A Orsara la mostra ‘La via del pane’, l’omaggio di Antonio Poppa alla cultura contadina

  • Dove
    Palazzo De Gregorio
    Indirizzo non disponibile
    Orsara di Puglia
  • Quando
    Dal 08/08/2017 al 20/08/2017
    10.30-13.00 | 18.00-22.00
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Il rito e la grazia del pane, per intere generazioni, sono scolpiti nella memoria, nel tempio che io cuore e la mente riservano alle cose più belle e preziose. Gesti di un tempo, antichi attrezzi, il calore di una materia che è vita, identità, storia. Il pane, quasi fosse anello di congiunzione fra umano e divino, dono di Dio, riesce a essere madre e padre, alfa e omega di una cultura contadina che ha sempre posto questo alimento come base e pietra angolare della propria alimentazione, della sua stessa identità. A questo sentimento, Antonio Poppa ha dedicato un’intera mostra: “La via del Pane”, a Orsara di Puglia, sarà visitabile fino al prossimo 20 agosto a Palazzo De Gregorio, dalle 10.30 alle 13 e dalle 18 alle 22.

Guadagnarsi il pane

Antonio Poppa è nato a Orsara di Puglia ma vive a Ivrea, dove ha lavorato per un vecchio colosso dell’industria italiana, la Olivetti. Come accade spesso ai nostri emigranti, anche Antonio ha tenuti impressi nella mente e nel cuore i “rilievi” della propria formazione, del luogo in cui è nato e ha vissuto parte della propria esistenza, del paese che prima di lui ha dato i natali ai suoi genitori e ai genitori dei suoi genitori. La sua passione per la scultura ha radici nella terra argillosa di certe aree di Orsara. Antonio Poppa ha coltivato quella passione come fosse un campo di grano. Sulla sua strada, ha incontrato il maestro Giuseppe Binel, esponente di primo piano della scultura valdostana che l’ha sostenuto in questo lavoro.

La via del pane

Prima di arrivare alla tavola, il pane, o almeno quello di un tempo, era ed è aratura, poi semina, mietitura, metafora della fatica e della gioia di vivere. Si passa dai campi, camminando a fatica tra le zolle, per poi arrivare al mulino, trasformare i chicchi in oro. L’ultimo passaggio, prima della tavola, è in forno. La mostra di Antonio Poppa disegna la mappa del pane, andando a raccogliere i rilievi della memoria per trasformarli in scultura. Un’opera d’arte fissa per sempre una storia, un percorso, interi volumi di valori e significati. E’ così che “La via del Pane” racconta, con il meccanismo dello specchio che non riflette più la realtà, il cambiamento, lo sviluppo industriale, l’effetto straniante della meccanizzazione e dei riti che diventano rarità. Antonio Poppa, all’Olivetti, ha vissuto quel passaggio in modo diretto, partecipando in prima persona allo sviluppo dell’informatica e l’avvento della robotica. Per questo il suo omaggio al pane è tutt’altro che nostalgico (anche se evoca e provoca nostalgia), caratterizzandosi piuttosto come un omaggio tenero e consapevole alla grande cultura del pane. Attrezzi, luoghi e persone sono memorizzati con tenerezza e religioso rispetto. L’autore per la realizzazione delle sue opere si è avvalso delle immagini fotografiche messe a disposizione da Pietrantonio Fatibene, Nicola Tramonte e da un video di Ernesto Trobia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Le opere di Zip a Foggia: il Banksy foggiano per la prima volta a Parcocittà

    • solo domani
    • Gratis
    • 25 gennaio 2020
    • Parcocittà
  • In Fondazione le musiche di Kropinski e l’arte Suridealista di Antonello Morsillo per celebrare il Giorno della Memoria

    • Gratis
    • dal 27 gennaio al 8 febbraio 2020
    • Fondazione dei Monti Uniti

I più visti

  • Torna il Carnevale di Manfredonia: musica, eventi per bambini, rassegne culturali e artisti locali nel fitto calendario di appuntamenti

    • dal 23 febbraio al 1 marzo 2020
    • Centro
  • I Ditelo voi al Teatro Giordano con “Il segreto della violaciocca”: parte del ricavato devoluto in beneficenza

    • 1 febbraio 2020
    • Teatro Umberto Giordano
  • La sanità del decennio 2020-30 e il ruolo del medico e dell'operatore sanitario: se ne parla in un convegno a Foggia

    • solo domani
    • 25 gennaio 2020
    • Ordine dei Medici
  • A Foggia il primo cineforum in lingua tedesca

    • dal 21 gennaio al 3 marzo 2020
    • Sala Farina
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FoggiaToday è in caricamento