I sindacati aderiscono alla manifestazione di Libera: "Naturale prosecuzione del percorso avviato con #foggiaterradilegalità”  

A dichiararlo i Segretari Generali di CGIL, CISL e UIL Foggia, Maurizio Carmeno, Carla Costantino, Gianni Ricci. “La gravità della situazione richiede un impegno corale perché la lotta alla criminalità organizzata, all’illegalità e alla violenza sul territorio non può conoscere soste"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

“CGIL, CISL e UIL FOGGIA, saranno in prima linea venerdì 10 gennaio alla manifestazione “Foggia Libera Foggia” con Don Ciotti, coerentemente con il percorso avviato il 5 dicembre scorso con #foggiaterradilegalità”. A dichiararlo i Segretari Generali di CGIL, CISL e UIL Foggia, Maurizio Carmeno, Carla Costantino, Gianni Ricci. “La gravità della situazione richiede un impegno corale perché la lotta alla criminalità organizzata, all’illegalità e alla violenza sul territorio non può conoscere soste.

Siamo convinti, anche, che dalla ‘piazza’ debbano venire fuori proposte e progetti di intervento condiviso e generale. Quanto è successo qualche giorno fa è l’ennesima dimostrazione che non possiamo abbassare la guardia. Per tutti questi motivi, fin dal mese di novembre, CGIL, CISL e UIL, hanno avviato un percorso unitario chiamando a raccolta istituzioni, associazioni, scuole, università, imprese e parrocchie.  

Quel percorso è sfociato in #foggiaterradilegalità. Ed oggi siamo pronti a tornare in piazza il 10 gennaio, a fianco a Don Ciotti, consapevoli che la lotta alla criminalità organizzata e alla illegalità non possono e non devono esaurirsi in una manifestazione di piazza ma deve proseguire ogni giorno nelle istituzioni, in famiglia, in chiesa, nelle scuole e sui luoghi di lavoro”, concludono Carmeno, Costantino e Ricci.

Torna su
FoggiaToday è in caricamento