Emergenza rifiuti rischia di paralizzare Cerignola: cumuli di immondizia in strada per la crisi SIA

Il coordinamento di Fratelli d'Italia: "Stiamo vivendo una emergenza ambientale, sanitaria e sociale. L'ha creata questo sindaco, incapace di gestire ordinarietà e straordinarietà"

I rifiuti agli angolo di Cerignola

L'emergenza dei rifiuti per strada rischia di paralizzare la città di Cerignola e di causare gravi danni alla salute. La preoccupazione è quella del coordinamento Fratelli d'Italia che, nel ribadire solidarietà ai lavoratori di Sia Srl in sciopero ad oltranza, si fa appello al senso di responsabilità dei cerignolani. Intanto dal Palazzo di Città solo strali contro l'universo mondo.

E così SIA

La situazione alle Fornaci, all'indomani del mercato settimanale, è critica: il malcostume di non lasciare pulito si fonde ora con l'impossibilità di raccogliere. Malgrado l'emergenza, è impensabile sospendere i turni mercatali del mercoledì né del venerdì, ma corre l'obbligo di lanciare un appello agli ambulanti: "ciascuno raccolga i propri rifiuti e li lasci (temporaneamente ed in emergenza) presso un'unica postazione, evitando il caos di carte, cartoni ed organico su una carreggiata che poi, ora come ora, non verrebbe ripulita. Un'oasi ecologica lì oggi tornerebbe utile, a due passi dalle scuole".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ai concittadini, mortificati da questa situazione surreale in 9 Comuni del Consorzio Bacino Fg 4, l'appello è di non incendiare cassonetti e cumuli presenti in strada. Le sostanze sprigionate dalla combustione abusiva ed incontrollata sono più nocive di quanto non sia l'immondizia per strada. "Sperando di non dover tutti allevare gatti né fare ricorso al pifferaio magico - spiegano dal coordinamento Fratelli D'Italia - una soluzione potrebbe essere quella di effettuare la differenziata, limitandosi a portare fuori casa per ora solo l'organico, trattenendo in casa plastica e cartone. Il tutto, almeno finchè la situazione non migliorerà, con l'auspicato intervento del Prefetto. Stiamo vivendo una emergenza ambientale, sanitaria e sociale. La ha creata questo sindaco, incapace di gestire ordinarietà e straordinarietà, e ora è in grado di risolverla se non inveendo contro improbabili capri espiatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Era bravissimo e un grande lavoratore". Amici e conoscenti in lacrime per Mattia. Pizzeria chiude per due giorni

  • Choc a Foggia: litiga con la fidanzata, i due 'cognati' lo raggiungono a casa e lo accoltellano

  • Coronavirus, quattro casi e tre decessi in Puglia. I positivi scendono sotto quota mille. Zero contagi e nessuna vittima in Capitanata

  • Sangue in strada, omicidio a Trinitapoli: 43enne freddato con tre colpi di arma da fuoco

  • Coronavirus: tre nuovi contagi e un morto in provincia di Foggia

  • Ingerisce una sostanza nociva, errore fatale a Monte Sant'Angelo: Donato Ciuffreda non ce l'ha fatta. "Un ragazzo buono"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento