Braccianti morti, Emanuele (PD) ai ministri Di Maio e Salvini: "Basta con la demonizzazione dei migranti"

Braccianti deceduti. Emanuele: "Dove hanno lavorato? Per quante ore e per quanto denaro hanno riempito i cassoni? Sono le domande che dovrebbero porsi innanzitutto Di Maio, Salvini e Centinaio"

Davide Emanuele

Il segretario cittadino di Foggia, Davide Emanuele, commenta la tragica notizia della morte di quattro braccianti agricoli africani deceduti in seguito a un terribile incidente stradale avvenuto ieri pomeriggio sulla Sp 105 al bivio tra Ascoli Satriano e Castelluccio dei Sauri.

"La vita di quattro lavoratori, non importa il colore della loro pelle o la loro origine, è stata stroncata su una strada della provincia di Foggia in un tragico incidente, forse provocato da un camion carico di pomodori. Lo stesso 'oro rosso' che i 4 deceduti ed altri 4 migranti feriti, oltre al conducente del mezzo pesante, avevano appena finito di raccogliere.

La dinamica dell'incidente è al vaglio delle forze dell'ordine, ma poco conta come la casualità abbia agito sulla vita di quelle persone. Certamente più interessante sarà capire dove hanno prestato le loro braccia i migranti, se a regolare la loro giornata di lavoro è stato un contratto o un accordo tra il proprietario del terreno e un caporale, per quante ore e per quanto denaro hanno riempito cassoni.

Sono queste le domande che si dovrebbero porre anche i ministri del Lavoro, dell'Interno e dell'Agricoltura, invece di affannarsi quotidianamente nella demonizzazione dei migranti che 'vengono a rubare il lavoro agli italiani'.

Di bianchi nei campi di pomodoro se ne vedono pochi e per la gran parte non sono italiani. Sono migranti economici comunitari come lo sono i miei coetanei e conterranei che vanno a servire ai tavoli o a pulire le cucine dei ristoranti londinesi. Tutta gente che lascia la propria casa per necessità e accetta tutti i rischi connessi al viaggio in una terra straniera spesso poco o per nulla accogliente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se vogliamo onorare la nostra umanità, dobbiamo occuparci dei diritti, dell'accoglienza, dei servizi d'integrazione per le migliaia di uomini e donne che lavorano nei nostri campi dopo aver abbandonato quelli dei loro Paesi impoveriti e desertificati anche dall'egoismo capitalistico delle nazioni occidentali"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Foggia: litiga con la fidanzata, i due 'cognati' lo raggiungono a casa e lo accoltellano

  • "Era bravissimo e un grande lavoratore". Amici e conoscenti in lacrime per Mattia. Pizzeria chiude per due giorni

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Rimprovera comitiva chiassosa, ispettore di polizia accerchiato e aggredito sotto casa: grave episodio a San Severo

  • Coronavirus, 8 casi in Puglia ma Capitanata senza vittime né contagi. I positivi scendono a 1222

  • Coronavirus: due casi in provincia di Foggia, solo quattro in tutta la Puglia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento