamo fatto il nostro dovere, sia pure con punti di vista diversi. Adesso si apre un nuovo capitolo: questo nuovo capitolo mi auguro sia più coerente con la Resistenza che ieri è stata ricordata a Sant'Anna di Stazzema, una vicenda davvero drammatica, e che si ritorni a capire che per creare un governo repubblicano degno dei padri costituenti, non si possono fare errori nello scegliere i compagni di strada”.

Chiosa dedicata alle contestazioni ricevute all'arrivo a Foggia: "Quando al mio arrivo stamattina avvicinandomi alle balaustre, un gruppo di militanti del Movimento 5 stelle ha cominciato a gridare “buffone” perché “sono del Pd”, dopo qualche minuto vedendo che io non mollavo, mi hanno guardato negli occhi e hanno capito che il nemico non ero io. E che non lo è nemmeno il Partito Democratico, o la storia dei partiti che hanno fatto la Resistenza. Forse hanno capito che il nemico è quello che ti pugnala alle spalle ed è tutto ciò che rappresenta l’eredità dell’autoritarismo di questo Paese. Quando sei una persona seria e hai la coscienza a posto tutto ti scivola addosso, e anzi oggi è stato bello dopo quel primo momento ritrovarci a stringerci la mano con quegli stessi militanti del Movimento 5 Stelle nella consapevolezza dell’importanza di dare a questo Paese un governo civile”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento