Una mostra in cambio di un "cono gelato": il regalo dei 'Frammichele' per il 'Purgatorio'

L'iniziativa di due artigiani di Peschici, che hanno deciso di contribuire al restauro della chiesetta nel centro storico allestendo una mostra di sculture in terracotta per aumentare il flusso di turisti e le offerte per il restauro

L’amore per la propria terra va oltre gli affari, le ore di lavoro, la continua ricerca di visibilità e pubblicità. La storia che vi raccontiamo non è ambientata in mezzo alla neve, non ci sono renne ed addobbi, né pacchi regalo. O meglio, sì, qualche regalo c’è. Lo stanno confezionando due artigiani di Peschici nella loro bottega.

Rocco e Peppino Biscotti, noti in paese come i “Frammichele” sono artisti di grosso calibro: con le loro mani segnate dal tempo e dal lavoro riescono a trasformare semplice terracotta in oro: statuette, vasi, contenitori, numeri civici in ceramica, icone religiose, Rocco e Peppino sfamano la loro famiglia grazie al loro estro e hanno reso la loro bottega uno dei luoghi più visitati del Gargano. Ma la storia che vi stiamo raccontando vede protagonista anche una chiesetta nel centro storico di Peschici, in piazza del Popolo. È la chiesa del Purgatorio, piccola, semivuota e nel cui interno spiccano un altare con la Madonna del Rosario, un antico organo a canne ed un affresco che raffigura Paradiso, Inferno e Purgatorio.

Pare che la chiesetta, usata dai monaci benedettini come ossario, sia stata già distrutta da un incendio nel 1865 e poi ricostruita dalla Confraternita del Purgatorio e dai numerosissimi fedeli. Da diversi anni, la chiesetta necessitava di un’ulteriore opera di ripristino. “Il primo restauro, la parte esterna della chiesa – dice Giuseppe De Sio, priore della Confraternita del Purgatorio di Peschici - è cominciato ed ultimato nella primavera del 2016. Tutto “finanziato” dalla generosità dei peschiciani (molto devoti alla Madonna del Rosario) e delle migliaia di turisti che durante la stagione estiva visitano la nostra bella cittadina. In realtà – aggiunge il priore – anche la statua della Madonna del Rosario è in restauro, grazie al Gruppo di San Severo (una specie di confraternita gemellati con noi da qualche anno) che provvederanno a tutte le spese”.

Si può dire che la chiesetta sia stata finanziata con l’accensione delle candele votive. Ma i soldi sono presto finiti e adesso c’è la necessità di ripristinare gli affreschi e di eseguire lavori in muratura. Ecco il regalo di Natale dei “Frammichele”: Rocco e Peppino hanno contattato il priore per allestire una mostra permanente all’interno della chiesa così da interessare più turisti ed aumentare le offerte per il restauro. Tutto questo in cambio… di un gelato: “A noi basta un gelato, non dobbiamo arricchirci – dicono Rocco e Peppino – perché in ballo c’è un pezzo di storia di Peschici e della spiritualità del Gargano”. I fratelli ceramisti stanno realizzando delle vere opere d’arte sacra, rigorosamente in terracotta: c’è un inquietante Amleto, le Tre Madri in preghiera davanti ai rispettivi figli crocifissi (Gesù e i due ladroni), un’opera ispirata all’omonima canzone di De Andrè ("Con troppe lacrime piangi, Maria, solo l'immagine d'un'agonia: sai che alla vita, nel terzo giorno,  il figlio tuo farà ritorno: lascia noi piangere, un po' più forte, chi non risorgerà più dalla morte"); c’è anche una bella rappresentazione dell’ossario e un meraviglioso “Trionfo della vita”, con un malvivente che alla vista di una gestante abbassa il fucile ed evita di sparare. Al Purgatorio si potranno ammirare molte altre creazioni che confermano i Frammichele artisti di livello indiscusso. C’è tanto della cultura garganica, della vita vissuta, ma anche molte citazioni letterarie, compreso un omaggio al recentemente scomparso scrittore e giornalista Piero Giannini, peschiciano d’adozione.  Una favola di Natale che potrà essere vissuta anche la prossima estate da chi a Peschici arriva quando il sole ed il mare lanciano il loro inconfondibile richiamo. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento