Voilà 'Slow Park', l'area mercatale di viale Manfredi fruibile dalla mattina alla sera: progetto di "qualità" da 2 milioni

Verso la smart city, a Foggia partono i lavori dello Slow Park di Viale Manfredi. Sarà un'area mercatale particolare, dedicata ai prodotti di qualità. Progetto da 2 milioni di euro

Slow Park

Apre il cantiere dell'area mercatale Slow Park in viale Manfredi, accanto al Nodo Intermodale. I lavori sono affidati all’Associazione Temporanea di Imprese Edil Sell.A s.r.l. e In Opera s.r.l. di Foggia.

Il contratto di appalto è stato firmato a novembre e il Comune ha già liquidato l'anticipazione del 20%. Il progetto è contemplato nel pacchetto di interventi del Programma di riqualificazione urbana 'Da periferia a periferia' ed è finanziato dal Governo con risorse a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione.

L'importo dei lavori ammonta a 1.848.969,36 euro, al netto dell’Iva. Il cartello di cantiere suscita la curiosità dei passanti, attratti dai rendering. È stata delimitata l'area dei lavori, quasi 7.500 metri quadri a ridosso di una palazzina fronte strada e proiettati verso il Palazzo delle Energie (Amgas), ed è stato chiuso al traffico veicolare il tratto di strada adiacente il Nodo Intermodale che da Piazza Vincenzo Russo costeggia la ferrovia, per consentire l'accesso dei mezzi al cantiere.

"Sarà un'area mercatale particolare, dedicata alle eccellenze, vocata alla promozione dei prodotti di qualità, fruibile dalla mattina alla sera": con una punta d'orgoglio, l'assessore alle Attività Economiche del Comune di Foggia Claudio Amorese illustra l'idea progettuale. La proposta, concepita nell'ottica della smart city, è partita dal suo assessorato. L'iter dell'intero programma, avviato nel 2016 con la candidatura dei progetti, è stato seguito prima da Francesco D'Emilio, già assessore comunale all'Urbanistica, e poi dall'assessore ai Lavori Pubblici Antonio Bove, oltre che dal sindaco Franco Landella.

È prevista la realizzazione di un parco attrezzato per le famiglie. Gli spazi coperti destinati al food, circa 14 posti, saranno dotati di cucine. Sarà predisposto un bando per l'affidamento della gestione. La qualità, nelle intenzioni dell'assessore Amorese, sarà uno dei requisiti indispensabili per declinare il concetto di slow food. Lo Slow Park sarà aperto solo alle bici e connesso con il Terminal. I tempi di realizzazione sono stimati in 18 mesi.

L'intervento, realizzato nell'ambito dell'azione generale di economia urbana del Programma, è concepito per aggredire il degrado sociale e urbano, agendo su un'ara considerata dal Comune a forte criticità sociale per la presenza della stazione ferroviaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riparte l'estate "strana" della Puglia: spiagge aperte da lunedì 25 maggio. Dal 1 luglio obbligo di apertura degli stabilimenti

  • Tragedia a Manfredonia: auto in mare, morta donna

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Tragico incidente stradale sulla 'Adriatica': morto operaio foggiano, il terribile schianto contro un albero

  • Coronavirus: zero contagi e zero morti in provincia di Foggia

  • "Chiudo la movida". Emiliano: "Sono pronto". E nella 'Spaccanapoli' di Foggia assembramenti senza mascherine

Torna su
FoggiaToday è in caricamento