Poliziotti "barbaramente inseguiti e aggrediti da decine di migranti". Gatta: "Gratitudine, solidarietà e vicinanza"

Si tratta di due agenti della Polstrada del distaccamento di Cerignola. Il commento di Giandiego Gatta, vicepresidente del Consiglio regionale e la solidarietà di Forza Italia e del capogruppo Di Pasqua

Continua a tenere banco il gravissimo episodio avvenuto il 5 ottobre scorso, quando nei pressi della 'Pista' di Borgo Mezzanone (insediamento abusivo a pochi metri dal Cara), un gruppo di migranti, nel tentativo non riuscito di favorire la fuga del gambiano classe 1992 Omar Jallowarrestato dopo un lungo e pericoloso inseguimento - hanno rincorso e aggredito con calci e pugni due poliziotti della stradale del distaccamento di Cerignola.

Solo il tempestivo arrivo di altre pattuglie del Distaccamento di Cerignola, della Sezione di Foggia e dei Reparti Prevenzione Crimine ha evitato il peggio, facendo disperdere gli aggressori. I due operatori sono stati poi trasportati presso l'ospedale Tatarella. Per loro prognosi di 15 e 30 giorni. 

Questo il commento di Giandiego Gatta: "Gratitudine, solidarietà e vicinanza. Sono questi i sentimenti che provo nei confronti dei due agenti della Polstrada, barbaramente inseguiti e aggrediti da decine di migranti nel borgo di Mezzanone. Con abnegazione, ci sono uomini che operano tutti i giorni per la legalità e la sicurezza dei cittadini in modo instancabile. Dalle facili promesse, dagli annunci fumosi, si deve realmente passare ai fatti, partendo dalla consapevolezza che non si possa più attendere un potenziamento serio degli organici delle forze dell'ordine e dei mezzi a loro disposizione. Lo Stato, ognuno di noi, deve tanto a questi coraggiosi lavoratori. Ai due agenti della Polizia Stradale vanno i migliori auguri di pronta guarigione e i più sentiti ringraziamenti per quello che fanno, assieme ai loro colleghi, per la nostra comunità".

Anche il capogruppo consiliare di Forza Italia al Comune di Foggia, Consalvo Di Pasqua, e tutto il gruppo consiliare azzurro, esprimono solidarietà e vicinanza ai due agenti: "L’inquietante episodio che si è verificato qualche giorno fa ripropone con forza il tema della gestione dei Centri di accoglienza per migranti esistenti sul territorio nazionale, e di quello di Borgo Mezzanone in particolare, dove accanto ad una struttura “ufficiale” sorge una baraccopoli in cui proliferano prostituzione e vendita abusiva di merci in baracche che si moltiplicano sempre di più. Forza Italia è e sarà sempre dalla parte dei rappresentanti delle forze dell’ordine quotidianamente impegnate nel CARA di Borgo Mezzanone e nel pattugliamento di un territorio alle prese con numerosi episodi di criminalità. Per questo motivo auspichiamo che il governo possa adottare seri ed urgenti provvedimenti affinché adegui la pianta organica dei rappresentanti delle forze di polizia in provincia di Foggia e di conseguenza di non consentire che il Centro di accoglienza che dista appena pochi chilometri da Foggia diventi una zona franca, in cui degrado e disordine spingono un numero sempre maggiore di persone ad infrangere le leggi e le regole del vivere civile degne di un Paese democratico come il nostro"

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

I più letti della settimana

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento