400mila euro per valorizzare la Torre San Felice: "E' tra i simboli più importanti del Gargano"

L'assessore Pecorelli: "La valorizzazione della Torre non passerà solo attraverso il mero restauro, ma ci saranno anche interventi di riqualificazione dell’area circostante e della viabilità per un accesso in sicurezza all’area" 

La Torre San Felice

La Regione Puglia (Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio) nell’ambito del progetto “CoHeN - COASTAL HERITAGE NETWORK” (InterregItalia -Grecia 2014-2020) ha finanziato con 406.000 euro la “Progettazione preliminare e esecutiva, direzione lavori, interventi infrastrutturali e non infrastrutturali della Torre di san Felice, uno dei luoghi cartolina di Vieste e del Gargano.

Nello specifico il Progetto CoHeN ha come finalità la valorizzazione culturale del sistema costiero inteso come patrimonio di manufatti storici e contemporanei e correlati ambienti naturali, di attività economiche e culturali connesse con detto patrimonio, per la creazione di un itinerario collegato alla costa ionico adriatica definito come “Cammino costiero Adriatico – Ionio”.

“L’amministrazione comunale di Vieste – evidenzia l’assessore ai Lavori Pubblici, Mariella Pecorelli -  ha creduto immediatamente nel progetto ritenendo questa una opportunità importantissima perché si potesse concretizzare la valorizzazione di uno dei simboli più importanti di Vieste, la Torre di San Felice. Pertanto siamo felici che ancora una volta la Regione Puglia ha sostenuto il Comune di Vieste nel perseguire l’obiettivo di valorizzazione del proprio patrimonio storico – architettonico". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La valorizzazione della Torre non passerà solo attraverso il mero restauro, ma ci saranno anche interventi di riqualificazione dell’area circostante e della viabilità per un accesso in sicurezza all’area. Contestualmente saranno da costruire reti di cooperazione locali (manutenzione e valorizzazione), nazionali (promozione) e internazionali (sviluppo) attraverso incontri, workshop, convegni; realizzare iniziative e strumenti di comunicazione in termini territoriali e turistici del patrimonio del Cammino costiero; elaborazione di linee guida per l’ampliamento del sistema culturale turistico”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla A14 nel Foggiano: morto intrappolato tra le fiamme il conducente di un camion

  • Omicidio a Cerignola: uccisa donna di 41 anni in via Fabriano, il marito il principale indiziato del delitto

  • A Vieste l'alloggio è gratis: appartamento fronte mare in cambio di 5 ore al giorno con i cani dell'oasi

  • Il tuffo in mare, il malore e la morte: annega a Vieste Rossano Cochis, braccio destro di Vallanzasca detto 'Nanu'

  • Ultima ora: 12 arresti nell'operazione 'Turn-over'. Sgominato traffico di droga, metodi mafiosi e armi a Trinitapoli

  • Assalto paramilitare al blindato portavalori della Cosmopol: sgominata la banda, arresti anche nel Foggiano

Torna su
FoggiaToday è in caricamento