Torna a Bovino la Cavalcata storica in onore di Maria Santissima Valleverde

Si terrà giovedì 29 agosto a Bovino la Cavalcata storica, evento in programma ogni anno per i festeggiamenti in onore di Maria Santissima di Valleverde.

La Cavalcata storica si svolge ininterrottamente da 168 anni, non vedendo interruzioni neanche durante i periodi bellici. La manifestazione si svolgerà alla presenza di un parterre nutrito di autorità civili, religiose e militari, alla presenza del Cardinal Salvatore De Giorgi, al quale il Comune di Bovino ha riconosciuto la cittadinanza onoraria nel 2014.

PROGRAMMA

ORE 9:00

SANTUARIO DI VALLEVERDE (Loc. Valleverde - Bovino)

Benedizione dei cavalli, dei cavalieri e simbolico rito dell’offerta dell’olio che rievoca l’omaggio delle Autorità Civili alle Autorità Religiose del tempo, presso il Santuario, per rinsaldare, grazie alla comune devozione a Maria, i legami tra la Chiesa e la Municipalità locale.

ORE 10:00

BOVINO

INIZIO CORTEO STORICO PER LE VIE PRINCIPALI DEL PAESE.

Il corteo si compone di quadri in costume d’epoca che rievocano i momenti più importanti della storia bovinese, dal Medioevo al ‘900. A seguire, la cavalcata storica che costituisce un momento di altissima aggregazione che accomuna i cittadini dell’intero territorio montano e provinciale e incide fattivamente sul turismo del paese che in questo periodo vede triplicare la sua popolazione.

ORE 12:00

PREMIAZIONE DEI CAVALIERI

ORE 19:00

Solenne Processione in onore di Maria Santissima di Valleverde

NOTIZIE SULLA CAVALCATA STORICA IN ONORE DI MARIA SANTISSIMA DI VALLEVERDE

Un momento altamente caratterizzante della vita religiosa e culturale di Bovino e della sua Diocesi è stato rappresentato dal 1266 in poi con l’Apparizione della Madonna di Valleverde nel bosco di Mengaga ove fu costruito l’omonimo Santuario. Era vescovo Pietro della Scalera quando Marino Boffa, signore di Bovino, chiese ed ottenne dalla regina Giovanna II d’Angiò il diploma del 15 Giugno 1534 col quale si concedeva il privilegio della fiera per 9 giorni di ogni anno, 4 giorni prima e 4 dopo, la festa della decollazione di S. Giovanni Battista, che ricorre appunto il 29 Agosto.

Nel Sinodo Diocesano, poi, celebrato a Bovino dal Vescovo Galderisio nel 1631, fu sanzionato che il 29 Agosto fosse giorno festivo di precetto e segnasse l’anniversario della Consacrazione del Santuario di Valleverde. L’avvenimento è importante perché il 29 Agosto rappresenta il giorno più sacro per i Bovinesi, il giorno dedicato alla Santissima di Valleverde, protettrice del paese, alla fiera, alle feste, alla famosa “Cavalcata” che da allora si ripete fedelmente ogni anno in questo fatidico giorno. Con la Cavalcata Storica Bovino festeggia la sua Protettrice, Maria S.S. di Valleverde, e rievoca il suo passato. Il Simbolico rito dell’offerta dell’olio, da parte di un comune dell’Antica Diocesi, rievoca l’omaggio che le Autorità Civili rendevano alle Autorità Religiose del tempo presso il Santuario per rinsaldare, grazie alla comune devozione a Maria, i legami tra la Chiesa e la Municipalità locale.

Il corteo, cui partecipano le massime Autorità cittadine, militari e religiose dei paesi limitrofi, della Provincia e dell’antica diocesi, ciascuna col proprio stendardo, avviene in forma solenne e si compone di quadri in costume d’epoca che rievocano i momenti più importanti della storia bovinese.

Il primo quadro, preceduto da rullo di tamburi e squilli di trombe, rievoca l’epoca medievale dell’apparizione della Madonna al legnaiolo Niccolò (1266) con l’ingresso in città della statua della Madonna scortata da cavalieri e dame col seguito dei popolani.

Il secondo quadro ricorda la visita resa al santuario dalla Serenissima donna Maria d’Austria, sorella del Re di Spagna Filippo IV e sposa di Ferdinando d’Austria, in occasione della sua permanenza a Bovino presso la corte dei duchi Guevara nel 1630. Ella vi giunse con una scorta di 2000 uomini tra fanti e cavalieri. Segue il quadro settecentesco che rappresenta il Duca Giovanni Maria Guevara e la Duchessa Anna Maria Suardo (1750) col seguito delle famiglie notabili (Alfieri, Macchiarelli, Verzilli, Barone, Pisani). I Duchi Guevara, signori di questa terra per circa quattro secoli, in tale occasione aprivano le loro stalle e mettevano a disposizione della comunità cavalli e carrozze per percorrere il tragitto dal Santuario al paese.

Il Gruppo folk “La Contadinella” rappresenta, insieme ad altri, la tradizione popolana contadina di fine ‘800 e inizio ‘900 che sempre ha primeggiato nella devozione a Maria di Valleverde.

Il Corteo si conclude con i Notabili del ‘900 e con cavalieri avanzanti su bellissimi cavalli preceduti dalle Autorità civili, militari e religiose locali e della Provincia. Il Corteo, preceduto dal rito civile – religioso presso il santuario, parte dall’ingresso del paese, si snoda lungo il Corso principale tra due fitte ali di popolo preso da grande entusiasmo, procede verso il Castello Ducale fino alla Cattedrale ove avviene la benedizione dei Cavalieri da parte dell’Arcivescovo e successivo ritorno di tutti i gruppi partecipanti su Corso V. Emanuele. La “Cavalcata storica” costituisce un momento di altissima aggregazione che accomuna i cittadini dell’intero territorio montano e provinciale e incide fattivamente sul turismo del paese che in questo periodo vede triplicare la sua popolazione. In modo particolare la “Cavalcata Storica” rappresenta una delle manifestazioni più sentite dai bovinesi residenti e dai circa 8000 bovinesi emigrati a Prato e all’ estero, con particolare riferimento agli emigrati in Canada.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Religione, potrebbe interessarti

I più visti

  • Alessandro Casillo in concerto a Foggia, ospite della terza sagra del Pancotto della Pro Loco

    • Gratis
    • 19 ottobre 2019
  • Ad Apricena va in scena la partita del cuore

    • 19 ottobre 2019
    • MadrePietra Stadium
  • A Foggia la prima masterclass per assaggiatori di pizza

    • 22 ottobre 2019
    • Pizzeria Moreh
  • Ripartono le attività di animazione gratuite all’InfoPoint di Peschici

    • Gratis
    • dal 18 luglio al 26 ottobre 2019
    • Infopoint
Torna su
FoggiaToday è in caricamento