360 nuove piante nelle periferie. Morese: “Custoditele e difendetele da atti di vandalismo”

Ad essere piantate saranno piante di carrubo, ginestra, leccio, orniello, cedro, thuja, tiglio, olmo, frassino e pittosporo

Le piantine

Comincerà giovedì 9 marzo la messa a dimora dei 360 nuove piante, tra alberi e siepi, che l’assessorato comunale all’Ambiente piantumerà nella aree periferiche della città. L’iniziativa è maturata nell’ambito dell’applicazione delle legge nazionale che dispone, per i comuni sopra i 15mila abitanti, di piantare un albero per ogni bambino registrato all’anagrafe o adottato. “Un’iniziativa importante ed opportuna che ci aiuterà a migliorare il patrimonio 'verde' delle nostre periferie. La sensibilità dell’assessore Francesco Morese ci ha permesso dunque di cogliere questa possibilità e di farlo a costo zero per le casse dell’Amministrazione comunale” ha commentato il sindaco Landella.

Le nuove piante, infatti, sono state richieste dall’assessorato all’Ambiente del Comune di Foggia all’ARIF (Agenzia Regionale per le attività Irrigue e Forestali), che le ha donate prelevandole dai propri vivai. Ad essere piantate saranno piante di carrubo, ginestra, leccio, orniello, cedro, thuja, tiglio, olmo, frassino e pittosporo.

Dichiara l’assessore comunale all’Ambiente, Francesco Morese: “Desidero ringraziare i vertici dell’ARIF per la sensibilità dimostrata nell’accogliere la richiesta formulata dall’Amministrazione comunale. Si tratta di un gesto che conferma una matura cultura dell’ambiente e la consapevolezza di dover mettere in campo ogni iniziativa utile ad aumentare la presenza 'verde' nelle città. Abbiamo scelto di mettere a dimora le nuove piante innanzitutto nelle periferie, con l'obiettivo non solo di abbellire, ma anche di riqualificare porzioni della città che vanno sottratte all’isolamento ed al degrado”.

Morese aggiunge e conclude: “Quella che metteremo a dimora rappresenta, da questo punto di vista, una dotazione verde importante e significativa. È per questo che l’appello che sento il dovere di rivolgere alla nostra comunità è quello di difendere e custodire questo patrimonio, proteggendolo da atti di vandalismo. Ogni albero piantato rappresenta una nuova vita. Sono certo che i cittadini sapranno averne cura come farebbero con un bambino”.

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento