Berlusconi vede gli azzurri pugliesi: no alle primarie. A Foggia confermato l'uscente Franco Landella

Incontro oggi a Palazzo Grazioli con i coordinatori, parlamentari ed eletti regionali di Puglia. No ai gazebo, candidato condiviso. Si riparte dai sindaci uscenti

Niente primarie per Silvio Berlusconi, che oggi a Palazzo Grazioli ha incontrato gli azzurri pugliesi, tra cui il sindaco uscente di Foggia, Franco Landella.

"L'entusiasmo e la qualità che trovo fra voi dimostrano che anche in Puglia Forza Italia si è profondamente rinnovata e si sta attrezzando per tornare a vincere. Dovremo farlo a partire dalle prossime amministrative - ha detto- che non riguarderanno solo Bari e Foggia ma anche molti importanti comuni superiori: penso a Lucera, a
 San Severo, a Orta Nova, a Ostuni, a Copertino, a Corato, a Gioia del colle e a tanti altri".
 
"In ogni territorio Forza Italia, grazie anche alla celebrazione dei congressi provinciali e comunali -ha assicurato- si presenterà con una squadra rinnovata e qualificata, in grado di far vincere il centro- destra in una terra che storicamente appartiene alle nostre sensibilità e della quale condividiamo la cultura seria e operosa". Per fare questo, "è fondamentale trovare con gli alleati di
 centro-destra un accordo organico, che parta dalla valorizzazione dei sindaci in carica e che ci consenta, Comune per Comune, anche a Bari, di individuare insieme le soluzioni migliori, senza forzature e senza ricorrere a strumenti vecchi, già falliti nel Pd, che avrebbero solo una funzione propagandistica". "Ci riferiamo naturalmente alla ventilata ipotesi delle primarie - ha sottolineato il Cavaliere-. Siamo convinti invece che dobbiamo lavorare insieme, nel rispetto di tutti, per individuare città per città - la candidatura migliore non soltanto per vincere, ma per assicurare ai cittadini cinque anni di buon governo del loro Comune. Questo è il solo metodo unificante possibile che proponiamo ai nostri alleati per cambiare davvero la
 Puglia", ha concluso.

Niente primarie dunque per il leader azzurro. Una frase che sarebbe suonata come musica per le orecchie del sindaco Landella, che raccontano che sia uscito da Palazzo Grazioli "rasserenato" e "rafforzato".

Ora la questione si sposta sui tavoli nazionali: non sarebbero più Caroppo, Congedo e company a dettare la linea, bensì i leader nazionali del centrodestra, filtra, che Berlusconi potrebbe riunire attorno allo stesso tavolo già prima della fine dell'anno. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Un parto inaspettato in casa e un bimbo salvo per miracolo: così gli angeli del 118 e "quella mano di Dio" fanno nascere Gerardo

  • Cronaca

    Colpi di pistola contro l'auto di don Coluccia, il prete che si batte contro le mafie e quella "spietata e pericolosa" del Gargano

  • Economia

    Ma quale risalita, Foggia sprofonda: è penultima nella classifica sulla Qualità della Vita

  • Cronaca

    La malavita si fa sentire, a fuoco il centro di raccolta rifiuti a Monte Sant'Angelo. Il sindaco: "Mafia cancro che ci divorerà"

I più letti della settimana

  • Omicidio sulla Statale 16: ucciso uomo che trasportava finocchi, forse un tentativo di rapina finito male

  • Tragedia sui binari: operaio foggiano investito e ucciso da un treno

  • Tifoso della Cremonese in viaggio verso Foggia, muore colpito da un malore: tragedia nei pressi di San Severo

  • Automobilisti rapinati e sangue sulla Statale 16: è caccia ai delinquenti che seminano il terrore nel Cerignolano

  • Attimi di paura in un bar di via Nedo Nadi: rapinatore armato va via col malloppo sparando due colpi a salve

  • Muore prima di giungere allo stadio, Foggia omaggia Federico. La Cremonese: “Grazie di cuore”

Torna su
FoggiaToday è in caricamento