La Pci brilla all'estero: con 'I don't care' vince il 7° Kuwait International Festival for Academic Theatre

Incetta di premi - tra cui quello come miglior spettacolo - per "I don't care", performance incentrata sulla dipendenza da social network, tema internazionalmente riconosciuto come estremamente attuale

La premiazione

Con lo spettacolo 'I don't care' la Piccola compagnia impertinente di Foggia si è aggiudicata il premio più importante del 7° Kuwait International Festival for Academic Theatre: quello come 'Miglior Spettacolo'.

Oltre alle quattro nomination per miglior attrice non protagonista, miglior attore, miglior regia e miglior testo, il premio come miglior spettacolo rende omaggio allo spettacolo “I don’t care”, performance incentrata sulla dipendenza dai social network, tema internazionalmente riconosciuto come estremamente attuale.

Cinque gli attori sul palco, capaci di dare corpo, voce ed immagine ad un susseguirsi di quadri che raccontano la frammentarietà del vissuto social, e che lungi dal voler retoricamente condannare a priori questa enorme rivoluzione culturale, cerca, attraverso il teatro, di rendere la visione più ampia, visione di una realtà capace di mettere in connessione l’intero pianeta, ma che al suo interno, nasconde zone d’ombra estremamente preoccupanti.

"L’esperienza in Kuwait è stata per noi un motivo in più per constatare l'eventuale forza della nostra poetica in un contesto molto diverso. Nel festival erano in gara 5 nazioni, per un totale di 7 spettacoli", spiega il direttore artistico della compagnia, Pierluigi Bevilacqua. "Il pubblico ha riconosciuto la capacità creativa di comunicare un tema così attuale attraverso un linguaggio che superava le barriere testuali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Uno spettacolo che entra duramente negli occhi degli spettatori costretti a riflettere su ciò che spesso viene ignorato o dimenticato. Avere lavorato così a lungo durante questi anni per formare un gruppo di attori giovani capaci di affrontare contesti internazionali ci riempie di orgoglio e ci dà la misura della nostra crescita", conclude Bevilacqua. "Il nostro auspicio è che si possa sempre migliorare per portare in giro una voce fuori dal coro, intensa e spregiudicata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla A14 nel Foggiano: morto intrappolato tra le fiamme il conducente di un camion

  • Tragedia alle porte di Foggia: violento schianto contro il muro di una villa, muore 50enne di Orsara

  • Tragedia sfiorata in mare: madre e figlio rischiano di annegare, militare si lancia in acqua e li salva

  • Il tuffo in mare, il malore e la morte: annega a Vieste Rossano Cochis, braccio destro di Vallanzasca detto 'Nanu'

  • Incidente sulla Statale 16, scontro frontale tra due auto: cinque feriti

  • Morsa da un rettile mentre è al lavoro nei campi. Corsa in ospedale per una giovane bracciante: "Era sopraffatta dal dolore"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento