Peppe Zullo firma la festa degli 80 anni di Lino Banfi: “Un grande onore”

I piatti del cuoco orsarese per la festa degli 80 anni di 'nonno Libero'. L'omaggio dell'attore allo chef: "Ci piace mangiare bene, ecco perché c'è Peppe"

Un momento della festa

“Noi siamo pugliesi, a noi piace mangiare bene, ecco perché io e Peppe Zullo siamo amici”. Davanti alla torta dei suoi 80 anni, Lino Banfi ha voluto omaggiare il cuoco che ha deliziato i suoi ospiti con specialità rigorosamente made in Puglia.

Al compleanno di “nonno Libero”, con tutta la famiglia dell’attore, i piatti preparati dallo chef orsarese e dal suo staff sono stati gustati da ospiti di grande rilievo, da Pippo Baudo a Renzo Arbore, Eleonora Giorgi, Amedeo Minghi, Mara Venier, Bruno Vespa, Nancy Brilli, il sindaco di Roma Virginia Raggi, tutto lo staff di Un medico in famiglia, Gianni Letta e Massimo Giletti.

Sono stati circa 300 gli invitati. “La cucina di Peppe”, ha aggiunto Banfi, “mi ricorda di quando ero bambino, del legame di mio padre con la nostra terra”. Lino e Peppe, e la loro amicizia nata in cucina, sono stati intervistati insieme, hanno raccontato di come preparano le ‘ostriche di montagna’ ricavate da semplici foglie di borragine. “E’ stato un grande onore per me e per il mio staff preparare i piatti in una serata così importante e significativa”, ha detto lo chef di Orsara.

“Lino ha una vitalità travolgente, oltre all’umiltà e all’intelligenza di un grande uomo”. Qualche giorno prima della festa degli 80 anni di Lino Banfi, Peppe Zullo e il suo staff hanno reso più gustoso il Gran Ballo della Luiss, una delle istituzioni universitarie più importanti e prestigiose d’Europa, al quale hanno partecipato circa 2000 persone. E così è stato per le nozze più fastose e scintillanti del secolo: nei due più famosi matrimoni indiani festeggiati in Italia, il made in Puglia con tocco ‘zulliano’ è stato apprezzato da ospiti provenienti da ogni parte del globo.

“L’ho detto anche al Festival della soft economy, nella quattro giorni organizzata recentemente da Symbola a Treia: c’è grande ‘fame di Italia’ nel mondo, e la Puglia è una delle regioni più apprezzate per la passione e la cultura che caratterizza ogni cosa, dalla musica al cibo, dal paesaggio all’arte”, ha detto Peppe Zullo. “Io sono un emigrante al contrario: 30 anni fa, decisi di tornare a Orsara dopo alcuni anni passati a lavorare e a imparare negli Stati Uniti e in Messico. E’ una scelta che rifarei”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Ghetto dei Bulgari, il Comune ci riprova: lo sgombero il 27 giugno, ma l'ordinanza sarebbe sbagliata

    • Cronaca

      Con tute da imbianchino e fucili a canne mozze rapinano 'Lottomatica' in piazza Aldo Moro

    • Cronaca

      Mille euro al mese per alloggiare in una casa di riposo priva di autorizzazioni: blitz della polizia

    • Cronaca

      Diciottenne incensurato arrestato a Vieste: in casa, nascondeva 1.7 kg di marijuana

    I più letti della settimana

    • La Capitanata location di un film importante: si cercano comparse, i casting a Bovino

    • Al Carpino Folk Festival torna Vinicio Capossela

    • Da 'Borgo in festa' alla dance di Gabry Ponte: tutti gli eventi del week-end

    • Tre foggiani campioni di 'Reazione a Catena', il game show di Amadeus su Rai Uno

    • Mons. Agostino Ernesto Castrillo è ‘Venerabile’: fu parroco della chiesa ‘Gesù e Maria’ di Foggia

    • Torremaggiore candida i ruderi di 'Castel Fiorentino' a Patrimonio Unesco

    Torna su
    FoggiaToday è in caricamento