Bonifica aree inquinate, la Regione tira fuori i soldi: pronti 29 milioni per la discarica di Giardinetto

La Regione Puglia supporterà il Comune di Troia con un finanziamento iniziale di 29 milioni di euro, suddivisi per le due fasi progettuali, la prima riguardante la rimozione dei rifiuti sopraterra e presenti nei capannoni, cui seguirà luna seconda fase con a rimozione dei rifiuti interrati

Con la determina regionale n. 326, dello scorso 12 dicembre 2018, affissa all’albo il 3 gennaio, il Dirigente della Sezione, Giovanni Scannicchio, ha predisposto la concessione del finanziamento e l’impegno pluriennale per l’importo complessivo di quasi 70 milioni di euro, destinati alle Amministrazioni ammesse nella graduatoria della progettazione ed esecuzione di interventi di messa in sicurezza di emergenza e/o misure di prevenzione di siti interessati dalla presenza di sorgenti primarie di contaminazione o di sorgenti secondarie di contaminazione.

Di questi, 29 milioni di euro sono destinati al Comune di Troia per la rimozione dei rifiuti e per le operazioni attinenti alla bonifica dell’ex discarica abusiva di Giardinetto.
“All’indomani della visita al sito dell’ex I.A.O. srl in contrada Giardinetto da parte del Governatore regionale, Michele Emiliano, dello scorso novembre” riferisce il sindaco di Troia, Leonardo Cavalieri, “alcuni lungimiranti soloni locali, anziché gioire di quello che è un traguardo per la città di Troia e per tutte le comunità dei paesi limitrofi, avevano osato avanzare dubbi riguardo la veridicità di quanto assicurato dal Presidente. Se qualcuno avesse mai dubitato anche solo per un secondo che facessimo sul serio, oggi credo debba ricredersi e ammutolire di fronte alla determina regionale pubblicata ieri. È un atto formale che zittisce quanti hanno persino insinuato si trattasse di un intervento di campagna elettorale a favore dell’amministrazione che guido, una gravissima mancanza di rispetto per quanti hanno lavorato in questi anni tutti i santi giorni per addivenire ad un simile provvedimento. Grazie al Governatore Emiliano, a tutto il personale degli uffici regionali, all’assessore all’ambiente del Comune di Troia, Antonella Capozzo, e il consigliere di maggioranza, Angelo Moffa, grazie agli uffici tecnici comunali, abbiamo messo la parola fine ad una vicenda durata anni e che per anni aveva visto il totale disinteresse della classe politica locale”.

Rifiuti speciali e pericolosi, inumati anche sotto l’asfalto, saranno eliminati grazie ad un’operazione complessa per la quale la Regione Puglia supporterà il Comune di Troia con un finanziamento iniziale di 29 milioni di euro, suddivisi per le due fasi progettuali, la prima riguardante la rimozione dei rifiuti sopraterra e presenti nei capannoni, cui seguirà luna seconda fase con a rimozione dei rifiuti interrati. A questi seguirà infine l’esecuzione del piano di caratterizzazione per indagare l’eventuale inquinamento delle matrici ambientali.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Banda" di ragazzini semina il panico nel quartiere San Michele: denunciati atti vandalici, insulti e minacce

  • Cronaca

    VIDEO | Madre in lacrime al figlio Francesco: "Sono disperata, ti prego di tornare, per te ho lottato"

  • Cronaca

    Vanno a riscuotere il pizzo ma trovano la polizia: 5mila euro e 500 al mese, così taglieggiavano imprenditori dell'Artigiani

  • Cronaca

    Prima il sesso poi la violenza shock: trans picchiato, chiuso nel bagagliaio e scaricato in campagna: due arresti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Cerignola, identificate le giovani vittime: hanno 16 e 18 anni

  • Giovanissimi morti nell'incidente di via dei Mandorli: ai domiciliari 22enne, risponderà di omicidio stradale

  • Terribile incidente stradale, a Cerignola: scontro in via dei Mandorli, due le vittime

  • Giovanissime vite spezzate, lutto cittadino a Cerignola: "Colpita duramente la comunità"

  • Scomparso nel nulla da 72 ore, Foggia in ansia per Francesco. La madre: "Non so più cosa fare"

  • Oggi l'ultimo saluto ad Agostino e Aurora. L'avv. Assumma: "Il conducente rischia fino a 18 anni"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento