Renzo Arbore fa ballare Foggia: piazza Cavour 'scoppia', il Ferragosto è una festa

Il mattatore di 'Indietro tutta' fa divertire le generazioni dei padri e quelle dei figli. Tre ore dense di spettacolo, durante le quali lo showman foggiano non si è risparmiato per il suo pubblico. L'Operazione Galluccio è riuscita

Il pubblico per Renzo Arbore (Foto D'Agostino)

Un concerto così, a Foggia, non lo si vedeva da tempo. Un mare di persone in piazza Cavour, una fiumana che ha raggiunto anche piazza Umberto Giordano e le strade limitrofe. Altro che dissapori tra Renzo Arbore e la sua città: Foggia ha travolto il “signore della tv” con il suo affetto ed entusiasmo, in un concerto durato circa tre ore.

Non si è risparmiato, sul palco, il mattatore di Indietro tutta, supportato dalla bravura 15 elementi dell’Orchestra Italiana. Vent’anni dopo il suo ultimo concerto di piazza a Foggia, Renzo Arbore torna della sua città natale, indossando per l’occasione una camicia rossonera (in omaggio ai colori della città, la cui squadra di calcio era impegnata a Verona), e proprio nel capoluogo dauno festeggia i suoi 50 anni di carriera.

Arbore prende per mano i classici della canzone napoletana, li mescola alle ambientazioni del Sud e li accompagna in giro per il mondo, rivestendoli di ritmo e musicalità nuove. Jazz, swing, reggae, latino-americani, country-western, ce n’è davvero per tutti i gusti: ed è questa la ricetta del successo del connubio "Renzo Arbore e l’Orchestra Italiana" che da decenni continua a far ballare il mondo intero. Foggia compresa.

Ad aprire il concerto Reginella, a chiuderlo Luna Rossa; nel mezzo nel mezzo gli omaggi ai grandi della canzone napoletana e italiana: da Totò a Murolo, da Carosone a Modugno. Pubblico in visibilio per il repertorio musicale della “rivoluzione arboriana” della TV: Vengo dopo il tiggì, Il clarinetto, Ma la notte no, Il Materasso e Cacao Meravigliao, che fanno ballare e divertire le generazioni dei padri e quelle dei figli.

Tra un aneddoto e l’altro, Arbore si commuove pensando agli amici che non ci sono più - Arnaldo Santoro, Franco Tolomei e Matteo Salvatore -, si intenerisce pensando ai suoi maestri (“perché la canzone napoletana io l’ho incontrata e conosciuta a Foggia”, puntualizza), e si diverte pensando ai suoi primi compagni di avventura, nel mondo della musica, e alle tante avventure vissute insieme. Poi si sottopone, con ironia e leggerezza, ad un "esame di foggianità" che supera a pieni voti con l'amico Antonio Ricci. La lode, invece, l'ha assegnata la città. L'Operazione Galluccio è riuscita. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riparte l'estate "strana" della Puglia: spiagge aperte da lunedì 25 maggio. Dal 1 luglio obbligo di apertura degli stabilimenti

  • Tragedia a Manfredonia: auto in mare, morta donna

  • Tragico incidente stradale sulla 'Adriatica': morto operaio foggiano, il terribile schianto contro un albero

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Coronavirus: zero contagi e zero morti in provincia di Foggia

  • "Chiudo la movida". Emiliano: "Sono pronto". E nella 'Spaccanapoli' di Foggia assembramenti senza mascherine

Torna su
FoggiaToday è in caricamento