Differenziata, Foggia ferma al 10%. De Pellegrino: "Landella ha fallito gli obiettivi del piano Tari”

Il capogruppo del Partito Democratico Alfonso De Pellegrino non fa giri di parole: "Cittadini costretti a farsi carico di un fallimento amministrativo e politico; imposta l'aliquota più alta di ecotassa"

Alfonso De Pellegrino

“L'Amministrazione Landella fallisce l'obiettivo della raccolta differenziata, ferma ad un misero 10%, costringe i cittadini a farsi carico del proprio fallimento amministrativo e politico imponendo l'aliquota più alta di ecotassa”. Non usa giri di parole il capogruppo del Partito Democratico, Alfonso De Pellegrino.

Nell'aprile del 2016, Landella e la maggioranza di centrodestra approvarono in Consiglio comunale il piano Tari per finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, riversando sui foggiani il peso dei 28 milioni di euro necessari alla sua attuazione. “Lo stesso piano prevedeva - continua De Pellegrino - di raggiungere il 13% di raccolta differenziata a giugno 2016, due mesi dopo l'approvazione, con un incremento del 5% necessario a scongiurare l'aumento dell'ecotassa. A fine 2016 l'obbiettivo fissato era il 14%”.

LA REPLICA DELL'ASSESSORE FRANCESCO MORESE

“Oggi, i dati diffusi sulla differenziata in Puglia indicano il 10% per Foggia e certificano il fallimento di Landella, incapace di rispettare gli impegni assunti con la città. Ancora una volta, agli annunci propagandistici seguono risultati di gestione drammatici e ci consegnano tutto il senso della precarietà e dell'emergenza a cui la nostra città è condannata nello strategico settore della raccolta differenziata. Landella ha il dovere di spiegare alla città le cause del suo fallimento, evitando di scaricare responsabilità su altri”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua ancora il capogruppo: “E, se mai vorrà ammettere gli errori fatti, spieghi innanzitutto perché il contratto di servizio provvisorio per la raccolta dei rifiuti è stato prorogato per ben 9 volte in due anni e mezzo. Perché è ancora operativo il contratto sottoscritto in piena emergenza rifiuti che doveva essere sostituito con un contratto definitivo: meno oneroso per i cittadini, orientato al miglioramento degli standard qualitativi del servizio e capace di portare la raccolta differenziata al 65% come previsto dalla legge. Ma la gestione del ciclo dei rifiuti secondo Landella è fondata su discariche colabrodo, differenziata che a stento raggiunge le due cifre e imposte salatissime a carico dei cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Choc a Foggia: litiga con la fidanzata, i due 'cognati' lo raggiungono a casa e lo accoltellano

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Rimprovera comitiva chiassosa, ispettore di polizia accerchiato e aggredito sotto casa: grave episodio a San Severo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento