"Il volo delle rondini": Lucia Macro presenta il suo libro di poesie

Il titolo del libro, II volo delle rondini, riprende quello della poesia dedicata dalla Poetessa a suo figlio. In verità la scrittrice di figli ne ha due, Marco e Christian, ma volutamene nella poesia eponima non si specifica quale dei due sia, esattamente per marcare che un uguale sentimento di amore lega la madre ad entrambi, senza distinzione alcuna. C'è un'altra poesia o meglio una prosa poetica - che ha valore simbolico di ricapitolazione dell'intero libro, ed è
Papaveri scalzi. Quest'ultima è una lettera rammemorante l'infanzia della Poetessa, che si rivede nella foto di quand'era una bimbetta di cinque anni: alta e snella come un papavero, con le scarpette bucate perché il piede, per effetto della crescita, "sboccia sulla punta" come un fiore. Queste due poesie costituiscono gli estremi dell'angolo giro dentro il quale si campisce l'intero mondo poetico di Lucia Macro: il mondo esteriore della famiglia e il mondo
interiore della vicenda autobiografica. La famiglia non è presente solo nelle persone degli amati figli, ma ci sono anche i genitori, la mamma e il padre, nonché i nonni. " padre, in particolare viene ricordato per la sua perizia di abile meccanico, e infatti si legge che "le ruspe ruggiscono allegramente solo al comando del tuo tocco magico: Artista dei Motori". Alla madre, fra gli altri versi, è particolarmente significativa la poesia Lettera di una madre, nella
quale la Poetessa dà contezza dei messaggi educativi materni: "Amate ogni cosa di voi, amate il vostro diritto di esistere". Non si deve sottacere la presenza, nel mondo familiare, dei nonni e in particolare della nonna Sipontina, figura di dolcissima umanità, carica di affetto, rappresentata in aura di dolcezza e di amore. Un primo carattere di questo bel libro di poesie
lo potremmo, allora, individuare, in questa sorta di lessico famigliare, quasi in eco del libro di Natalia Ginzburg, tale che esso ricostruisce, nell'atmosfera calda e sempre rinnovata della nostalgia e dell'amarcord, la dolcezza e l'armonia del nido familiare, così come lo descriveva Giovanni Pascoli, nel passaggio delle generazioni, dai nonni, ai genitori, ai figli.
L'intero libro di Lucia Macro, il cui nome di battesimo è già un presagio e una rivelazione di luce e di calore, è proprio ciò che il titolo lascia presagire, cioè un volo di rondini, che da sempre, in poesia, rappresenta il simbolo della libertà e, con il garrire nei cieli limpidi della primavera, esprime anche la gioia della vita e l'incanto per la bellezza del creato.
(Sandro Gros-Pietro)

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • "Di padre in figlio l'arte continua": al Museo Civico la mostra personale di Corrado Lagonigro

    • Gratis
    • dal 14 al 29 febbraio 2020
    • Museo Civico di Foggia

I più visti

  • Torna il Carnevale di Manfredonia: musica, eventi per bambini, rassegne culturali e artisti locali nel fitto calendario di appuntamenti

    • dal 23 febbraio al 1 marzo 2020
    • Centro
  • Tutto pronto per il Carnevale Apricenese: il programma degli eventi

    • Gratis
    • dal 9 febbraio al 1 marzo 2020
    • APRICENA
  • Il secondo carnevale dei tre casali a Casalnuovo, Casalvecchio e Castelnuovo

    • dal 16 al 25 febbraio 2020
    • Casalnuovo Monterotaro - Casalvecchio di Puglia - Castelnuovo della Daunia
  • A Foggia il primo cineforum in lingua tedesca

    • dal 21 gennaio al 3 marzo 2020
    • Sala Farina
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FoggiaToday è in caricamento