Un docu-film su Ralph De Palma, la leggenda automobilistica di Biccari che ispirò Enzo Ferrari

Il docu-film del regista romano Antonio Silvestre arà realizzato attraverso un’azione di crowdfunding

Ralph De Palma

Il regista romano Antonio Silvestre firmerà la regia di un documentario dedicato alla più grande leggenda automobilistica della storia: Ralph De Palma, l'uomo più veloce del mondo capace di imprese che lo hanno portato di diritto nell'olimpo dell'automobilismo americano e mondiale. Lo stesso Enzo Ferrari, rispondendo a domande su chi avesse ispirato la sua carriera e i suoi successi, fece il nome di Ralph De Palma. Il docu-film sarà realizzato attraverso un’azione di crowdfunding.

Raffaele “Ralph” De Palma era nato a Biccari, in provincia di Foggia, nel 1882. Emigrò negli Stati Uniti nel 1893 ed iniziò a guidare le auto da corsa nel 1908 dopo aver praticato ciclismo e motociclismo con altrettanta capacità e conseguendo numerose vittorie. Nel 1915 vinse la “500 Miglia di Indianapolis” con una Mercedes, casa automobilistica della quale segnerà i principali successi internazionali. Dal 1915 a oggi nessun altro pilota italiano ha più vinto a Indianapolis! Ralph De Palma è ancora ricordato per il modo drammatico in cui perse l’edizione della “500 Miglia di Indianapolis” del 1912: dopo aver guidato in testa la gara per 196 dei 200 giri, la sua Mercedes ruppe un pistone a due giri dalla fine; lui e il suo meccanico dovettero spingere la pesantissima auto sul traguardo (classificandosi all'11° posto) ma raccogliendo più applausi del vincitore.

Nel 1912 e 1914 il pilota biccarese vinse il Campionato Nazionale degli Stati Uniti e nel 1929 quello canadese, divenendo per ben tre volte campione mondiale di automobilismo. A quel tempo l’attuale Formula 1 era infatti denominata A.A.A. (American Automobile Association) ma era l’equivalente del campionato che attualmente vede primeggiare assi del volante come Hamilton e Vettel. Nel 1919 batté anche il record mondiale di velocità, correndo alla straordinaria media di 241 km orari, velocità che in quell’epoca nemmeno gli aerei raggiungevano. Tutte le principali vittorie conseguite da De Palma hanno una importanza storica per lo sport italiano perché la vittoria a Indianapolis (1915), due dei tre titoli mondiali vinti (1912 e 1914) e il record mondiale di velocità (1919) furono tutti conseguiti quando era ancora cittadino italiano: la cittadinanza americana l’avrebbe conseguita, infatti, solo nel 1920.

De Palma è poi una stella assoluta del firmamento automobilistico mondiale per l'incredibile numero di gare complessivamente vinte in carriera: 2.557 su 2.889 disputate: nessuno nella storia dello sport ha mai fatto meglio di lui!  Il docu-film seguirà le gesta del pilota dalla partenza dal suo paese natale, Biccari, piccolo centro dei Monti Dauni, fino ai suoi successi in terra statunitense. In America la sua fama, il suo stile e le sue vittorie contribuirono a modificare il giudizio che si aveva fino ad allora degli emigrati italiani, motivo per cui De Palma va ricordato come il Campione dei Motori e dei Valori.  Per sostenere il docufilm – per la cui realizzazione si spera di raggiungere il budget previsto di 50.000 euro – cliccate sul link e seguite le istruzioni:

https://www.produzionidalbasso.com/project/ralph-de-palma-luomo-piu-veloce-del-mondo/

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ANTONIO SILVESTRE (Roma, 1976). Regista e sceneggiatore, si laurea in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma. Come aiuto regista lega il suo nome a registi di successo come Giorgio Capitani con il quale realizza Papa Luciani (2005), Puccini (2008), Il Restauratore (2010), Dove la trovi una come me? (2010); come Giacomo Campiotti, nel doppio ruolo di aiuto regista e attore al fianco di Gigi Proietti nella miniserie tv Preferisco il paradiso (2009). Con Alessandro Aronadio realizza il film Due vite per caso (2009) presentato alla 60° edizione del Festival di Berlino, Orecchie presentato alla 73° Mostra del Cinema di Venezia ed infine Basta Credere - Io C'è, in uscita nel 2018; collabora inoltre con Massimo Spano nelle miniserie tv I Figli strappati (2005), Caccia segreta (2006) e Una madre (2008). Negli ultimi anni lega il suo nome a successi televisivi come Caruso - la voce dell’amore (2012) regia di Stefano Reali con il quale firma come regista della seconda unità la serie Rimbocchiamoci le maniche (2016). Nel 2017 pubblica il romanzo Matrimonio istruzioni per l'uso ed affianca il premio Oscar, Giuseppe Tornatore nella realizzazione di un Docufilm sugli stilisti Dolce e Gabbana. Ha collaborato inoltre con Luciano Melchionna, Antonio Frazzi, Heather Parisi, Pupi Avati, Alberto Sironi, Claudio Bonivento, Gianni Lepre, Cinzia Th. Torrini, Lorenzo Sportiello. Dopo il cortometraggio del 2010, I sogni son desideri, interamente girato a Londra, ha diretto il film breve La Stagione dell’amore, presentato in anteprima al Festival Internazionale del Film di Roma 2012. Attualmente in preparazione il suo primo lungometraggio La Principessa e il Rospo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Foggia: trovato cadavere in un'auto

  • Coronavirus: le persone con il gruppo sanguigno A sviluppano sintomatologie più gravi, gruppo 0 è più protetto

  • Omicidio a Cerignola: uccisa donna di 41 anni in via Fabriano, il marito il principale indiziato del delitto

  • "Il botto è stato tremendo". Carabinieri evitano il linciaggio di due giovani, nel tamponamento ferito un bambino

  • Violenza sessuale su ragazza di 20 anni. Il racconto tra le lacrime: "Mi teneva così stretta che non riuscivo a liberarmi"

  • A Vieste l'alloggio è gratis: appartamento fronte mare in cambio di 5 ore al giorno con i cani dell'oasi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento