Pietramontecorvino, la “reginetta” si elegge nel castello: è la favola di Miss Italia

Questa sera il tour di Miss Italia fa tappa in provincia di Foggia, dove ritornerà mercoledì a Peschici e giovedì a Vieste. Questa sera si assegna la fascia di Miss Cotonella Puglia e la vincitrice accederà di diritto alle prefinali nazionali

Le finaliste pugliesi

Una “reginetta” eletta in un castello. È la favola di Miss Italia in Puglia. La seconda prefinalista nazionale pugliese del concorso più longevo e prestigioso d’Italia sarà eletta nella Capitanata. Questa sera, nel castello di Pietramontecorvino, si assegnerà la fascia regionale di uno storico partner del concorso, Miss Cotonella Puglia, che consisterà alla vincitrice di accedere alle prefinali nazionali in programma dal primo settembre a Jesolo.

Il 30 agosto, invece, si concluderà sempre in provincia di Foggia il tour pugliese con la finalissima regionale in programma al Grand Hotel Vigna Nocelli di Lucera. La tappa di Pietramontecorvino, organizzata dall’agenzia “Parole & Musica” di Mimmo Rollo, esclusivista regionale del concorso, col patrocinio dell’amministrazione comunale, si svolgerà alle 21: l’ingresso è libero e su invito. Nel castello, però, andrà in scena un doppio appuntamento.

Nel pomeriggio, infatti, si svolgerà una selezione provinciale, aperta a coloro che ancora non hanno partecipato o che non hanno conquistato fasce per accedere alla selezione regionale. Le sei premiate durante la sessione pomeridiana si aggiungeranno alle altre ragazze che si sono già qualificate per partecipare alla selezione regionale serale. Le ragazze di età compresa tra i 18 (da compiere entro agosto) e i 30 anni (compiuti entro il 31 dicembre) possono partecipare iscrivendosi gratuitamente su missitalia.it oppure presentandosi alle ore 17 nel luogo e nel giorno della selezione.

Le prossime tappe si terranno martedì a Torre Canne, mercoledì a Peschici e giovedì a Vieste. Dopo i destini incrociati di Enzo Mirigliani e di Domenico Modugno, lo spettacolo realizzato quest’anno da Mimmo Rollo, “Ti parlo di Lucio”, è un tributo ad un grande cantante pugliese d’adozione: Lucio Dalla. Mamma pugliese e lui cittadino onorario di Manfredonia e a tutti gli effetti delle Isole Tremiti, Dalla ha avuto la Puglia come fonte d’ispirazione: è proprio qui che ha scritto alcuni dei suoi brani più celebri come “4 marzo 1943”.

Un tributo che Miss Italia vuole rendere al cantautore bolognese per ciò che ha offerto al panorama musicale mondiale e alla Puglia come sua fonte di ispirazione e di bellezza. Ad interpretare lo spettacolo saranno l’attrice Antonella Carone, l’attore comico, cantante e musicista romano Marco Passiglia (già in evidenza in tivù a Colorado Cafè) e la violinista Rosa De Donato, accompagnati dalle basi realizzate appositamente da Primiano Di Biase, pianista dei Dire Straits Legends.

Anche quest’anno, per la terza volta, la finalissima del concorso sarà trasmessa in diretta su LA7 il prossimo 20 settembre da Jesolo, presentata da Simona Ventura. Prima dell’atto conclusivo andranno in onda in tivù due anteprime che faranno conoscere le protagoniste che si sfideranno in passerella per vincere l’ambita fascia di più bella d’Italia.

Potrebbe interessarti

  • A spasso nel Gargano e quella torre che si affaccia sul mare cristallino tra i laghi di Lesina e Varano

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gargano da amare: dai faraglioni di Mattinata al castello di Manfredonia, dalla Basilica di Siponto alla grotta di San Michele

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento