Per non dimenticare: Libera porta a Foggia l'auto della scorta di Falcone

La “Quarto Savona Quindici”, l’automobile usata dalla scorta del giudice Giovanni Falcone al momento della strage di Capaci, sarà in città nei pressi della Caserma Miale per una riflessione condivisa

La “Quarto Savona Quindici”

Lunedì 9 maggio, arriverà a Foggia la “Quarto Savona Quindici”, l’automobile usata dalla scorta del giudice Giovanni Falcone al momento della strage di Capaci. L’iniziativa, realizzata da Libera Foggia in collaborazione con la Questura di Foggia, rientra nel progetto “Sulla scorta degli uomini coraggiosi”.

Si tratta di un progetto regionale che, in varie tappe, si pone l'obiettivo di ricordare la strage di Capaci, partendo dagli agenti pugliesi della scorta, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani, e di lanciare spunti d'impegno nei vari territori toccati. Il progetto è attuato in collaborazione con l’associazione, “Nomeni”, fondata da Matilde Montinaro, sorella di Antonio.

In tutte le città l’auto sarà collocata in un'area circoscritta da pannelli recanti la rassegna stampa dei giornali dell'epoca, dal pannello con l’indicazione della strada che l'auto percorreva e dell’orario dell'esplosione; inoltre, saranno esposte foto che riguardano la vita di Antonio, Rocco e Vito al di fuori dell'impegno come uomini della scorta, con lo scopo di dare un'idea di quella che è la “normalità” delle loro famiglie, dei loro affetti, delle loro passioni.

Per la tappa di Foggia la “Quarto Savona Quindici” stazionerà presso la Caserma Miale di Piazza Italia (ex scuola di Polizia) e sarà visitabile per tutta la giornata. La mattina, dalle 9.30 in poi, sarà dedicata alle scuole, con interventi di Libera e delle forze dell'ordine sul periodo delle stragi in Sicilia, sul lavoro di contrasto al crimine della Polizia e dell'antimafia sociale, provando a fare un parallelismo con la storia e la criminalità locale.

L’iniziativa sarà arricchita dall’intervento di Matilde Montinaro e da un reading teatrale a cura del “Cerchio di Gesso”. La sera, alle 19, ci sarà un'iniziativa conclusiva, aperta alla cittadinanza, durante la quale ci si concentrerà maggiormente sull'attualità criminale e sulla situazione difficile che la nostra Provincia sta vivendo. 

Potrebbe interessarti

  • Zanzare: perché pungono solo alcune persone

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

  • Ginnastica da scrivania: quali esercizi fare mentre si è al lavoro

  • Le app beauty da avere sullo smartphone

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Foggia, scontro tra un'auto e un motorino: la vittima ha 15 anni

  • Foggia sotto shock, immenso dolore per la morte di Gianluca: "Dio dacci la forza". La prof. "Come lui davvero pochi"

  • Maxi concorso per infermieri, come per gli Oss a Foggia: 1000 i posti disponibili in Puglia

  • Frontale auto-moto nei pressi del Comune, la due-ruote scivola e investe due persone: tre feriti

  • Roberta non è morta strangolata: i funerali forse venerdì, a San Severo sarà lutto cittadino

  • Feltri ce l'ha con Foggia e il Sud, bordate a Conte e appello a Salvini: "Metti fine a questa forma di banditismo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento