Linee elettriche vecchie e logore, black out a ripetizione a Cerignola. Metta assicura: "Un paio di mesi ed elimineremo ogni disservizio"

Giunti e linee interrate vetuste e instabili. Il sindaco: “Anche sotto il profilo dell'illuminazione pubblica questa città era ferma e abbandonata da decenni, ma entro fine anno sarà illuminata ex novo"

Franco Metta

Dopo una serie di black out registrati in alcune zone di Cerignola, il sindaco Franco Metta, alla presenza dell’assessore all’Arredo Urbano, Patrimonio e Smart City, Pasquale Morra e dei Tecnici Comunali, ha incontrato lo staff tecnico della Engie al fine di apprendere le cause dei disservizi e le soluzioni da adoperare.

“Nei giorni scorsi, specie in presenza di avverse condizioni atmosferiche, si sono registrati in città alcuni black out temporanei degli impianti della pubblica illuminazione. Abbiamo, con la società Engie e i suoi tecnici, esaminato approfonditamente la situazione, rilevando che la causa di tali disservizi risiede nella vetustà delle linee elettriche interrate e dei giunti di derivazione”.

“Anche sotto il profilo dell'illuminazione pubblica questa città era ferma e abbandonata da decenni", spiega Metta. "Con i tecnici Luca Taggio e Gianmatteo Fantetti, con l'ausilio importante del capo area Enzo Consorti, abbiamo predisposto un piano straordinario di interventi urgentissimi. Interi tratti di linea e quasi tutti i giunti di derivazione saranno sostituiti entro circa 60 giorni, in maniera che i disservizi non abbiano a ripetersi", assicura il sindaco. Le zone oggi più esposte a possibili disservizi sono viale Terminillo e zone limitrofe, via Padula e vie circostanti, corso Scuola Agraria, via Scanno, via Milano, via Manfredonia, via Fra Daniele e la zona industriale. 

Con il procedere dei lavori la possibilità di black out si ridurrà progressivamente. Cosi come andranno sempre più limitate le zone della Città nelle quali potranno registrarsi disservizi. "A giugno saremo a perfetto regime", assicura Metta. "Ringrazio e segnalo all'apprezzamento dei cittadini la società Engie: vinse un appalto, privo di qualsivoglia copertura economica, bandito dai nostri irresponsabili predecessori. Non poté avviare per queste ragioni nessun tipo di intervento. Solo la mia Amministrazione fu capace di reperire le risorse necessarie per procedere effettivamente a rinnovare tutta la Pubblica Illuminazione cittadina". Conclude il sindaco Metta: "Un paio di mesi ed elimineremo ogni disservizio. Entro fine anno tutta la città sarà illuminata ex novo”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla Statale 16: violento impatto tra un'auto e un tir, c'è una vittima

  • Musica d'estate in Capitanata: tutti i concerti a Foggia e in provincia

  • Foggiana rifiutata, milanese "razzista e salviniana" ritratta: "Colpa della menopausa, disposta ad affittarle casa senza cauzione"

  • Neonato morto a Foggia, famiglia chiede 1,7 milioni ai Riuniti. Gli avvocati: "Cause non ascrivibili ai sanitari dell'ospedale"

  • Milanese nega affitto a ragazza foggiana: "Sono razzista e leghista". Salvini : "È una cretina"

  • Da "nonostante sia di Foggia" a 'Zoo pieno di terroni": aperto procedimento contro Feltri dopo l'esposto dei colleghi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento