Rignano Garganico si trasforma in un presepe a cielo aperto

Oggi l’inaugurazione con le scolaresche. Confermato il gemellaggio con i presepi di Deliceto e Canosa. 15 botteghe proporranno ai visitatori le antiche arti e i mestieri della Rignano Garganico di fine ‘800

Comparse presepe vivente

Il Natale contadino degli anni ’30 rivive nel più piccolo comune del Parco nazionale del Gargano. Quest’anno compie diciotto anni il presepe vivente a cielo aperto di Rignano Garganico, annoverato tra i più grandi e  longevi del Sud-Italia e gemellato da sei anni con il presepe di Deliceto e da due con quello di Canosa di Puglia. Una collaborazione interistituzionale che proietta  il presepe di Rignano nei circuiti turistici regionali.  La manifestazione ha preso il via oggi con le scolaresche, e proseguirà nei giorni 26, 27 dicembre e 6 gennaio dalle ore 16.00 alle 21.00 per tutti coloro che vorranno esserci.

Il presidente Giuseppe Palladino, a nome di tutta l’associazione, ha accompagnato Stefano Pecorella, il sindaco Vito Di Carlo e il parroco don Nazareno Galullo lungo tutto il percorso che si snoda per le vie del centro storico di origine medievale, dove la popolazione anima le botteghe con scene di vita quotidiana degli anni ’30: le donne alle prese con le faccende domestiche, la cucina e i figli più piccoli, le ricamatrici, la lustra scarpe”, la mostra dei presepi, per raggiungere il belvedere sotto cui si stende il Tavoliere delle Puglie per assistere alla rappresentazione de “la Massariё dё Cappelluccё”, un’autentica scena di lavoro agricolo. Il tratto finale del percorso è dedicato, naturalmente, alle radici cristiane, al simbolo della rinascita e della speranza: la Natività.

Queste le parole del presidente del Parco del Gargano: “Anche quest’anno abbiamo deciso di sostenere il Comune di Ragnano e l’associazione Presepe Vivente che da sempre e con grande passione mantengono viva una importante tradizione che valorizza il nostro territorio, attirando ogni anno tantissimi visitatori”.

La tradizione del presepe di Rignano è nata nel 1998 con l'istituto scolastico "San Giovanni Bosco" che mise in scena per la prima volta il Presepe Vivente in un progetto volto alla riscoperta degli antichi mestieri.  Di anno in anno questo progetto si è ampliato tanto da coinvolgere l'intero paese.  La ricerca minuziosa dei dettagli, la partecipazione attiva degli abitanti, con oltre 300 comparse che si aggiungono a  coloro che lavorano dietro le quinte, rendono Rignano Garganico un Presepe Vivente a cielo aperto. 

Ha aggiunto il sindaco di Rignano Vito Di Carlo: “Un doveroso grazie va al Parco del Gargano e al suo presidente Stefano Pecorella che ci ha sempre sostenuto facendo in modo che questa tradizione restasse in vita”. Tra le tortuose e pittoresche vie del centro storico, quindici botteghe  proporranno ai visitatori le antiche arti e i mestieri della Rignano Garganico di fine ‘800, animate dai cittadini rignanesi che vestiranno i panni dei loro antenati. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

  • In fuga su una Ferrari rubata lungo la Statale 16: polizia insegue la 'rossa' da 140mila euro, ladro scende e scappa

Torna su
FoggiaToday è in caricamento