Comuni Ricicloni: Roseto e Motta orgoglio foggiano, ma venti comuni sono “indifferenti”

Su tutti spicca Roseto Valfortore, Troia, Motta Montecorvino, Poggio Imperiale, San Marco La Catola, Serracapriola a Apricena

La conferenza stampa dei comuni ricicloni

L’edizione 2016 di Comuni Ricicloni Puglia compie un balzo in avanti. Per entrare nell’olimpo della gestione sostenibile dei rifiuti il raggiungimento dell’obiettivo di legge sulla raccolta differenziata, pari al 65%, non basta più. Legambiente vuole traghettare i comuni ricicloni pugliesi verso la nuova sfida della rivoluzione del secco residuo da avviare in impianti di incenerimento e in discarica. Ecco perché è stata coniata la qualifica di ‘Comuni Rifiuti free’ per le amministrazioni che, oltre ad aver superato il 65% di RD, hanno anche contenuto la produzione pro capite di secco residuo al di sotto del 75 kg/anno/abitante. 

Nella nona edizione di Comuni Ricicloni Puglia 2016 sono tre: Roseto Valfortore, Monteparano e Motta Montecorvino, rispettivamente con il 23,91%, il 65,64% e il 65,46% di secco residuo pro capite prodotto. Nel 2015 i Comuni Ricicloni pugliesi salgono a ventidue. Ancora una volta è Rutigliano, già premiato lo scorso anno, ad occupare il primo posto della classifica con una percentuale media del 77% nell’anno 2015