Il palco del teatro “Dalla” di Manfredonia si trasforma in foyer per la Giornata mondiale del Teatro

Per incontrare il mondo della scuola e il pubblico, o meglio i passionari del teatro.Grande partecipazione ai due incontri organizzati grazie alla sinergia tra Bottega degli Apocrifi, Comune di Manfredonia e Liceo “A. G. Roncalli”.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Trasformare il palco di un teatro in un foyer, invitare dirigenti scolastici, studenti e pubblico ad incontrarsi per dire la loro sulla stagione teatrale appena conclusa, confrontarsi per cercare di migliorare l’offerta e capire la domanda, mettersi in ascolto. È quanto accaduto al teatro “Lucio Dalla” di Manfredonia mercoledì 27 marzo in occasione della Giornata mondiale del Teatro durante due momenti fortemente voluti dalla Compagnia Bottega degli Apocrifi, in sinergia con il Comune di Manfredonia, Teatro Pubblico Pugliese e il Liceo “A. G. Roncalli”. «Il foyer è lo spazio in cui il pubblico si incontra, prima e dopo uno spettacolo, raccontandosi il proprio vissuto e le proprie emozioni.

Noi oggi abbiamo voluto ricreare un foyer sul palco del nostro teatro per raccogliere le sensazioni, positive e negative, trasmesse dagli spettacoli della stagione di prosa “Peso Piuma”, per riflettere insieme sul lavoro fatto e porre le basi su quello da fare», ha spiegato Cosimo Severo - direttore Artistico di Bottega degli Apocrifi che assieme al Comune e al Teatro Pubblico Pugliese cura la programmazione della stagione di Prosa della Città di Manfredonia - e ha aggiunto: «e visto che una volta nei foyer si mangiava, oggi non poteva mancare l’aperitivo». Hanno registrato grande partecipazione i due appuntamenti programmati al “Dalla” di Manfredonia. Si è partiti al mattino con un incontro promosso dal Liceo “A.G. Roncalli” che ha visto presenti, intorno ad un tavolo, oltre al dirigente del “Roncalli” Roberto Menga, la rappresentante dell’ I.I.S.S. "Rotundi-Fermi" Lucia Prencipe, la rappresentante dell’ I.I.S.S. “G. Galilei” Apollonia Rinaldi, il dirigente dell’I.C. “Ungaretti-Madre Teresa di Calcutta” Franco Di Palma, la dirigente dell’I.C. “Perotto-Orsini” Maria Angela Sinigaglia, la referente Teatro Ragazzi del Teatro Pubblico Pugliese Adriana Marchitelli, il formatore e regista Cosimo Severo, la referente tavolo nazionale formazione di C.Re.S.Co. (Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea) Stefania Marrone e i ragazzi dell’alternanza scuola/lavoro. L’obiettivo è stato riflettere sul rapporto tra Teatro e Scuola, sul teatro come strumento di educazione e di crescita per i ragazzi. «L’incontro di oggi mira anche a capire come il mondo della scuola può utilizzare finanziamenti pubblici, italiani ed europei, per promuovere l’attività teatrale con la collaborazione di persone competenti», ha affermato Roberto Menga, profondamente convinto del potere inclusivo del teatro che permette ai ragazzi di conoscere se stessi, di rapportarsi agli altri, di rispettare le regole.

La giornata si è conclusa con un aperitivo teatrale in musica - con Francesca Rinaldi (voce), Fabio Trimigno (violino), Michele Telera (contrabbasso), Giuseppe Stoppiello (pianoforte) e con l’inedito danzatore di valzer Bakery Diaby - aperto alla città e molto partecipato, a dimostrazione che al “Dalla” di Manfredonia più che parlare di pubblico si deve, e si può, parlare di passionari del teatro. Tra i presenti anche il presidente del Teatro Pubblico Pugliese Giuseppe D’Urso, il quale ha sottolineato che questa è stata l’unica manifestazione in provincia di Foggia per celebrare la Giornata mondiale del Teatro. A fare da filo rosso fra gli incontri del 27 marzo è stato il messaggio scelto per la Giornata mondiale del Teatro, affidato al regista cubano Carlos Celdràn, di cui ci piace riportare questa parte, molto in linea con l’attività che Bottega degli Apocrifi porta avanti da anni a Manfredonia: «(…) Il tuo viaggio è vertiginoso e nessuno può misurarlo o metterlo a tacere. Né qualcuno può riconoscerlo nella giusta misura. È un viaggio attraverso l'immaginazione della tua gente, un seme che viene seminato nelle terre più remote: la coscienza civica, etica e umana dei tuoi spettatori. Perciò, non mi muovo, rimango a casa, con i miei cari, in una quiete apparente, lavorando giorno e notte, perché ho il segreto della velocità». La giornata è stata organizzata da Bottega degli Apocrifi all'interno del Progetto Teatri del Gargano, sostenuto dalla Regione Puglia tramite l’Avviso a presentare Iniziative progettuali riguardanti lo spettacolo dal vivo e le residenze artistiche – FSC Fondo di Sviluppo e Coesione 2014/2020 – Patto per la Puglia, che ha contribuito alla realizzazione di “Peso Piuma”, la stagione teatrale 2018/19 della Città di Manfredonia.

Torna su
FoggiaToday è in caricamento