Applausi per ‘Le Nozze di Figaro’, opera mozartiana in scena al Teatro Giordano

Grande successo per l’opera del Conservatorio ‘Umberto Giordano’

Le 'Nozze di Figaro'

Sabato scorso al Teatro Giordano c’era il tutto esaurito. Il Conservatorio di musica ‘Umberto Giordano’, per la XIX edizione di Musica nelle Corti di Capitanata, ha portato in scena la prima opera dopo la riapertura del teatro cittadino con grande senso di responsabilità. Il direttore Francesco Di Lernia, Marco Angius, direttore d’orchestra responsabile del laboratorio lirico e Patrizia Di Martino, hanno regalato alla città il frutto del laboratorio didattico dell’anno accademico 2014-2015: l’opera mozartiana ‘Le nozze di Figaro’, ossia La Folle Giornata, quattro atti di arie e recitativi su libretto di Lorenzo da Ponte. In pratica uno di quei titoli per cui il pubblico va – letteralmente - a nozze.

L’orchestra sinfonica del Conservatorio dauno, costituita da professori e studenti borsisti del laboratorio orchestrale, ben diretta da Michelangelo Martino (1°, 3° atto) e Domenica Giannone (2°, 4° atto), con l’ausilio di Paola Minervini al clavicembalo (in scena), ha sostenuto i giovani cantanti per tutto il tempo con estrema sicurezza e professionalità.

Sul palco del Giordano si sono alternati tutti i personaggi dell’opera buffa del compositore salisburghese: Cherubino (Bianca D’Errico, soprano), la Contessa (Gaetana Frasca, soprano), il Conte d’Almaviva (Antonio Perrella, baritono), Barbarina (Simona Pia Ritoli, soprano), Marcellina (Monica Paciolla, mezzosoprano), Basilio (Alessio De Palma, tenore), Bartolo (Giorgio Schipa, basso), Susanna (Ilaria Bellomo) e Figaro (Rocco Cavalluzzi, bassbaritono).

I protagonisti hanno tenuto la scena con disinvoltura e padronanza, a testimonianza del grande lavoro svolto dai rispettivi docenti di riferimento e dalla regista Patrizia Di Martino, docente di arte scenica presso la sede staccata di Rodi Garganico che, al termine della rappresentazione, ha ringraziato il numeroso pubblico elogiando la professionalità di tutti e il grande spirito di squadra  dimostrato.

I costumi, settecenteschi, sono stati confezionati dalla sartoria Shangrillà, le scene sono state curate da Luigi De Nisi e le luci e proiezioni da Massimo Russo coadiuvato da Mimma Campanale, in questa occasione nella funzione di maestro alle luci.  Alla fine tanti applausi per tutti e grande conferma del Conservatorio “Umberto Giordano” di Foggia. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Carabinieri setacciano l'area "internazionale" del Santuario di San Pio: scattano arresti e denunce

  • Sequestrati a Curci beni per 16 milioni, che il commercialista "che ha manifestato concreta pericolosità sociale" stava occultando

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

Torna su
FoggiaToday è in caricamento