Lavoratori socialmente utili, in 13 verso la stabilizzazione a Manfredonia. I sindacati: "Moderatamente soddisfatti"

Pur essendoci le risorse finanziarie, il Comune non è in grado di procedere alle assunzioni per i vincoli del Patto di Stabilità. "Indispensabile un confronto in sede ministeriale per capire se e come derogare i vincoli del Patto”

Immagine di repertorio

“È stato definito un percorso istituzionale per la vertenza dei Lavoratori Socialmente Utili, rispetto al quale possiamo dirci moderatamente soddisfatti”. Così, Maurizio Carmeno, Carla Costantino e Gianni Ricci, Segretari Generali di Cgil, Cisl e Uil Foggia, al termine dell’incontro in Prefettura sui Lavoratori Socialmente Utili di Manfredonia, al quale hanno preso parte anche i tecnici della Regione Puglia, il Sindaco Angelo Riccardi e l’assessore comunale Innocenza Starace.

Per le confederazioni hanno inoltre preso parte all’incontro Mario La Vecchia e Margherita Vitulano (Cgil), Leonardo Piacquaddio, Urbano Falcone, Giovanni Dalessandro, Ilaria Amoruso (Cisl), Enzo Pizzolo (Uil). “Cogliamo positivamente la stabilizzazione di 13 unità a partire dal 1° febbraio 2019 comunicata dal sindaco Riccardi”, affermano Carmeno, Costantino e Ricci.

Alla Regione è stata avanzata richiesta ufficiale di “verificare le disponibilità finanziarie per un eventuale incremento degli incentivi regionali per gli esodi. Attualmente la quota disponibile è di 15mila per ogni esodo. Nel caso in cui si dovesse arrivare ad un buon aumento della cifra, una parte considerevole della platea storica di 147 LSU potrebbe essere interessata agli esodi”. L’altra questione posta sul tavolo è quella delle stabilizzazioni della quota rimanente di LSU.

“Pur essendo disponibili le risorse finanziarie, il Comune di Manfredonia non è in grado di procedere alle assunzioni per i vincoli del Patto di Stabilità. Rispetto a questo tema, in piena sintonia con l’Amministrazione Comunale di Manfredonia, riteniamo indispensabile arrivare ad un confronto in sede ministeriale per capire se e come sarà possibile derogare i vincoli del Patto”, affermano i segretari generali di CGIL, CISL e UIL Foggia.
Nelle prossime ore la Prefettura si farà carico di inviare una richiesta urgente di confronto al Ministero del Lavoro.
“Non è la prima volta che chiediamo un confronto al Ministero. Se, ancora una volta, le nostre richieste dovessero essere disattese, siamo pronti a dare vita ad una grande mobilitazione a Roma e ad esperire ogni azione utile e legittima al fine di fare chiarezza su una vicenda che ormai si trascina sulla pelle di tanti lavoratori da oltre un ventennio”, concludono Carmeno, Costantino e Ricci.
Le parti torneranno a incontrarsi in Prefettura il 5 febbraio.

Potrebbe interessarti

  • Peschici, un paradiso rovinato dal degrado: "L'inciviltà regna sovrana e subiamo i postumi delle notti brave"

I più letti della settimana

  • "Rara e dubbia presentazione clinica" del nascituro. La direzione del 'Riuniti' precisa: "Nessun abbaglio, adottata la corretta procedura"

  • Incredibile agli Ospedali Riuniti di Foggia: medici sbagliano il sesso di un neonato, genitori sotto shock

  • Dramma sfiorato a Peschici: rischia di soffocare al ristorante, salvato da un turista. "Maurizio, sei un eroe!"

  • Rissa di Ferragosto in pieno centro: scoppia lite tra due uomini, uno si scaglia contro gli agenti. Arrestato

  • Incidente stradale a Foggia, scontro frontale tra due auto in viale Fortore: cinque feriti

  • Prima il litigio, poi la violenza: uomo accoltellato in via San Severo, polizia interroga una donna

Torna su
FoggiaToday è in caricamento