Caso assessorato, i leghisti replicano a Longo e precisano: “Non ci interessa entrare in Giunta"

Attraverso Splendido il gruppo consiliare dei leghisti replica duramente alle accuse di Bruno Longo “che ha fatto della politica una pratica di filiazione e gemmazione”. Al PD: “Preoccupatevi di fare opposizione”

Nella foto Splendido e Fiore

“Sulla donazione del sindaco Franco Landella ha già risposto il nostro leader Matteo Salvini: oi doni li fa Gesù Bambino. Ma in queste ore abbiamo assistito ad un fiume di dichiarazioni false ed offensive. Non c’è stata nessuna sottoscrizione in uno studio legale per un assessorato, non c’è stata nessuna mediazione da parte di altri partiti, così come non ci sono stati contatti tra il nostro coordinatore regionale Rossano Sasso e la segreteria cittadina per il nostro ingresso in Giunta. C’è stato soltanto un incontro interlocutorio - a cui avrebbero dovuto seguire delle riunioni con gli organi di partito - che non giustifica né autorizza la fuga in avanti del primo cittadino, né lo abilita ad elargire regali. In quella sede e con quei termini. Nulla può essere deciso, come ribadito in quel colloquio, senza la collegialità di tutti gli organismi locali di partito”.

La replica di Franco Landella

La segreteria cittadina e il gruppo consiliare della Lega-Noi con Salvini, sgombrano il campo dalle polemiche e dalle insinuazioni retroscenistiche, che infarciscono i media, sollecitati da Bruno Longo. “Fa specie che parli di ricatti ed estorsioni chi ha fatto della politica una pratica di filiazione e gemmazione, con un rapporto uno ad uno. Un consigliere in aula e un assessore in Giunta e per di più suo parente. Da quale pulpito viene la predica! Noi possiamo ben dire con i fatti di essere lontani anni luce dagli appellativi, che ci riserva Bruno Longo: i poltronisti dalle richieste ricattatorie ed estorsive sono altri. Per tre anni e mezzo, prima in quattro nel gruppo consiliare e poi in tre, abbiamo votato gli atti dell’amministrazione di centrodestra, senza mai essere nell’esecutivo, se non con delle deleghe e degli incarichi, che sono valida ed insostituibile attività di studio”, evidenziano i salviniani senza mezzi termini.

“A noi non interessa entrare nella squadra di governo: come abbiamo già espresso in conferenza stampa, voteremo provvedimento per provvedimento”, proseguono. I consiglieri col segretario cittadino Silvano Contini concludono con una stoccata anche al Partito Democratico. “Il giovane segretario cittadino Davide Emanuele, in una delle sue prime uscite pubbliche, toppa con la demagogia, perdendo un’occasione per tacere. Ma è chiaro che il Pd, privo di argomenti programmatici, debba inseguire la Lega-Noi con Salvini, interpretando in maniera fantasiosa e artatamente ingannatrice le nostre battaglie e le nostre parole d’ordine. Armeremo i vigili, non certo in base alla loro destinazione nei quartieri, ma per la sicurezza dell’intera comunità. Piuttosto che sterili polemiche ricche dello stesso populismo di cui veniamo tacciati, il Pd si preoccupi di fare opposizione vera a Franco Landella”.

Potrebbe interessarti

  • Peschici, un paradiso rovinato dal degrado: "L'inciviltà regna sovrana e subiamo i postumi delle notti brave"

I più letti della settimana

  • Incidente mortale: 20enne perde la vita in un terribile scontro frontale, nove persone ferite

  • Risucchiata dalle correnti bambina sprofonda giù, fratellino tenta di salvarla ma rischia di annegare. "Salvi per miracolo"

  • Dramma sfiorato a Peschici: rischia di soffocare al ristorante, salvato da un turista. "Maurizio, sei un eroe!"

  • Angelo non ce l'ha fatta: si è spento a 26 anni "un ragazzo fantastico". Due anni fa l'incontro con l'idolo Pippo Inzaghi

  • Rissa di Ferragosto in pieno centro: scoppia lite tra due uomini, uno si scaglia contro gli agenti. Arrestato

  • Grave incidente stradale tra Trinitapoli e Cerignola, scontro tra due auto: un morto

Torna su
FoggiaToday è in caricamento