Giardini zen e ciclabili fluorescenti: è l'idea green innovativa che punta al benessere fisico e mentale dei foggiani

Parte da Manfredonia l'idea di rivedere il verde pubblico e gli spazi urbani della città sipontina e dell'intera Capitanata. La proposta di Paolo Ciro D'Apolito

Paolo Ciro D'Apolito, attivista del Movimento 5 Stelle di Manfredonia, interviene sulla necessità di una nuova politica del verde a Manfredonia ed in provincia di Foggia. Dopo altri tagli dei alberi di pino, in Viale Michelangelo a Manfredonia, e sulla necessità di ripensare la gestione del territorio, D’Apolito sostiene la necessità di un progetto nuovo del verde e di riqualificazione urbana.

Commissario della Provincia di Foggia e di Manfredonia della associazione ambientalista Fareverde.it dal 2000 al 2005, nonché promotore della raccolta firme per salvare un centinaio di Pini, di Viale Miramare, D'Apolito sottolinea i benefici degli alberi e delle aree verdi, che "accrescono il valore ecologico e la biodiversità dell’ambiente urbano; che contribuiscono a mitigare gli effetti negativi sul clima causati dall’uomo, controbilanciando l’effetto serra tramite la produzione di ossigeno e l’assorbimento di CO2; per la loro funzione igienico-sanitaria, legata alla depurazione chimica dell’atmosfera, alla fissazione dei gas tossici, alla depurazione batteriologica e al filtraggio delle polveri sottili e di altri agenti inquinanti (gli alberi fungono da mangia-smog), proteggono da onde elettromagnetiche"

E ancora, "sui siti inquinati sono utili come strumenti complementari di bonifica dei suoli, hanno una funzione termoregolatrice, grazie all’effetto dell’aumento dell’evapotraspirazione, sono capaci di contenere l’aumento delle temperature nelle stagioni estive ombreggiano gli edifici, diminuiscono il consumo energetico e abbassano la temperatura di almeno otto gradi centigradi (riducono il fabbisogno di aria condizionata del 30%); in inverno (aiutando anche a risparmiare fra il 20 e il 50% dell’energia usata per il riscaldamento), proteggono dai raggi UV (fonte Birmingham Institute of Forest Research (BIFoR). Hanno una funzione di frangivento, di riduzione dell’inquinamento acustico, dato dalla naturale capacità fonoassorbente delle piante; protettiva e di tutela dei suoli, specialmente nelle aree a rischio o sensibili (argini di fiumi, scarpate, zone con pericolo di frana, ecc.), che gli alberi e le piante proteggono grazie alle loro radici da fenomeni altrimenti incontrastabili di degrado e dissesto idrogeologico. Gli alberi hanno una funzione ricreativa, grazie a giardini e parchi urbani che migliorano notevolmente la qualità della vita in città; estetica e paesaggistica, migliorano la qualità degli spazi urbani sotto il profilo della percezione visiva, generando effetti benefici anche sotto il profilo funzione. Aumentano i valori degli immobili, aumenta la concentrazione sul lavoro.  (fonte architetturaecosostenibile.it)"

L'ambientalista di Manfredonia aggiunge: "Questa è una mia idea personale maturata in questi anni. Sono disponibile a guidare politicamente questo progetto. Vi spiego cosa intento dire: nella città come Manfredonia bisogna rivedere tutta la politica del verde pubblico, magari anche con il supporto di siti internet, come ad esempio itreetools.org. E’ possibile progettare e realizzare parchi e giardini bioenergetici con una reale capacità di portare giovamento all’organismo con una intensità sorprendente e sostare in questi spazi comporta un più intenso ed efficace recupero dallo stress in grado di riequilibrare il battito cardiaco, la respirazione e la pressione sanguigna, portando sollievo anche alla psiche e un intenso apporto di energia vitale per l’intero organismo (fonte carabinieri.it)"

D'Apolito porta alcuni esempi: "L'healing garden, ovvero i parchi e i giardini terapeutici per anziani che servono per svolgere attività di socializzazione, di fisioterapia e di riabilitazione e con percorsi della memoria (fonte ahta.org); le aree verdi per i cani con percorso Agility Dog fisso studiato con la collaborazione di istruttori cinofili della Protezione Civile, per offrire un'opportunità nei parchi pubblici o privati, nelle spiagge o aree verdi in cui praticare attività fisica all'aria aperta con divertimento e condivisione assieme ai nostri amici a quattro zampe. (fonte legnolandia.com); il Giardino Terapeutico Bioenergetico (fonte carabinieri.it ); i Giardini Sensoriali per Bambini e Zen per attività di meditazione, yoga, fitness, nordic walking, arti marziali; i Giardini Botanici (fonte tuttogreen.it); gli Orti Urbani (fonte biofarm.com); le piste ciclabili fluorescenti di notte (fonte inhabitat.com); i giardini verticali e le terrazze verdi (fonte planetasrl.net)"

Continua D’Apolito: "Il mondo vegetale è intelligente (fonte Laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale (Linv));  camminare nei tra alberi fa bene al cervello eliminando la depressione (fonte Proceedings of the National Academy of Sciences, Università di Stanford) ed al corpo grazie alla presenza di ioni negativi, chiamati anche “ioni buoni” grazie ai loro effetti benefici sull’umore, sull’energia. (fonte dionidream.com, benessere.com); Bioenergetic Landscape, gli alberi possiedono dei campi elettromagnetici che emanano frequenze analoghe a quelle che produce ogni organo o funzione biologica del corpo umano, e per questo capaci di interagire tra di loro, ovvero il coniugare l’architettura e il design con l’ambiente naturale e utilizzare consapevolmente il potere terapeutico della natura; ‘forest therapy’ abbracciando gli alberi; inoltre emettono Energia Pranica che favorisce l’omeostasi (fonte energiatrasformativa.it, Pranic Healing, Bio-Naturopatia).

Conclude D’Apolito: “Il presente ed il futuro sono l’utilizzo della Bioarchitettura, la Bioingegneria e la Ingegneria Naturalistica, l’Agroecologia, il Feng Shui, ecc.... Dipenderà dalla capacità dei sindaci (in un approccio di Smart City: città intelligenti ) e degli Enti, di accedere a fondi (e non farli ritornare non spesi in Europa), ad utilizzarli e soprattutto come utilizzarli. Questa è una mia personale proposta e sarei felicissimo di poterla realizzare”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piccola Alice non ce l'ha fatta: è morta la bimba di 6 mesi in vacanza con i genitori sul Gargano

  • Risucchiata dalle correnti bambina sprofonda giù, fratellino tenta di salvarla ma rischia di annegare. "Salvi per miracolo"

  • Incidente mortale: 20enne perde la vita in un terribile scontro frontale, nove persone ferite

  • Dramma sfiorato a Peschici: rischia di soffocare al ristorante, salvato da un turista. "Maurizio, sei un eroe!"

  • Angelo non ce l'ha fatta: si è spento a 26 anni "un ragazzo fantastico". Due anni fa l'incontro con l'idolo Pippo Inzaghi

  • Attimi di terrore a Vieste: bimba di 6 mesi rischia di morire soffocata, sanitari le salvano la vita

Torna su
FoggiaToday è in caricamento