Una "lettura semiseria per neomamme stressate". All'Oda, l'esordio come scrittrice di Germana Zappatore

Si intitola “Il piccolo non è un bambolotto. Lettura semiseria per neomamme stressate e serissimo galateo per parenti, amici e tuttologi” il libro che segna il debutto come scrittrice della giornalista foggiana Germana Zappatore. Mamma da alcuni mesi, ha deciso di scrivere questo breve e ironico manuale dopo una riflessione sui nove mesi della gravidanza.

 “In quel periodo – ricorda – avevo l’imbarazzo della scelta fra corsi pre-parto, lezioni di ginnastica, acquaticità e persino danza del ventre per gestanti, mentre parenti e amici non venivano preparati in nessun modo alla comunicazione post-parto. Peccato, perché un corso del genere sarebbe stato di grande utilità: tutti sanno tutto su allattamento, malanni di stagione, coliche, nanna e svezzamento, ma quasi nessuno conosce il modo più giusto di parlarne. Questo gap è, nella maggioranza dei casi, la causa principale dei dissapori familiari. A confermarlo sono state anche le altre neo-mamme con cui mi sono ritrovata spesso a chiacchierare sia prima che dopo la nascita di mio figlio: tutte hanno lamentato una comunicazione difficile, e molte mi hanno invogliata quale mamma e giornalista a scriverne”.

Il libro, autopubblicato e acquistabile sul sito www.ilmiolibro.it, verrà presentato giovedì 14 luglio alle ore 20.00 presso l’Oda Teatro. A conversare con l’autrice sarà la giornalista Mariangela Mariani, mentre gli attori Maria Mennuni e Mario Pierrotti della compagnia teatrale Cerchio di Gesso nuovo leggeranno alcuni brani tratti dal libro. Al cantautore Salvatore Luca Tota, invece, sarà affidato il “commento musicale” della serata.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Fase 2, la galleria della Fondazione riapre al pubblico: prorogata al 20 giugno la mostra di Matteo Manduzio

    • Gratis
    • dal 25 maggio al 20 giugno 2020
    • Fondazione dei Monti Uniti
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FoggiaToday è in caricamento