A Lesina tutto il fascino della tradizione nel 'sorteggio' per la pesca nel lago

  • Dove
    Lago di Lesina
    Indirizzo non disponibile
    Lesina
  • Quando
    Dal 04/09/2016 al 04/09/2016
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Per maggiori informazioni è possibile contattare la CNA di Foggia al numero 0881/772070
  • Altre Informazioni
Veduta sul lago

Si svolgerà domenica 4 settembre, alla presenza delle autorità civili, il sorteggio delle zone di pesca nel lago di Lesina. Ritorna anche quest’anno un antico rito, che ha radici agli albori del secolo scorso, quando finalmente ai pescatori di Lesina venne consentito di esercitare liberamente l’attività di pesca nel lago.

Infatti, precedentemente, il lago, il nono tra i laghi d’Italia ma senza ombra di dubbio il più pescoso in quegli anni, era gestito direttamente da privati proprietari. Fu la saggezza popolare a dettare le norme per consentire ai pescatori di accedere alla pesca nel lago, seguendo un ordine legato alla casualità: il sorteggio.

Nel lago di Lesina la pesca più importante è da sempre quella autunnale. In questo periodo si pesca con più facilità l’anguilla e soprattutto il capitone, che come tutti gli altri pesci sente la necessità di raggiungere il mare per potersi riprodurre. Questa pesca viene svolta con il sistema della paranza: un tipo di sbarramento posto in linea perpendicolare con le rive del lago.

Una sorta di passaggio obbligato per le anguille verso i “bertovelli”, posti ad intervalli regolari lungo lo sbarramento. La paranza è  formata da una fila di pali, conficcati nel fango, posti in linea retta, il primo dei quali normalmente posto presso la riva. Tra un palo e l'altro viene collocata ben distesa l'“arella”, formata un tempo da fascetti di canna, oggi da rete comune.

La lunghezza delle arelle è inferiore a quella esistente tra un palo e l'altro. Questo spazio prende il nome di “vado”. L'insieme di un'arella e di un vado prende il nome di “fratta”. Alla linea retta tracciata dalle fratte sono collegati con un sistema che consente l’accesso dei pesci, ma non l’uscita, i bertovelli, al cui interno c’è la “femminella”, un congegno di rete speciale che li divide in tre scomparti. Questi ultimi, stesi nell’acqua, costituiscono un attrezzo efficientissimo per la pesca delle anguille e sono caratterizzati nella parte finale dalla presenza di quella che viene chiamata la “camera della morte”.

Il metodo di sorteggiare le zone di pesca si è imposto per la diversa pescosità del lago. Chiaramente quelle più ambite sono le zone limitrofe al canale Acquarotta e al canale Schiapparo, che collegano il lago con il mare, semplicemente perché il ciclo biologico dei pesci spinge questi ultimi verso i canali. Per i pescatori, che per l’occasione si organizzano in ciurme (“paranze”), uscire assegnatari di una di queste quattro zone di pesca significa avere la certezza di un ottimo raccolto di anguille, cefali, spigole, orate, tutto pesce pregiato, molto richiesto sul mercato.

Per questo il sorteggio tutti gli anni si accompagna con un rituale conflittuale e scaramantico; sarà la fortuna a far sperare la ciurma nella maggiore quantità di catture e, quindi, la prosperità per quell'anno. Il primo a cogliere l’importanza per l’identità della comunità lesinese del rito del sorteggio è stato Elio Piccon regista del celebre documentario degli anni Sessanta, L’antimiracolo, per girare il quale si trasferì un anno sul Lago di Lesina, raccontando così la vita di una comunità di pescatori, i loro usi e costumi. In questo film-cult Piccon descrive mirabilmente la tecnica di pesca di paranza.

Oggi prosegue questo avvenimento con un minor carico di attenzione e animosità. I pescatori di lago sono ormai ridotti a poche famiglie, e devono scontrarsi ogni anno con i doppiolavoristi e i pensionati che, nel nome di un uso civico tutto da dimostrare, pretendono di accedere all’attività di pesca più importante senza minimamente regolarizzare la propria posizione. E così al trono della proprietà comune, che poi viene intesa come proprietà di nessuno, si è immolata la pescosità del più importante lago di Puglia.

Da quest’anno la proposta di vivere l’esperienza della pesca sulla paranza rientra nel progetto “I Laghi di Puglia”. Grazie a questo progetto chiunque potrà essere protagonista di un’azione di pesca, che consentirà di vivere un’esperienza indimenticabile a bordo delle antiche imbarcazioni lesinesi (“sandali”), in compagnia di pescatori che faranno rivivere con i loro racconti tappe importanti della cultura lagunare e sveleranno i segreti per ottenere piatti unici dall’ottimo pescato. Si potranno inoltre assaporare prodotti tipici della cultura lagunare, fatta di piatti prelibati che solo questa zona della Puglia permette di gustare.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • Foggia accoglie il raduno dei Golden Retriever: passeggiata di Natale per le vie della città

    • solo domani
    • 15 dicembre 2019
    • Centro
  • Dal villaggio di Santa Claus ai mercatini: il ricco programma di eventi del Natale a Vico

    • dal 6 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Centro
  • San Severo si prepara al Natale: luminarie, filodiffusione, alberi di Natale e pista di pattinaggio

    • dal 8 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Centro

I più visti

  • L'assessorato alla Cultura del Comune di Foggia presenta la Ruota panoramica solidale, simbolo del Natale 2019

    • dal 9 al 25 dicembre 2019
    • Piazza Cavour
  • Foggia accoglie il raduno dei Golden Retriever: passeggiata di Natale per le vie della città

    • solo domani
    • 15 dicembre 2019
    • Centro
  • Un albero maestoso, un carro stupefacente, incredibili attrazioni e video mapping 3d: ecco 'La Città di Babbo Natale' a Lucera

    • dal 7 dicembre 2019 al 11 gennaio 2020
    • Palazzo De Troia
  • Torna "Libando a Natale" (ma cambia location): "Così la villa comunale tornerà viva, grazie a profumi e sapori"

    • dal 21 al 24 dicembre 2019
    • villa Comunale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FoggiaToday è in caricamento