Da 'Manfredonia Nuova' il No alla capitozzatura degli alberi: "Raccogliamo firme per un parco urbano"

Necessaria la realizzazione di un grande polmone verde nel cuore della città: "Lanceremo una petizione per la realizzazione di un grande parco urbano" 

La capitozzatura degli alberi

Manfredonia, fatta eccezione per gli alberi della villa comunale (piantati per altro in epoca passata), è una landa desolata cementificata in ogni dove. "Eppure, come ogni anno, in questo periodo assistiamo allo scempio della capitozzatura di quei pochi alberi, che arredano alcune via della città, come viale Aldo Moro, via Dante Alighieri, via Barletta. Cioè guardiamo alla trasformazione degli stessi in tronchi informi privati della loro bella chioma".

La denuncia arriva da 'Manfredonia Nuova' che si chiede: "se gli amministratori sanno che la capitozzatura indebolisce gli alberi, ne causa il decadimento, li rende brutti e provoca la scottatura dei tessuti sotto la corteccia con conseguente cancro e morte della branca? Lo sanno che attraverso le foglie e i rami gli alberi contribuiscono alla purificazione dell’aria, alla regolazione del clima, alla difesa del suolo dall’erosione e la riduzione dell’inquinamento acustico?"

Gli alberi, infatti, grazie alla loro ombra, possono mitigare le temperature delle città tra i 2 e gli 8 gradi; se sono piantati vicino a un edificio, consentono di ridurre del 30% il costo dell’aria condizionata in estate e di abbattere le spese per l’energia fra il 20 e il 50% in inverno. Ma i benefici ambientali riguardano anche la salute. In tempi di cambiamento climatico, ridurre le temperature urbane non è solo questione di comfort e risparmio, giacché un solo grande albero assorbe 150 chili di CO2 all’anno, e filtra anche le polveri sottili emesse dal traffico veicolare, dalle industrie e dalle caldaie domestiche, secondo i dati della ricerca presentata al summit sul clima di Quito, Equador.

"Una bella dose di alberi per le città sarebbe il rimedio più efficace e redditizio che potremmo dare a molti problemi, nonché un contributo alla salute fisica e psicosociale di chi ci vive", dice Francesco Ferrini, docente di arboricoltura urbana all'Università di Firenze. "E allora ringraziamo con una potatura corretta gli alberi, il nostro ultimo baluardo contro il disastro ambientale, per tutto l’ossigeno che ci regalano, per la bellezza delle loro fronde e dei colori con cui ci commuovono", dicono da 'Manfredonia Nuova'. "Se tutto questo, però, non interessa ai nostri amministratori, noi di Manfredonia Nuova diciamo basta allo scempio della capitozzatura, basta alla cementificazione senza senso di nuove aree urbane, sì alla realizzazione di un grande polmone verde nel cuore della città. Sì a tanti alberi per la vita, tanti alberi per renderci migliori, meno aggressivi e più sani dal punto di vista fisico, emotivo ed empatico. Annunciamo pertanto - concludono - che lanceremo nei prossimi giorni una petizione per la realizzazione di un grande parco urbano e chiediamo ai cittadini, alle associazioni, ai partiti di collaborare con noi perché l’iniziativa abbia successo". 

Potrebbe interessarti

  • Il fascino di Càlena, l'abbazia sul Gargano dove si narra vi sia custodito il tesoro di Barbarossa

  • La grotta di San Michele che si specchia sul lago di Varano, un luogo suggestivo che trasmette una sensazione di pace

  • Colon irritabile: cos'è, sintomi e possibili cause

  • Arredare casa: le 5 piante da interno che non hanno bisogno di luce

I più letti della settimana

  • Francesco Ginese non ce l'ha fatta: è morto a Roma

  • Tragedia nelle acque del Gargano: bagnante muore annegato

  • Tragedia alle porte di Foggia, violento impatto tra un furgone e una moto: c'è una vittima

  • Tutta Foggia è con Francesco, che lotta tra la vita e la morte: si è reciso l'arteria femorale mentre scavalcava un cancello

  • Foggia in lacrime per la tragica morte di Francesco: "Addio amico mio, non doveva finire così!"

  • Terribile incidente in moto, muore 38enne foggiano. "Ciao bomber, ora fai gol anche in Paradiso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento