Zapponeta dice addio al deposito di Gpl e si collega alla rete nazionale Gas Metano

Il Comune ha dato incarico alla società Sciaria srl di formulare una relazione volta allo scioglimento della convenzione con Gas Natural stipulata nel '92. Il sindaco: "Doveroso analizzare le criticità legate alle utenze e trovare le giuste soluzioni"

Il deposito Gpl

Stop al deposito gpl per il Comune di Zapponeta. Lo ha deciso la giunta comunale nella delibera n. 43 approvata lo scorso 26 ottobre, nella quale è stato dato incarico alla società “Sciara srl” di Crema per lo studio e la formulazione di una relazione tesa allo scioglimento della convenzione tra il Comune di Zapponeta e la Gas Natural.

La convenzione fu stipulata nel 1992 quando il Comune affidò alla PittaGas di Lucera (ora Gas Natural) la concessione di 30 anni per la realizzazione nel territorio comunale della rete di distribuzione di gas metano, con deposito cittadino, tramite carro bombolai, a 50 metri dalle abitazioni e a pochi metri da opifici locali.

Nel 2007, precisamente il 24 dicembre, per cause sconosciute, il deposito di gas metano andò in fiamme, con la conseguente deflagrazione dell’impianto. Intorno alle ore 2:00 l’intera popolazione fu fatta evacuare dal centro cittadino. “Da allora, è rimasto indelebile nei nostri ricordi, come la pericolosità del deposito all’interno del centro abitato, e come anche la necessità di collegarsi alla rete Nazionale del gas metano”, dichiara in una nota il sindaco di Zapponeta Vincenzo D’Aloisio.

A seguito di normative nazionali, la gestione del gas metano nei comuni sarà affidata a degli ambiti, individuati come ATEM. Il Comune di Zapponeta rientra nell’ATEM Foggia 1, e nel frattempo la Stazione Unica Appaltante si è fatta carico delle spese dell’incarico che il Comune ha dato alla societa SCIARA srl, specializzata appunto nello stimare il valore residuo della concessione, il rimborso al gestore uscente (GAS NATURAL) e nel verificare le condizioni dell’impianto esistente sul nostro territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Con difficoltà e nel silenzio, la nostra Amministrazione lavora su tutti i fronti per il bene della comunità. È doveroso, per questa Amministrazione, analizzare le criticità legate alla utenze della rete del metano, dell’acqua potabile, dell’illuminazione pubblica e della rete elettrica, dando le giuste soluzioni”, la chiosa del primo cittadino. Gli fa eco il consigliere Matteo Capocchiano delegato al ramo: “Zapponeta merita il meglio. Faremo il possibile per affrontare i problemi nel migliore dei modi, senza intaccare il bilancio comunale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • In arrivo un nuovo decreto, filtra una bozza: restrizioni fino al 31 luglio e multe fino a 4mila euro per i trasgressori

  • Capitanata sotto choc, medico muore nell'inferno del Coronavirus. "Unica colpa è di aver fatto il suo dovere"

  • Coronavirus: due città diventano 'zona rossa' con almeno 51 casi positivi, quattro sono amaranto e tre lilla

  • Bollettino tragico: quattro morti in provincia di Foggia, solo oggi 120 positivi al Coronavirus in Puglia

  • "Mai visto nulla di simile". Dentro l'ospedale Covid di Casa Sollievo. Il dr Del Gaudio: "Il lavoro è duro e complesso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento