Lavoratori socialmente utili, in 13 verso la stabilizzazione a Manfredonia. I sindacati: "Moderatamente soddisfatti"

Pur essendoci le risorse finanziarie, il Comune non è in grado di procedere alle assunzioni per i vincoli del Patto di Stabilità. "Indispensabile un confronto in sede ministeriale per capire se e come derogare i vincoli del Patto”

Immagine di repertorio

“È stato definito un percorso istituzionale per la vertenza dei Lavoratori Socialmente Utili, rispetto al quale possiamo dirci moderatamente soddisfatti”. Così, Maurizio Carmeno, Carla Costantino e Gianni Ricci, Segretari Generali di Cgil, Cisl e Uil Foggia, al termine dell’incontro in Prefettura sui Lavoratori Socialmente Utili di Manfredonia, al quale hanno preso parte anche i tecnici della Regione Puglia, il Sindaco Angelo Riccardi e l’assessore comunale Innocenza Starace.

Per le confederazioni hanno inoltre preso parte all’incontro Mario La Vecchia e Margherita Vitulano (Cgil), Leonardo Piacquaddio, Urbano Falcone, Giovanni Dalessandro, Ilaria Amoruso (Cisl), Enzo Pizzolo (Uil). “Cogliamo positivamente la stabilizzazione di 13 unità a partire dal 1° febbraio 2019 comunicata dal sindaco Riccardi”, affermano Carmeno, Costantino e Ricci.

Alla Regione è stata avanzata richiesta ufficiale di “verificare le disponibilità finanziarie per un eventuale incremento degli incentivi regionali per gli esodi. Attualmente la quota disponibile è di 15mila per ogni esodo. Nel caso in cui si dovesse arrivare ad un buon aumento della cifra, una parte considerevole della platea storica di 147 LSU potrebbe essere interessata agli esodi”. L’altra questione posta sul tavolo è quella delle stabilizzazioni della quota rimanente di LSU.

“Pur essendo disponibili le risorse finanziarie, il Comune di Manfredonia non è in grado di procedere alle assunzioni per i vincoli del Patto di Stabilità. Rispetto a questo tema, in piena sintonia con l’Amministrazione Comunale di Manfredonia, riteniamo indispensabile arrivare ad un confronto in sede ministeriale per capire se e come sarà possibile derogare i vincoli del Patto”, affermano i segretari generali di CGIL, CISL e UIL Foggia.
Nelle prossime ore la Prefettura si farà carico di inviare una richiesta urgente di confronto al Ministero del Lavoro.
“Non è la prima volta che chiediamo un confronto al Ministero. Se, ancora una volta, le nostre richieste dovessero essere disattese, siamo pronti a dare vita ad una grande mobilitazione a Roma e ad esperire ogni azione utile e legittima al fine di fare chiarezza su una vicenda che ormai si trascina sulla pelle di tanti lavoratori da oltre un ventennio”, concludono Carmeno, Costantino e Ricci.
Le parti torneranno a incontrarsi in Prefettura il 5 febbraio.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Lesina, presunti abusi edilizi nella 'tenuta' amata da Salvini. GdF nelle proprietà di Massimo Casanova

  • Cronaca

    Nuova tegola per Bonassisa: scattano i sigilli del Noe alla discarica della 'Cupello Ambiente'

  • Cronaca

    Stanato traffico di droga sull'asse Lucera - Isernia: così si facevano gli affari con la 'coca' in Molise

  • Economia

    'No' ad una discarica di rifiuti speciali tra Lucera e Pietramontecorvino: il Tar respinge il ricorso di Biogestioni

I più letti della settimana

  • Gino Lisa, ecco il piano di sviluppo dell'aeroporto per una Foggia Città d'Europa

  • Paura a San Nicandro: litigano in strada per un incidente, uno dei due estrae una pistola e spara contro l'auto "nemica"

  • Sfida i carabinieri in sella a una moto, gestacci e insulti ma durante la fuga si schianta contro un palo: arrestato

  • "Antonio per me era un fratello", il grande cuore di Denny nel brano-ricordo 'E mo’ si n’angelo': "E' per te amico mio"

  • Tragico incidente in viale XXIV Maggio: auto investe e uccide cane, padrone in ospedale per un malore

  • Incredibile parto a Foggia, bambino nasce in casa alla Macchia Gialla: benvenuto al mondo Michele!

Torna su
FoggiaToday è in caricamento