Foggia in alto e più europea: la BCE si "affida" alla Cartiera per la produzione di 'carte speciali di sicurezza'

La Cartiera di Foggia sito produttivo di Valoridicarta, la società in house del Poligrafico e della Banca d'Italia, accreditata dalla BCE per la realizzazione di carte filigranate di alto livello con elementi olografici di sicurezza e anticontraffazione

La Cartiera di Foggia

“Valoridicarta S.p.A.” è la nuova Società in house del Poligrafico e della Banca d’Italia che, dopo l’iter di accreditamento conclusosi positivamente da parte della Banca Centrale Europea (BCE), è destinata a realizzare carte filigranate di alto livello con elementi olografici di sicurezza e anticontraffazione, per la produzione di banconote e di documenti di riconoscimento, in particolare di passaporti.

Il taglio del nastro nello stabilimento del capoluogo dauno è avvenuto questo pomeriggio alla presenza del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che nel suo intervento ha rimarcato le sue origini: "Sono figlio di questo territorio, oggi sono qui a celebrare la rinascita di uno stabilimento che solo pochi anni fa sembrava destinato a scomparire. L'obsolescenza tecnologica, la mancanza di opportunità di mercato avevano messo in esistenza l'esistenza stessa di questo stabilimento produttivo."

Per il Premier "la nascita di Valoridicarta realizza una operazione di sistema di cui l'Italia ha bisogno, offre una nuova prospettiva a una realtà industriale e questo grande risultato viene raggiunto coniugando la produzione della carta con il moderno"

Il sito produttivo è la Cartiera di Foggia, lo stabilimento del Poligrafico operante nel sud d’Italia, che negli ultimi anni è stato oggetto di importanti investimenti per l’attuazione di una strategia di riposizionamento e rilancio sia in termini di ampliamento della capacità produttiva che di rinnovamento tecnologico con l’obiettivo di coniugare capacità innovativa ed efficienza industriale. In questo modo il Poligrafico si configura come uno dei pochi player europei in grado di presidiare un ciclo integrato con impianti tecnologici avanzati e qualitativamente all’avanguardia.

Il Poligrafico e Zecca dello Stato, azienda partecipata del Mef al 100%, con una missione importante attribuitale dallo Stato, quale quella di produrre “carte valori”, si riappropria, internalizzandole, di attività sensibili e di competenze che, per ragioni di garanzia e tutela, devono essere mantenute nella sfera pubblica.

La società Valoridicarta Spa, nata dall’accordo sottoscritto nel luglio 2018 dal Poligrafico e Zecca dello Stato e Bankitalia, è stata ufficialmente costituita nel novembre 2018 secondo il modello dell’in-house providing. L’obiettivo è costituire in Italia un polo industriale di eccellenza attraverso un modello di produzione integrata – carta ed elementi olografici di sicurezza – che rende Valoridicarta unica nell’Eurosistema.

Il processo di accreditamento presso la BCE per la produzione di carta per banconote, condotto tra dicembre 2018 e maggio di quest’anno, ha attraversato diverse fasi. In particolare, l’audit in ambito “security” ha rappresentato l’elemento abilitante per la conclusione dell’iter di verifica del possesso integrale dei requisiti in ambito sicurezza, qualità, ambiente, salute e sicurezza sul lavoro, secondo quanto stabilito dalla Decisione BCE del 20 dicembre 2013 (BCE/2013/54).

La Società ha conseguito, inoltre, importanti certificazioni quali ISO 9001, ISO 14001 e ISO 45001. Valoridicarta sarà organizzata secondo linee Produttive: Linea Produttiva Carta Speciale (macchina continua in tondo e impianti collaterali), Reparto Filigrane, Linea di Applicazione Ologramma, Reparto Taglierina Valori, Produzioni Olografiche (dal 2020)

Le linee di produzione prevedono avanzati sistemi di tracciatura e controllo dell’intero processo produttivo (MTS - Mark and Trace System). Saranno prodotte tele filigranatrici con disegni e trame realizzate su misura. Fili di sicurezza da inserire nelle fasi di produzione della carta. Carte filigranate di alto valore con elementi di sicurezza. Foil olografici personalizzati da applicare sui fogli.

Carte speciali di sicurezza e Ologrammi

Con il termine “carte speciali di sicurezza” si indicano varie tipologie di carta con o senza filigrana, caratterizzate da specifici elementi di sicurezza, impiegate soprattutto nella produzione di documenti di identità e carte valori, quali banconote e soluzioni per l’autenticazione, che consentono di prevenire e combattere il fenomeno della contraffazione dei prodotti.

Al supporto carta di sicurezza possono essere aggiunti molteplici elementi per elevare il livello di complessità strutturale della stessa. Questi elementi possono essere aggiunti sia in fase di produzione dell’impasto della carta (es., fibrille, filo di sicurezza, ecc.), sia in fase di post-produzione (es., inchiostri e tecniche di stampa, striscia olografica, ecc.).

Gli ologrammi sono, per definizione, elementi di sicurezza di primo livello, palesi ed evidenti, e per questo riconoscibili da parte del pubblico, senza necessità di utilizzo di speciali dispositivi di lettura/decodifica per la loro verifica.

A seconda del prodotto sul quale l’ologramma deve essere applicato e al tipo di applicazione richiesto, esistono diverse nature che l’ologramma stesso può assumere: striscia olografica, filo olografico e patch olografica, overlay (applicati sul prodotto) e interlayer (sono strutturati nel prodotto).

Lo stabilimento di Foggia

Lo stabilimento di Foggia è oggi molto di più di un sito di produzione, è diventato un vero e proprio simbolo del modo in cui il Poligrafico intende ricoprire un ruolo determinante nello scenario dell’industria nazionale ed internazionale, come centro di competenza di riferimento per le soluzioni di sicurezza.

Costruito nel 1934 dalla società anonima IN.CE.DIT. (Industria Cellulosa d'Italia) per la produzione di cellulose da materie prime alternative, si trasforma quasi subito in cartiera, con l'installazione di una macchina continua per la produzione di carta.

Nel 1936 passa all’Istituto Poligrafico dello Stato, che ne completa l'ampliamento e lo adibisce alle esigenze di approvvigionamento dello Stato. All'inizio degli anni '60, la legge affida all'Istituto la produzione esclusiva di Carte Valori per lo Stato: presso lo Stabilimento viene attivata l'Officina Filigrana per la realizzazione di carta filigranata per gli usi di legge.

Nel 1971 si avvia la prima linea di produzione centralizzata delle targhe di circolazione per tutti i veicoli immatricolati in Italia. Dalla seconda metà degli anni ‘90 emerge la necessità di un profondo rinnovamento e conversione delle attività produttive, in relazione alle mutate esigenze sia ambientali che di mercato: nel 1997 viene completata la dismissione della produzione della cellulosa da paglia.

Dal marzo 2002 è stata attivata, presso lo Stabilimento, la stampa dei ricettari per il Servizio Sanitario Nazionale, e, nel settembre 2005, la stampa degli scontrini per il gioco del lotto.

Dal mese di aprile 2014, la produzione di carte valori dello Stabilimento è stata ulteriormente incrementata grazie all'introduzione della stampa dei bollini per i farmaci per il Servizio Sanitario Nazionale.

Da agosto 2018 è operativa anche la linea di produzione carte filigranate di alto valore e carte speciali di sicurezza.

Cosa si fa alla Cartiera di Foggia

Nel Polo Industriale di Foggia sono attualmente presenti le seguenti produzioni carte filigranate di sicurezza per la stampa delle carte valori (anche tramite Valoridicarta), carte comuni per la stampa di pubblicazioni ufficiali, per schede elettorali ed uso ufficio, carte adesivizzate duplex e triplex per la stampa valori, allestimento carta in bobine, formato e risme, ricettari medici per il Servizio Sanitario Nazionale, bollini per farmaci, sigilli di sicurezza per le Dogane, per contatori di energia elettrica, targhe di circolazione per veicoli e stampa carta di sicurezza per ricevute del Gioco Lotto e sostitutive di valori bollati.

Dal settembre 2014 il nuovo management aziendale ha ristabilito il ruolo fondamentale del plant industriale di Foggia, dapprima con l’avvio della produzione del 70% del fabbisogno nazionale dei bollini farmaceutici previsti dal Servizio Sanitario Nazionale e poi con il recupero nel 2016 della commessa degli scontrini del Gioco del Lotto.

Oltre al potenziamento delle produzioni tradizionali, è stato previsto l’avvio di importanti iniziative per il rilancio dello stabilimento con un piano di investimenti 2016-2021 di circa 144 milioni di euro.

In tale ambito, il sito di Foggia diventerà polo produttivo specializzato per: carte comuni, adesive, speciali/filigranate/valori. Elementi di sicurezza volti a prevenire il fenomeno della contraffazione. Stampa di prodotti finiti per la tracciabilità e l’anticontraffazione (Bollini Farmaceutici. Gioco-Lotto, Contrassegni, etc.) o Centro di replica («back-up a caldo») di attività sensibili (Targhe, personalizzazione documenti in formato card). Data Center al servizio delle produzioni, nuovo Centro per la Ricerca & Sviluppo applicata, in collaborazione con Università ed Enti di ricerca, orientato al rafforzamento del Poligrafico nelle attività «core» (elementi di sicurezza e tecniche di produzione avanzate).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Carabinieri setacciano l'area "internazionale" del Santuario di San Pio: scattano arresti e denunce

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • Ingerisce droga, neonata in coma a Foggia: "Monitoriamo parametri vitali, situazione stazionaria"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento