Sui Monti Dauni spopola il “Progetto Greenhouse”: il futuro nelle erbe officinali

L'associazione Sinopia lancia il bando rivolto ai giovani per gli incentivi alla coltivazione di erbe officinali. I finanziamenti ammonteranno ad un totale di 7.500 euro e saranno destinati a tre giovani imprenditori

Incentivi per coltivare erbe officinali sui Monti Dauni. Ecco l’iniziativa dell’associazione Sinopia che lancia un apposito bando, rivolto ai giovani. Le domande potranno essere presentate fino alla scadenza del bando, il 21 dicembre 2015.

A poter presentare la candidatura sono i giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni, o le imprese agricole composte per almeno il 50% da giovani in questa fascia d’età, che risiedano in uno dei 30 comuni dell’area dei Monti Dauni. I finanziamenti ammonteranno ad un totale di 7.500 euro e saranno destinati a tre giovani imprenditori (singoli o collettivi) per la sperimentazione di colture officinali su campi collocati nel territorio. (Tutte le info qui)

Progetto Greenhouse: Innoviamo per conservare

Greehouse è un'iniziativa disegnata per sostenere l’imprenditoria agricola giovanile dei Monti Dauni promuovendo la diversificazione dei terreni attraverso un programma di incentivi alla coltivazione di erbe officinali, in partnership con istituzioni, enti, attività commerciali e associazioni di settore. Alla luce della riforma della PAC del 2014 e in considerazione della crescente domanda di prodotti officinali e naturali a livello nazionale ed europeo, Greenhouse si propone di utilizzare le potenzialità del territorio dauno per rilanciare la produzione agricola locale, pur rispettando lo storico legame del territorio alla coltura cerealicola.

Come nasce Greenhouse? "L’ispirazione è nata in famiglia", racconta l’ideatore e responsabile del progetto, Gerardo Fascia. "Mio nonno possedeva un terreno con un mulino ad acqua nella valle di San Marco la Catola, in cui crescevano erbe officinali spontanee. Già a cavallo tra gli anni 50 e 60 queste erbe venivano acquistate in stock da alcuni intermediari dell’azienda Carlo Erba. L’esperienza di mio nonno mi ha fatto intuire le potenzialità non sfruttate della nostra terra".

Il progetto prevede in particolare l'erogazione di fondi a giovani che vogliano intraprendere questo tipo di coltivazioni, l'assegnazione di una borsa di ricerca presso l'Università di Foggia nonché l'installazione di uno sportello di informazione e orientamento a Volturino, che sarà attivo a partire da Dicembre. 

In linea con la ragione sociale dell'Associazione Sinopia, Greenhouse affiancherà poi all'attività di promozione dell'imprenditoria agricola giovanile quella di inserimento sociale e lavorativo di giovani svantaggiati provenienti dalla realtà del Dipartimento Dipendenze Patologiche della ASL Foggia-Lucera. Il progetto è stato presentato ad Expo 2015 nel mese di Ottobre, e sarà presente uno spazio Greenhouse anche al Festival delle Economie e dei Nuovi Lavori, a Cerignola, il 19 Dicembre.

Pagina ufficiale del progettowww.cgsinopia.it/il-progetto-greenhouse/

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Checco Zalone ospite da Fiorello, cita Foggia e divide: "Delinquenza e povertà, ma almeno c'è il bidet"

  • Corsa contro il tempo per Domenico, il 37enne e padre di due bambini colpito da una rara malattia: "Aiutateci a salvarlo"

  • Presa la banda foggiana che assaltava i bancomat: tre colpi in 20 giorni, quattro arresti

  • Ultim'ora | Operazione 'Nettuno', 4 arresti nella Capitaneria di Porto di Manfredonia

  • 400 ulivi tagliati 'con le mani', amaro risveglio nei campi di Stornarella. La vittima: "Buon miserabile Natale anche a voi!"

  • Da cinque anni alimentava casa e ristorante con l'elettricità rubata all'Enel: furto da 85mila euro

Torna su
FoggiaToday è in caricamento